Basilica di San Pietro

Article

June 27, 2022

La Basilica Papale di San Pietro (in latino Basilica Sancti Petri; in italiano Basilica Papale di San Pietro in Vaticano), comunemente nota come Basilica di San Pietro, è un tempio cattolico situato nella Città del Vaticano. La basilica ha il più grande spazio interno di una chiesa cristiana al mondo, [2] è lunga 193 m, alta 44,5 m, e copre un'area di 2,3 ettari. L'altezza data dalla sua cupola fa sì che la sua figura domini lo skyline di Roma. È considerato uno dei luoghi più sacri del cattolicesimo. È stata descritta come "occupante una posizione unica nel mondo cristiano", [3] e come "la più grande di tutte le chiese della cristianità".[4] È una delle quattro basiliche maggiori e una delle Chiese da visitato nel pellegrinaggio delle Sette Chiese di Roma per ottenere l'indulgenza plenaria. Nella tradizione cattolica, la basilica si trova sul luogo di sepoltura di San Pietro, che fu uno dei dodici apostoli di Gesù di Nazareth, primo vescovo di Antiochia, primo vescovo di Roma e, quindi, primo dei pontefici. La tradizione e le testimonianze storico-scientifiche sostengono che la sepoltura del Santo sia direttamente sotto l'altare maggiore della basilica. Anche la maggior parte dei papi sono stati sepolti a San Pedro fin dai tempi paleocristiani.[5] Le chiese sono esistite sul sito della basilica dal IV secolo. La costruzione dell'attuale edificio, sull'antica basilica costantiniana, iniziò il 18 aprile 1506, per ordine di papa Giulio II, e terminò il 18 novembre 1626. [6] Vi hanno lavorato alcuni dei più rinomati architetti della storia, come Donato Bramante, Miguel Ángel o Bernini. Nonostante la credenza popolare, San Pietro non è una cattedrale, in quanto l'Arcibasilica di San Giovanni in Laterano è la vera cattedrale di Roma.[7]

Stato

La Basilica di San Pedro è una delle quattro basiliche papali o basiliche maggiori di Roma; le altre sono l'Arcibasilica di San Giovanni in Laterano, la Basilica di Santa María la Mayor e la Basilica di San Paolo fuori le Mura.[8] La Basilica di San Pietro non è né la sede ufficiale del Papa, né la prima basilica di Roma, poiché questo onore è tenuto dall'Arcibasilica di San Giovanni in Laterano; Né è la parrocchia della Città del Vaticano, poiché attualmente è la Cappella Paolina che funziona come tale. Tuttavia, è la principale chiesa pontificia poiché vi si svolgono la maggior parte delle cerimonie papali per le sue dimensioni, la vicinanza alla residenza papale e la sua posizione all'interno della Città del Vaticano. La Cattedra di San Pietro è un'antica sedia che si suppone sia stata utilizzata da San Pietro, ma che in realtà era un dono di Carlos el Calvo e utilizzata da vari papi. Occupa una posizione rialzata nell'abside, in un reliquiario bronzeo sorretto da figure dei Dottori della Chiesa, e illuminato da una vetrata raffigurante lo Spirito Santo.

Storia

Tomba di San Pietro

Dopo la crocifissione e risurrezione di Gesù, nel secondo quarto del I secolo, è riportato nel libro biblico degli Atti degli Apostoli che uno dei suoi dodici discepoli, Simon Pietro, pescatore della Galilea, occupa una posizione di leadership tra suoi seguaci, avendo grande importanza nella fondazione della Chiesa cristiana. Simon Pietro, dopo un ministero di circa trent'anni, si recò a Roma. Nel 64, durante il regno dell'imperatore Nerone, i cristiani furono accusati del grande incendio di Roma, per il quale Pietro fu martirizzato, così come molti altri cristiani. Fu crocifisso a testa in giù, su sua stessa richiesta, perché si riteneva indegno di morire allo stesso modo di Cristo.[9] La crocifissione avvenne presso l'obelisco egizio a un'estremità del Circo di Nerone. Questo obelisco è stato portato