Bea Artù

Article

May 24, 2022

Beatrice Arthur (nata Bernice Frankel; New York, 13 maggio 1922 – Los Angeles, California, 25 aprile 2009), conosciuta come Bea Arthur, è stata un'attrice, comica e cantante americana. Durante i suoi 70 anni di carriera artistica, ha lavorato nel cinema, teatro e televisione. Ha partecipato a numerosi musical a Broadway e nella cosiddetta "Off-Broadway", e in altre città del suo paese. Ha anche recitato in due sitcom televisive di successo di lunga data: Maude, trasmessa dalla CBS dal 1972 al 1978 (141 episodi), e The Golden Girls, in cui ha condiviso i crediti con Estelle Getty, Rue McClanahan e Betty White. NBC dal 1985 al 1992. Le sue esibizioni le sono valse numerosi premi e riconoscimenti, tra cui due Emmy e un Tony Award.

Biografia

Nata Bernice Frankel da genitori ebrei, Philip e Rebekah Frankel a New York il 13 maggio 1922. Nel 1933, la sua famiglia si trasferì a Cambridge, nel Maryland, dove i suoi genitori gestivano un negozio di abbigliamento femminile. Ha frequentato la Linden Hall High School, una scuola per sole ragazze a Lititz, in Pennsylvania, prima di iscriversi all'ormai defunta Blackstone School for Girls a Blackstone, in Virginia, dove è apparsa in alcune opere teatrali. Dal 1947 Bea Arthur ha studiato al Dramatic Workshop della New School di New York con il regista tedesco Erwin Piscator. Arthur iniziò la sua carriera come membro di un gruppo teatrale Off-Broadway al Cherry Lane Theatre di New York alla fine degli anni '40. Sul palco, i suoi ruoli includevano la madre in Sei personaggi in cerca d'autore (1948) di Luigi Pirandello, Lucy Brown nella premiere off-Broadway del 1954 dell'adattamento inglese dell'Opera da tre soldi di Kurt Weill, come Marc Blitzstein, Yente the Matchmaker nel Prima a Broadway del 1964 di Il violinista sul tetto e nel ruolo di Vera Charles in cui Angela Lansbury ha vinto il Tony Award nel 1966 per il suo ruolo in Mame.[1] Ha ripreso il ruolo nel film del 1974 al fianco di Lucille Ball.[2] Nel 1981, è apparso nel film di Woody Allen The Floating Light Bulb. Ha debuttato al Metropolitan Opera nel 1994 interpretando la duchessa di Krakenthorp, un ruolo di voce, in La fille du reggiment di Gaetano Donizetti. Nel 1971, Arthur è stato invitato da Norman Lear a recitare nella commedia All in the Family, nel ruolo di Maude Findlay, cugina di Edith Bunker. Una schietta femminista liberale, Maude era l'antitesi del bigotto conservatore Archie Bunker, che la denunciava come una fanatica del "New Deal". Dopo quasi 50 anni, la vita di Bea Arthur ha preso una svolta, facendo appello agli spettatori e ai dirigenti della CBS, che in seguito avrebbe ricordato con la domanda: chi è questa ragazza? Diamogli la sua serie. Questa serie è iniziata dopo la sua seconda apparizione in All in the Family, che avrebbe portato il titolo di Maude. La serie iniziò nel 1972, in cui Maude viveva nella ricca comunità di Tuckahoe, nella contea di Westchester, New York, con suo marito Walter (Bill Macy) e la loro figlia divorziata Carol (Adrienne Barbeau). La sua interpretazione di Maude le è valsa diverse nomination agli Emmy e ai Golden Globe, incluso l'Emmy del 1977 come miglior attrice protagonista in una serie comica. Il suo volto, tuttavia, è associato al ruolo di Dorothy Zbornak, una divorziata di mezza età che condivide un appartamento con la madre Sophia Petrillo (Estelle Getty) e le sue amiche Blanche Devereaux (Rue McClanahan) e Rose Nylund (Betty White) in Las Vegas Golden Girls (1985-1992), una delle serie di maggior successo degli anni Ottanta. Nello spettacolo, Dorothy ha mostrato un umorismo acido e sarcastico che ha deliziato il pubblico.

Ultimi anni

Nel corso degli anni il suo lavoro è diminuito ma anche così ha continuato a fare apparizioni speciali in serie televisive come The Golden Palace (nel 1992), una serie di