Article

May 19, 2022

La seconda guerra dei baroni (1264-1267) fu una guerra civile in Inghilterra tra le forze di un certo numero di baroni guidati da Simon de Montfort contro le forze monarchiche del re Enrico III, guidate inizialmente dal re stesso e successivamente da suo figlio, il futuro re Edoardo I. I baroni cercarono di costringere il re a governare con un consiglio di baroni piuttosto che attraverso i suoi favoriti. La guerra ha caratterizzato anche una serie di massacri di ebrei da parte dei sostenitori di de Montfort, inclusi i suoi figli Henry e Simon, in attacchi volti a sequestrare e distruggere le prove dei debiti baronali. Per rafforzare il successo iniziale del suo regime baronale, de Montfort cercò di ampliare le basi sociali del parlamento estendendo per la prima volta il diritto di voto ai beni comuni. Tuttavia, dopo un regno di poco più di un anno, de Montfort fu ucciso dalle forze fedeli al re nella battaglia di Evesham.

Cause

Il regno di Enrico III è ricordato soprattutto per la crisi costituzionale in questo periodo di conflitto civile, che fu provocata apparentemente dalle sue richieste di finanze extra, ma che segnò una più generale insoddisfazione per i metodi di governo di Enrico da parte dei baroni inglesi, malcontento che è stato esacerbato dalla carestia diffusa. Il francese Simon de Montfort, conte di Leicester, era stato originariamente uno dei parvenu stranieri così odiati da molti signori come consiglieri stranieri di Enrico, ma avendo ereditato attraverso sua madre il titolo inglese di conte di Leicester, sposò la sorella di Enrico, Eleonora, senza il permesso di Enrico. , e senza l'accordo dei Baroni Inglesi (ordinariamente necessario poiché si trattava di una questione di Stato). Di conseguenza, si sviluppò una faida tra de Montfort ed Henry. La loro relazione raggiunse una crisi nel 1250, quando de Montfort fu processato per le azioni che intraprese come luogotenente di Guascogna, le ultime terre Plantageneti rimaste attraverso la Manica. De Montfort approfittò del crescente antisemitismo a proprio vantaggio. Un presunto omicidio di Ugo di Lincoln da parte di ebrei aveva portato all'impiccagione di 18 ebrei. Le misure antigiudaiche ufficiali sponsorizzate dalla Chiesa cattolica combinate con il risentimento per i debiti tra i baroni hanno dato l'opportunità a Montfort di prendere di mira questo gruppo e incitare alla ribellione chiedendo la cancellazione dei debiti ebraici. Henry fu anche coinvolto nel finanziamento di una guerra contro gli Hohenstaufen Dinastia in Sicilia per conto di Papa Innocenzo IV in cambio del titolo Hohenstaufen Re di Sicilia per il suo secondogenito Edmund. Ciò fece temere molti baroni che Enrico stesse seguendo le orme di suo padre, il re Giovanni e, come lui, avesse bisogno di essere tenuto sotto controllo. Quando la tesoreria di Enrico si prosciugò, Innocenzo ritirò il titolo e, nel concederlo a Carlo d'Angiò, in effetti negò la vendita. Simon de Montfort divenne il capo di coloro che volevano riaffermare la Magna Carta e costringere il re a cedere più potere al consiglio baronale. Nel 1258, avviando il movimento verso la riforma, sette importanti baroni costrinsero Enrico ad accettare le Disposizioni di Oxford, che di fatto abolirono la monarchia anglo-normanna assolutista, dando potere a un consiglio di ventiquattro baroni per occuparsi degli affari del governo e prevedendo un gran consiglio in forma di parlamento ogni tre anni, per monitorarne l'andamento. Henry è stato costretto a prendere parte al giuramento di un giuramento collettivo per rispettare le disposizioni. Cercando di ripristinare la sua posizione, nel 1259 Enrico acquistò l'appoggio del re Luigi IX di Francia con il Trattato di Parigi, accettando di accettare la perdita delle terre in Francia che erano state sequestrate a lui e a suo padre, il re Giovanni, da Louis e dai suoi predecessori dal 1202, e di rendere omaggio a coloro che sono rimasti nelle sue mani. Nel 1261 ottenne una bolla papale che lo liberava dal giuramento e si mise a riaffermare il suo controllo sul governo. L'opposizione baronale ha risposto convocando il proprio Parlamento e contestando il controllo del governo locale, ma con la guerra civile incombente hanno fatto marcia indietro e de Montfort è fuggito in Francia, mentre gli altri oppositori chiave