Architettura

Article

June 27, 2022

Architettura (dal latino architectūra, architectūrae, a sua volta dal greco antico ἀρχιτέκτων, architéctōn, 'architetto' o 'capo costruttore', composto da ἀρχός, archós 'capo', 'guida', e τέκτων, téctōn, 'costruttore') è l'arte e la tecnica di progettare, progettare e costruire, [1] modificando l'habitat umano, studiando l'estetica, il buon uso e la funzione degli spazi, siano essi architettonici o urbani.[2] L'architettura nasce con l'uomo preistorico, durante il Neolitico, quando vari gruppi umani svilupparono uno stile di vita sedentario basato sull'agricoltura. Questo nuovo modo di vivere ha portato allo sviluppo di case stabili e recinti cerimoniali, [2] che erano esteticamente evoluti da elementi simbolici presenti nel contesto socioculturale in cui si erano sviluppati in quel momento. Così sorsero, ad esempio, i dolmen ei chromlech in Europa, costruiti con enormi blocchi di pietra. Man mano che le società diventavano più complesse ed estese, emersero i primi centri urbani chiusi, con abitazioni raggruppate attorno a siti sacri. Nacquero così le alte culture del Medio Oriente: Mesopotamia ed Egitto, che lasciarono in eredità numerose opere architettoniche, tra le quali spiccano, ad esempio, sistemi di irrigazione, ziggurat, templi e piramidi.[3] L'architettura urbana antica si occupava della costruzione di strutture ed edifici religiosi che simboleggiavano il potere politico dei governanti. Furono gli antichi greci e romani a perfezionare l'architettura, ponendo le basi per l'architettura classica e facendone un punto di riferimento per i secoli a venire. In questa fase si svilupparono gli archi e le colonne stilizzate, si lavorarono pietre calcaree e marmi, si originarono sistemi di irrigazione e acquedotti, città sanificate e cemento. Esempi dell'alto grado di sviluppo architettonico durante quel periodo sono il Partenone di Atene e il Colosseo romano.[4] L'architettura indiana e cinese ha influenzato le forme in tutta l'Asia, e l'architettura buddista in particolare ha adottato diversi sapori locali. Durante il Medioevo europeo emersero stili paneuropei di cattedrali e abbazie romaniche e gotiche, mentre il Rinascimento privilegiava le forme classiche implementate da architetti noti per nome. Successivamente, i ruoli di architetti e ingegneri furono separati. L'architettura moderna è iniziata dopo la prima guerra mondiale come movimento d'avanguardia che ha cercato di sviluppare uno stile completamente nuovo appropriato per un nuovo ordine sociale ed economico del dopoguerra incentrato sul soddisfare le esigenze della classe operaia e media. L'accento era posto su tecniche moderne, materiali e forme geometriche semplificate, aprendo la strada a sovrastrutture a molti piani. Molti architetti sono rimasti delusi dal modernismo che hanno percepito come astorico e sgradevole, e si è sviluppata l'architettura postmoderna e contemporanea.

Storia

Architettura contemporanea

Dagli anni '80, con l'aumento della complessità degli edifici (in termini di sistemi strutturali, servizi, energia e tecnologie), il campo dell'architettura è diventato multidisciplinare con specializzazioni per ogni tipo di progetto, esperienza tecnologica o modalità di consegna del progetto. Inoltre, c'è stata una maggiore separazione tra l'architetto "progettista" e l'architetto "progetto" che garantisce che il progetto soddisfi gli standard richiesti e affronti i problemi di responsabilità. I processi preparatori per la progettazione di qualsiasi grande edificio sono diventati sempre più complicati e richiedono studi preliminari su temi come la durabilità, la sostenibilità.