subneolitico

Article

June 30, 2022

Il subneolitico è un periodo archeologico talvolta utilizzato per distinguere le culture di transizione tra il mesolitico e il neolitico. Le società subneolitiche adottavano tipicamente alcuni elementi secondari del pacchetto neolitico (come la ceramica), ma mantenevano economie basate sulla caccia, la raccolta e la pesca invece dell'agricoltura. Per la maggior parte erano sedentari. Il subneolitico risale al periodo 5000/4000–3200/2700 a.C. in Scandinavia, nell'Europa settentrionale e nord-orientale.

Siti notevoli

Il subneolitico è osservato in tutta la Scandinavia, nel nord e nell'Europa nord-orientale nel periodo 5000/4000–3200/2700 a.C., compresi i siti in Lituania, Finlandia, Polonia e Russia. Notevoli siti subneolitici includono: Szczepanki (Polonia, 4500–2000 a.C.) - associato alla cultura di Zedmar e noto per i ritrovamenti di legno, strutture per la pesca e ceramiche. Šventoji (Lituania, 3500–2700 a.C.) - notevole per i ritrovamenti di punte ossee e teste di arpioni, oltre a contribuire alla ricostruzione delle diete subneolitiche. Fiume Iijoki (Finlandia, 3500–2900 a.C.) - una delle fonti più abbondanti di pozzi dell'età della pietra, con oltre 300 case e altre strutture a fossa. Väikallio, Astuvansalmi e Saraakallio (Finlandia, 5100–3300 a.C.) - notevoli per l'arte rupestre. Kuorikkikangas (Finlandia, 2900–2300 a.C.) - include reperti di ceramiche e una fossa.

Abitazione e migrazione

Sedentismo

I gruppi subneolitici erano in gran parte sedentari, con residenza permanente in condizioni ambientali favorevoli. La progressione della mobilità residenziale verso il sedentismo è evidente nei gruppi dell'Ostrobotnia costiera. Entro la metà del subneolitico, questi gruppi svilupparono stili di vita sedentari forse a causa delle condizioni in cui esisteva un accesso limitato a risorse importanti o della necessità di un frequente lavoro collettivo per un efficace sfruttamento delle risorse, e anche perché l'Ostrobotnia costiera forniva le condizioni per un'abbondante pesca negli estuari.

Pit-house

Le case a fossa servivano come rifugi primari per i gruppi del subneolitico e indicano la crescita della coesione sociale e della comunità all'interno di queste culture. La scoperta di una fossa del subneolitico nel sito di Kuorikkikangas è stato il primo scavo a dimostrare l'esistenza di case a fossa rettangolari dove in precedenza le case a fossa finlandesi erano considerate tipicamente circolari. La pit-house aveva una dimensione interna stimata di 5 per 6,5 metri, due ingressi e due camini (suggerendo che due famiglie occupavano lo spazio ed era divisa tra uomini e donne, al contrario di singole famiglie), ed era datata al tardo subneolitico (2600–2300 a.C.) - in linea con la ceramica in stile Pöljä in Finlandia. La fossa era utilizzata per l'inverno, come suggerito dalla distribuzione esclusiva di ossa bruciate all'interno della fossa e anche dalla mancanza di reperti di uccelli migratori all'interno di detti frammenti. La mancanza di aree di attività significative esterne alla casa indica che il rifugio è stato utilizzato solo per breve tempo. La condizione dei rifiuti all'interno dell'abitazione suggerisce che gli abitanti avessero abitudini pragmatiche, non differenziando né lo smaltimento di rifiuti grandi né quelli piccoli. Inoltre, i focolari e le aree circostanti erano privi di reperti, indicando uno spazio di lavoro tenuto sgombro da rifiuti.

Agricoltura

I gruppi subneolitici mantennero strategie di sussistenza mesolitiche, inclusa la caccia, la raccolta e la pesca. Questo li distingueva dai loro vicini neolitici, che adottarono l'agricoltura. L'allevamento di animali domestici non era una pratica distintiva del Subneolitico, come lo era per il Neolitico, ma ci sono prove che suggeriscono che alcune culture incorporassero questa usanza. I ritrovamenti di ossa di animali domestici e persino di grano nei siti subneolitici suggeriscono interazioni tra le culture neolitiche e subneolitiche.

Pesca

Per i gruppi costieri del subneolitico, la pesca aveva un significato non solo per il sostentamento ma anche nella cultura (evidente t