BitTorrent

Article

August 15, 2022

BitTorrent è un protocollo progettato per la condivisione di file peer-to-peer su Internet. È uno dei protocolli più comuni per il trasferimento di file di grandi dimensioni. Il programmatore Bram Cohen ha progettato il protocollo nell'aprile 2001 e ne ha pubblicato la prima implementazione il 2 luglio 2001.[1] Attualmente è di proprietà di Justin Sun, fondatore della Tron Foundation, che ha acquisito BitTorrent, Inc. per $ 140 milioni di dollari a giugno 18, 2018. Sono disponibili numerosi client BitTorrent per vari sistemi operativi. A gennaio 2012, BitTorrent aveva 150 milioni di utenti attivi secondo BitTorrent, Inc. Sulla base di ciò, hanno stimato che il numero totale di utenti BitTorrent mensili fosse superiore a 250 milioni. Secondo i dati visualizzati sul proprio sito Web, i dati attuali stimano che oltre 170 milioni di persone utilizzino il loro prodotto ogni mese. Il protocollo bittorrent sposta giornalmente fino al 40% del traffico Internet mondiale.[2] In qualsiasi istante, BitTorrent ha, in media, utenti più attivi di YouTube e Facebook messi insieme (in un istante, non in numero totale) .di utenti unici nello specifico di BitTorrent).[3] D'altra parte, dopo la chiusura del sito Megaupload, l'utilizzo di questo protocollo è notevolmente aumentato. Attualmente BitTorrent ha appena annunciato il lancio della propria criptovaluta, un nuovo token che viene anche chiamato BitTorrent (BTT), con il quale intende ampliare quella che sostiene essere la sua visione di un Internet decentralizzato, cercando di migliorare la velocità della rete , consentendo download di torrent più veloci. La nuova criptovaluta arriva circa sei mesi dopo che BitTorrent è stata acquisita dall'organizzazione globale TRON, focalizzata sulla creazione di un Internet veramente decentralizzato.

Descrizione

Il protocollo BitTorrent può essere utilizzato per ridurre l'impatto della grande distribuzione di file sui server. Invece di scaricare il file da un unico server, il protocollo BitTorrent consente agli utenti di unirsi in uno "sciame" per scaricare e caricare il file contemporaneamente. Il protocollo è un'alternativa al sistema basato su server, che consiste nell'avere più server mirror (mirror) da cui l'utente scarica il file completo, e può lavorare su reti con poca larghezza di banda, in questo modo piccoli dispositivi come smartphone, sono in grado di distribuire file di grandi dimensioni o trasmettere video in streaming a molti destinatari. Un utente che vuole caricare un file crea prima un file torrent e lo distribuisce in modo convenzionale (pagine web, e-mail, ecc.). Quindi rende il file disponibile sulla rete tramite un nodo BitTorrent che funge da seme. Gli utenti che vogliono scaricare il file ottengono il file torrent e creano un altro nodo BitTorrent che funge da client o leecher, scambiando parti del file con il seed e con altri client. Il file distribuito è diviso in piccole parti (pezzi). Ogni volta che un utente riceve una nuova parte del file, può a sua volta condividerla con altri utenti, liberando il seed originale dal dover inviare una copia di quella parte a tutti gli utenti che desiderano il file. In BitTorrent, il compito di distribuire un file è condiviso da tutti coloro che desiderano avere il file. È perfettamente possibile che il seed invii solo una copia del file e il file venga distribuito a un numero illimitato di utenti. Ogni parte del file è protetta da un hash crittografico contenuto all'interno del file torrent.[4] Ciò garantisce che qualsiasi modifica a una parte possa essere rilevata e quindi impedisce la ricezione di modifiche sia accidentali che dannose.