Sessismo

Article

August 15, 2022

Il sessismo è pregiudizio o discriminazione basata sul sesso o sul genere. Il sessismo può colpire chiunque, ma colpisce principalmente donne e ragazze. È stato collegato a stereotipi e ruoli di genere e può includere la convinzione che un sesso o genere sia intrinsecamente superiore a un altro. Il sessismo estremo può favorire molestie sessuali, stupri e altre forme di violenza sessuale. La discriminazione di genere può comprendere il sessismo ed è una discriminazione nei confronti delle persone basata sulla loro identità di genere o sul loro genere o differenze di sesso. La discriminazione di genere è definita soprattutto in termini di disuguaglianza sul posto di lavoro. Può derivare da costumi e norme sociali o culturali.

Etimologia e definizioni

Secondo Fred R. Shapiro, il termine "sessismo" è stato coniato molto probabilmente il 18 novembre 1965 da Pauline M. Leet durante uno "Student-Faculty Forum" al Franklin and Marshall College. Nello specifico, la parola sessismo compare nel contributo di Leet al forum "Women and the Undergraduate", e lei la definisce paragonandola al razzismo, affermando in parte (a pagina 3): "Quando si sostiene... che dal momento che meno donne scrivono buona poesia questo giustifica la loro totale esclusione, tu prendi una posizione analoga a quella del razzista - potrei chiamarti, in questo caso, un "sessista" ... Sia il razzista che il sessista si comportano come se tutto ciò che è accaduto non fosse mai successo, ed entrambi stanno prendendo decisioni e arrivando a conclusioni sul valore di qualcuno facendo riferimento a fattori che sono in entrambi i casi irrilevanti". Inoltre, secondo Shapiro, la prima volta che il termine "sessismo" è apparso sulla stampa è stato nel discorso di Caroline Bird "On Being Born Female", pubblicato il 15 novembre 1968, in Discorsi vitali del giorno (p. 6). In questo discorso ha detto in parte: "C'è riconoscimento all'estero che siamo per molti versi un paese sessista. Il sessismo è giudicare le persone dal loro sesso quando il sesso non ha importanza. Il sessismo è destinato a far rima con razzismo". Il sessismo può essere definito come un'ideologia basata sulla convinzione che un sesso sia superiore a un altro. È discriminazione, pregiudizio o stereotipi basati sul genere, ed è più spesso espresso nei confronti di donne e ragazze. La sociologia ha esaminato il sessismo come manifestato sia a livello individuale che istituzionale. Secondo Richard Schaefer, il sessismo è perpetuato da tutte le principali istituzioni sociali. I sociologi descrivono paralleli tra altri sistemi ideologici di oppressione come il razzismo, che opera anche a livello sia individuale che istituzionale. Le prime sociologi femminili Charlotte Perkins Gilman, Ida B. Wells e Harriet Martineau descrissero sistemi di disuguaglianza di genere, ma non usarono il termine sessismo, coniato in seguito. I sociologi che hanno adottato il paradigma funzionalista, ad es. Talcott Parsons, ha compreso la disuguaglianza di genere come il risultato naturale di un modello dimorfico di genere. Gli psicologi Mary Crawford e Rhoda Unger definiscono il sessismo come un pregiudizio tenuto dagli individui che comprende "atteggiamenti e valori negativi sulle donne come gruppo". Peter Glick e Susan Fiske hanno coniato il termine sessismo ambivalente per descrivere come gli stereotipi sulle donne possono essere sia positivi che negativi e che gli individui compartimentano gli stereotipi che detengono in sessismo ostile o sessismo benevolo. L'autrice femminista Bell Hooks definisce il sessismo come un sistema di oppressione che comporta svantaggi per le donne. La filosofa femminista Marilyn Frye definisce il sessismo come un "complesso attitudinale-concettuale-cognitivo-orientativo" di supremazia maschile, sciovinismo maschile e misoginia. La filosofa Kate Manne definisce il sessismo come un ramo di un ordine patriarcale. Nella sua definizione, il sessismo razionalizza e giustifica le norme patriarcali, in contrasto con la misoginia, il ramo che controlla e impone le norme patriarcali. Manne afferma che il sessismo spesso tenta di far sembrare naturali, buoni o inevitabili gli accordi sociali patriarcali in modo che non sembri esserci alcun motivo per resistervi.

Storia

Mondo antico

La condizione delle donne nell'antico Egitto dipendeva dai loro padri o mariti, ma avevano pro