casa discografica

Article

July 3, 2022

Una casa discografica o casa discografica, nota anche come etichetta discografica, casa discografica o etichetta discografica, è una società che si dedica alla realizzazione di registrazioni musicali, nonché alla loro commercializzazione e distribuzione. Alcune di queste aziende hanno i propri studi di registrazione e i propri professionisti, per cercare il miglior suono nella registrazione di un album musicale come produttori discografici. Inoltre, si occupa di produrre artisti di qualsiasi genere musicale, lanciare nuovi cantanti, fornire quanto necessario per promuoverli come produzione di videoclip, stampando opere musicali su CD e/o DVD (nei paesi in cui questi formati sono ancora redditizi) , promozione su radio, stampa, televisione e internet e, dall'inizio del 21° secolo, download di brani su piattaforme virtuali (streaming) e concerti, tra le altre cose. Attualmente, l'industria discografica sta cambiando il suo modo di funzionare a causa dei download non autorizzati su Internet e del crescente aumento mondiale della pirateria su CD e DVD, al punto da rendere questi formati promozionali economicamente impraticabili in molti paesi (soprattutto, in secondo e paesi del terzo mondo), costringendo le case discografiche a implementare nuove forme di vendita e modifiche ai contratti degli artisti per continuare nel mercato musicale.

Contratti record

I contratti stipulati con gli interpreti sono generalmente per produrre 2 o 3 opere musicali, se si comportano bene nella vendita e promozione dei loro album e singoli, il contratto si rinnova previo accordo di entrambe le parti. Se per qualche ragione l'artista non vuole continuare e decide di cambiare casa discografica senza che sia scaduto il suo precedente contratto, la casa discografica procede a intentare una causa per inadempimento contrattuale, che generalmente si risolve con il pagamento di una certa somma di denaro, costringendo l'artista a continuare con la casa discografica oa rescindere il contratto. A causa della diminuzione mondiale della vendita di opere discografiche, in gran parte generata dalla pirateria, le case discografiche hanno iniziato ad attuare un nuovo modello contrattuale denominato "360º Contract" che, a differenza di quello convenzionale, obbliga l'artista a rinunciare a parte dei suoi guadagni, ottenuti da qualsiasi attività in cui generi denaro; Ad esempio, se l'artista esegue una presentazione musicale, deve dare una percentuale degli utili alla casa discografica; in cambio, gli album musicali, i singoli oi videoclip prodotti dall'azienda diventano oggetti promozionali interamente finanziati dall'etichetta. Il rapporto tra artisti e case discografiche non è sempre buono; a volte, le aziende interrompono la pubblicazione di determinate opere musicali perché le considerano poco commerciali o, a volte, per motivi di censura. Ci sono anche conflitti dovuti alla distribuzione dei benefici ea chi detiene i diritti per riprodurre i brani.

Etichette principali

Le case discografiche sono spesso sotto il controllo di gruppi internazionali di società di proprietà di holding internazionali. Questi gruppi di società controllano l'editoria, la registrazione, la distribuzione e le case discografiche. Dal 2011, i primi tre gruppi di compagnie musicali (conosciuti come i Big Three) controllano il 70% del mercato discografico mondiale e l'80% degli Stati Uniti.[1] Francobolli principali 1973-1988 Record RCA Columbia Records (CBS) Record MCA PolyGram EMI WEA (ex Warner Bros Records) Record epici Record dell'isola Sony Music Latin (popolare in paesi come Argentina e Porto Rico) Fonovisa Records (popolare in Messico) Main label 1988-1998 EMI Universal Music Group (ex MCA Records) Sony Music (ex CBS) Warner Bros. Records Poligramma / Polydor BMG Music (ex RCA