Commercio equo e solidale

Article

May 24, 2022

Il commercio equo (chiamato anche commercio equo, commercio equo o commercio alternativo) è una forma alternativa di commercio promossa da varie ONG (organizzazioni non governative), dalle Nazioni Unite e da movimenti sociali e politici (come il pacifismo e l'ambientalismo) che promuovono un rapporto commerciale volontario ed equo tra produttori e consumatori. Il commercio equo è un'iniziativa per creare canali commerciali innovativi, all'interno dei quali il rapporto tra le parti è finalizzato al raggiungimento di uno sviluppo sostenibile e sostenibile dell'offerta. Il commercio equo è orientato allo sviluppo integrale, con sostenibilità economica, sociale e ambientale, nel rispetto delle idiosincrasie dei popoli, delle loro culture, delle loro tradizioni e dei diritti umani fondamentali. Il commercio equo può essere considerato una versione umanistica del libero scambio, che in questo modo è volontario tra le due parti e non avrebbe luogo se entrambe le parti non credessero che ne trarrebbero beneficio.

Principi del commercio equo

I principi difesi dal commercio equo sono: I principi del commercio equo pubblicati dalla Federazione del commercio equo degli Stati Uniti (fondata nel 1995) Principio del commercio equo e solidale n. 1 "I membri pongono gli interessi dei produttori e delle loro comunità come la principale preoccupazione della loro azienda". Lavoro, nel rifiuto di sussidi e aiuti (da qui la frase del commercio equo: "Commercio, non aiuto"). Rifiuto dello sfruttamento minorile. Si lavora con dignità, onorando i diritti umani. Il prezzo pagato ai produttori consente condizioni di vita dignitose. Gli acquirenti generalmente pagano in anticipo per impedire ai produttori di cercare altri modi per finanziarsi. La qualità e la produzione sostenibile sono apprezzate. Prenditi cura dell'ambiente Si cerca un modo per evitare intermediari tra produttori e consumatori. I consumatori sono informati sull'origine del prodotto. Il processo deve essere volontario, sia il rapporto tra produttori, distributori e consumatori. Prezzo pagato, al di là di ciò che offre il mercato capitalista È favorevole alla libertà di commercio a parità di condizioni, cioè all'abolizione delle restrizioni discriminatorie sui prodotti dei paesi in via di sviluppo, dalle materie prime ai manufatti o alla tecnologia. In questo modo si evitano discriminazioni e protezionismo. Cerca anche di evitare grandi differenze tra il prezzo pagato dai consumatori del primo mondo per un prodotto e il denaro pagato ai suoi produttori nel terzo mondo, oltre a evitare lo sfruttamento dei lavoratori. Questo aiuta a compensare gli effetti dell'ossessione del consumatore per il prezzo più basso, senza altre considerazioni, e le sue conseguenze: Deterioramento progressivo della qualità e della durata dei prodotti. Sfruttamento dei produttori (vedi officina del lavoro forzato). Il prezzo equo, cioè che non contenga componenti influenzati da interventi statali o sussidi che distorcano il concetto di commercio equo. Le distorsioni e le conseguenti lamentele nel mercato derivate dai sussidi sono sollevate dalle parti interessate all'Organizzazione mondiale del commercio. La filosofia del commercio equo è che il miglior aiuto dai paesi centrali ai paesi in via di sviluppo è l'instaurazione di relazioni commerciali etiche e rispettose, con una crescita sostenibile di nazioni e individui. Più che da enti ufficiali o statali, il commercio equo è promosso e praticato da milioni di persone in solidarietà in varie parti del mondo. Qui giocano un ruolo decisivo i cosiddetti Negozi del Terzo Mondo, attraverso volontari che nelle ore libere supportano la vendita di prodotti come Caffè dalla Colombia, Rum da Cuba, Miele dal Chiapas, Quinoa dalla Bolivia e Perù, ecc. Garanzia per il tr