Chi

Article

June 26, 2022

Il cinema (abbreviazione di cinematografia o cinematografia) è la tecnica e l'arte di creare e proiettare filmati (come erano conosciuti i film da prima). Etimologicamente, la parola "cinematografia" era un neologismo nato alla fine del XIX secolo e composto da due parole greche: da un lato, kiné, che significa "movimento" (vedi, tra gli altri, "cinetico", "cinetico" , " kinesis "," cineteca "); e dall'altro γραφóς (grafici). Con ciò si è cercato di definire il concetto di «Immagine in movimento». La storia del cinema come spettacolo inizia a Parigi il 28 dicembre 1895. Da allora ha subito una serie di modifiche in vari modi. Da un lato, la tecnologia cinematografica si è evoluta molto, dai suoi inizi con i film muti dei fratelli Lumière al cinema digitale del 21° secolo. D'altra parte, il linguaggio cinematografico si è evoluto, comprese le convenzioni di genere, e sono così emersi diversi generi cinematografici. Terzo, si è evoluto con la società, sviluppando così diversi movimenti cinematografici. Come modo di narrare storie o eventi, il cinema è un'arte, e comunemente, considerando le sei arti del mondo classico, è chiamato la "settima arte". Tuttavia, a causa della diversità dei film e della libertà di creazione, è difficile definire cosa sia il cinema oggi. Tuttavia, le creazioni televisive che si occupano di narrativa, montaggio, sceneggiatura, e che nella maggior parte dei casi considerano il regista come il vero autore, sono considerate manifestazioni artistiche, o cinema d'arte (cinema d'arte). D'altra parte, la creazione documentaria o giornalistica è classificata in base al suo genere. Nonostante ciò, e a causa della partecipazione a documentari e filmati giornalistici di personale con una propria visione unica e possibilmente artistica (registi, fotografi e cameraman, tra gli altri), è molto difficile definire la qualità artistica di una produzione cinematografica. L'industria cinematografica è diventata un business importante in posti come Hollywood (California, USA) e Bollywood (Mumbai, India). Il cavallo in movimento (1872) Nel 1872, una controversia affrontò i fan dei cavalli della California. Leland Stanford, ex governatore dello stato e potente presidente della Central Pacific Railway, e un gruppo di suoi amici sostenevano che c'era un momento, durante il lungo trotto o galoppo, in cui il cavallo non appoggiava alcuno zoccolo a terra. Un altro gruppo, tra cui James Keene, presidente della Borsa di San Francisco, ha affermato il contrario. Eadweard Muybridge ha concluso quella polemica con questa sequenza di immagini che mostrava "Il cavallo in movimento" uno dei predecessori del motion capture

Storia

La storia del cinema inizia con gli egizi, i greci ei romani. Hanno mostrato l'idea del movimento attraverso disegni successivi. Nel tempo, in Asia hanno iniziato a fare giochi di luci e ombre che consistevano nel proiettare ombre sulla superficie bianca di una tela da luci dietro gli spettatori. A sua volta, questa invenzione ha ispirato la creazione della "Lanterna Magica" nel 17° secolo. Un dispositivo ottico basato su una scatola che catturava le immagini dall'esterno e le proiettava all'interno, per poi lavorare al contrario. Più tardi, in Gran Bretagna (XIX secolo) insieme alla rivoluzione industriale arrivarono nuove invenzioni come la macchina a vapore, la lampadina, i nuovi mezzi di trasporto e tra tutte la fotografia. Durante questo periodo fu inventata a Parigi la prima camera oscura prodotta da Charles e Jacques Vincent Louis Chevalier. Più tardi fu inventato il Kinetoscopio, frutto di un'idea di Thomas Edison. Questo artefatto consisteva nel catturare immagini in movimento e poi metterle su nastro. Il