Article

August 11, 2022

Étienne Pierre Théodore Rousseau (15 aprile 1812 – 22 dicembre 1867) è stato un pittore francese della scuola di Barbizon.

Vita

Gioventù

È nato a Parigi, in Francia, in una famiglia borghese. All'inizio ricevette una formazione di base, ma presto dimostrò attitudine alla pittura. Sebbene suo padre all'inizio si fosse pentito della decisione, si riconciliò con il figlio che abbandonò gli affari, e per tutta la carriera dell'artista (poiché sopravvisse a suo figlio) fu un simpatizzante con lui in tutti i suoi conflitti con le autorità del Salon di Parigi. Théodore Rousseau ha condiviso le difficoltà dei pittori romantici del 1830, nell'assicurare ai loro quadri un posto nella mostra annuale di Parigi. L'influenza degli artisti di formazione classica era contro di loro, e solo nel 1848 Rousseau fu presentato adeguatamente al pubblico. Aveva esposto sei opere ai Salon del 1831, 1833, 1834 e 1835, ma nel 1836 la sua grande opera Paysage du Jura [La discesa delle vache] fu respinta dalla giuria del Salon. Tra il 1836 e il 1841 inviò al Salon altre otto opere; eppure nessuno di loro è stato accettato. Successivamente, cessò di inviare lavori al Salon fino al 1849, quando tutte e tre le sue proposte furono accettate. Non fu senza campioni sulla stampa, e con il titolo di "le grand refusé" si fece conoscere attraverso gli scritti dell'amico Théophile Thoré, il critico che in seguito risiedette in Inghilterra e scrisse sotto il nome di Burger.Durante questi anni di attività artistica l'esilio Rousseau ha prodotto alcuni dei suoi migliori quadri: The Chestnut Avenue, The Marsh in the Landes (ora al Louvre), Hoar-Frost (ora in America); e nel 1851, dopo la riorganizzazione del Salon nel 1848, espose il suo capolavoro, The Edge of the Forest (anch'esso al Louvre), un quadro simile nel trattamento, ma leggermente variato nel soggetto, dalla composizione chiamata A Glade in la foresta di Fontainebleau, nella Wallace Collection a Hertford House, Londra.

Barbizon e maturità

Fino a questo periodo Rousseau aveva vissuto solo occasionalmente a Barbizon, ma nel 1848 si stabilì nel villaggio della foresta e trascorse la maggior parte dei suoi giorni rimanenti nelle vicinanze. Era ora in grado di ottenere cifre eque per i suoi quadri (ma solo circa un decimo del loro valore trent'anni dopo la sua morte), e il numero dei suoi ammiratori crebbe. Fu ancora ignorato dalle autorità, poiché mentre Narcisse Virgilio Diaz fu nominato Cavaliere della Legion d'Onore nel 1851, Rousseau fu lasciato senza decorazioni in questo momento, ma fu nominato e insignito della Croce poco dopo. Alla fine sarebbe diventato un ufficiale della Legion d'onore. All'Exposition Universelle del 1853, dove furono raccolti tutti i quadri scartati di Rousseau dei vent'anni precedenti, le sue opere furono riconosciute come uno dei migliori dei tanti splendidi gruppi ivi esposti. Ma, dopo una vendita infruttuosa delle sue opere all'asta nel 1861, pensò di lasciare Parigi per Amsterdam o Londra, o anche New York.

Anni successivi

Rousseau subì poi una serie di disgrazie. La salute mentale di sua moglie era peggiorata; il suo anziano padre divenne dipendente da lui per l'assistenza pecuniaria; i suoi mecenati erano pochi. Inoltre, mentre era temporaneamente assente con la moglie malata, un giovane che viveva a casa sua (un amico di famiglia) si suicidò nel suo cottage di Barbizon. Quando visitò le Alpi nel 1863, facendo schizzi del Monte Bianco, si ammalò gravemente di infiammazione dei polmoni; e quando tornò a Barbizon soffrì di insonnia e si indebolì gradualmente. Fu eletto presidente della giuria di belle arti per l'Esposizione del 1867; tuttavia, la sua delusione per avergli negato i premi migliori potrebbe aver influito sulla sua salute, poiché ad agosto è rimasto paralizzato. Si riprese leggermente, ma fu nuovamente attaccato più volte durante l'autunno. A novembre le sue condizioni peggiorarono e morì alla presenza del suo amico di sempre, Jean-François Millet, il 22 dicembre 1867. Millet, il pittore contadino, per il quale Rouss