Parlamento Sami della Norvegia

Article

May 16, 2022

Il parlamento Sami della Norvegia (norvegese: Sametinget, Sami settentrionale: Sámediggi [ˈsaːmeˌtiɡːiː], Lule Sami e Pite Sami: Sámedigge, Ume Sami: Sámiediggie, Sami meridionale: Saemiedigkie, Skolt Sami: Sääʹmteʹǧǧ) è l'organo rappresentativo del popolo Sámi In Norvegia. Agisce come istituzione di autonomia culturale per il popolo indigeno Sami. Il Parlamento è stato aperto il 9 ottobre 1989. La sede è nel villaggio di Kárášjohka (Karasjok) nel comune di Kárášjohka nella contea di Troms og Finnmark. Attualmente conta 39 rappresentanti, eletti ogni quattro anni con voto diretto da 7 circoscrizioni. L'ultima elezione è stata nel 2021. A differenza della Finlandia, i 7 collegi elettorali coprono tutta la Norvegia. L'attuale presidente è Silje Karine Muotka che rappresenta l'Associazione Sámi norvegese.

Storia

Nel 1964, il Consiglio Sámi norvegese è stato istituito per affrontare le questioni Sámi. I membri del corpo sono stati nominati dalle autorità statali. Questo organo è stato sostituito dal Parlamento Sami. Nel 1978, la direzione norvegese delle risorse idriche e dell'energia pubblicò un piano che prevedeva la costruzione di una diga e di una centrale idroelettrica che avrebbero creato un lago artificiale e avrebbero inondato il villaggio Sámi di Máze. Questo piano è stato accolto da una forte opposizione da parte dei Sámi, e ha portato alla controversia Alta. A seguito della controversia, il governo norvegese ha tenuto incontri nel 1980 e 1981 con una delegazione Sámi nominata dalla Norwegian Sámi Association, dalla Sámi Reindeer Herders' Association of Norway e dal Norwegian Sámi Council. Gli incontri hanno portato alla creazione di un comitato per discutere le questioni culturali Sámi e il Comitato per i diritti dei Sámi che si occupa delle relazioni legali dei Sámi. Quest'ultimo ha proposto un organo democraticamente eletto per i Sámi, che ha portato alla legge Sámi del 1987. Inoltre, il Comitato per i diritti dei Sámi ha portato alla modifica del 1988 della Costituzione norvegese e all'adozione della legge Finnmark nel 2005. La legge Sámi (1987:56), che stabilisce le responsabilità e i poteri del parlamento sami norvegese, è stata approvata dal parlamento norvegese il 12 giugno 1987 ed è entrata in vigore il 24 febbraio 1989. La prima sessione del parlamento sami è stata convocata il 9 ottobre 1989 ed è stato aperto dal re Olav V.

Organizzazione

La plenaria del Parlamento Sámi norvegese (dievasčoahkkin) ha 39 rappresentanti eletti con voto diretto da 7 circoscrizioni. La plenaria è l'organo supremo del Parlamento Sámi ed è sovrano nell'esecuzione dei doveri del Parlamento Sámi nell'ambito della legge Sámi. I rappresentanti del partito più grande (o di una collaborazione di partiti) formano un consiglio direttivo (Sámediggeráđđi) e scelgono un presidente. Sebbene la carica di vicepresidente sia stata formalmente rimossa dal regolamento del parlamento sami nel 2013, è considerata preoccupazione del presidente del parlamento sami se desidera nominare un vicepresidente. Il consiglio direttivo è responsabile dell'esecuzione dei ruoli e delle responsabilità del parlamento tra le riunioni plenarie. Inoltre ci sono più comitati tematici che si occupano di casi specifici.

Presidenti

Posizione

Il Parlamento Sámi della Norvegia si trova a Karasjok (Kárášjohka) e l'edificio è stato inaugurato il 2 novembre 2000. Ci sono anche uffici a Guovdageaidnu (Kautokeino), Unjárga (Nesseby), Gáivuotna (Kåfjord), Romsa (Tromsø), Skánik ( Evenskjær) Ájluokta (Drag), Aarborte (Hattfjelldal) e Snåase (Snåsa). La città di Kárášjohka è considerata un importante centro della cultura Sámi in Norvegia. Circa l'80% della popolazione della città è di lingua Sami, e la città ospita anche stazioni di trasmissione Sámi e diverse istituzioni Sámi pubbliche e private come il Museo Sámi e l'organizzazione Sami Trade and Industry.

Edificio

L'edificio è stato progettato dagli architetti Stein Halvorsen & Christian Sundby, che ha vinto il