Rodolfo Hernandez Suarez

Article

June 30, 2022

Rodolfo Hernández Suárez (nato il 26 marzo 1945) è un politico, ingegnere civile e uomo d'affari colombiano, senatore eletto della Colombia. È stato sindaco di Bucaramanga dal 2016 fino alle sue dimissioni nel 2019. Si è classificato secondo al primo turno delle elezioni presidenziali colombiane del 2022 e alla fine è stato sconfitto da Gustavo Petro nel ballottaggio del secondo turno. È il titolare della società Constructora HG.

Biografia

Hernández è nato a Piedecuesta, dipartimento di Santander, nel 1945, ed è cresciuto nella vicina Bucaramanga. Prima del suo ingresso in politica, è stato ingegnere civile dal 1971 dopo la laurea presso l'Università Nazionale della Colombia e ha lavorato nel settore edile come imprenditore negli anni '90 tramite la sua società HG Constructora, concentrandosi principalmente su alloggi a prezzi accessibili a Bucaramanga e l'area circostante, guadagnando oltre 100 milioni di dollari. Suo padre è stato rapito e trattenuto per 135 giorni dalle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (FARC-EP) e Juliana, uno dei suoi quattro figli, è stato rapito e presumibilmente ucciso dal Esercito di liberazione nazionale (ELN) nel 2004, dopo aver rifiutato di pagare il riscatto, sostenendo che avrebbe messo il resto della sua famiglia a maggior rischio di rapimento. Hernández è entrato in politica ed è stato prima un membro del Partito liberale colombiano. È stato consigliere comunale di Piedecuesta dal 1990 al 1992. Nel 2011 ha finanziato e condotto una campagna per Lucho Bohórquez, un membro del Partito liberale colombiano, che ha finito per vincere le elezioni del sindaco di Bucaramanga. Hernández si è candidato alla carica di sindaco di Bucaramanga nel 2015 , finanziando la propria campagna e vincendo le elezioni del sindaco. È stato sindaco di Bucaramanga dal 2016 al 2019. In qualità di sindaco, è diventato noto a livello nazionale per le trasmissioni settimanali su Facebook in cui rispondeva alle domande dei cittadini e per le sue lotte pubbliche con i consiglieri comunali che ha accusato di essere "topi" ladri. Ha anche ricevuto il riconoscimento dando il suo stipendio a studenti universitari pubblici. In diverse occasioni, ha incontrato leader di comunità e leader giovanili. Nel 2018 è stato sospeso per tre mesi per aver schiaffeggiato un consigliere. Nel 2019, l'ufficio del procuratore generale lo ha sanzionato per presunta partecipazione impropria alla politica mentre ricopriva la carica di sindaco, a cui Hernández ha risposto dimettendosi dall'incarico. Durante il suo mandato, è diventato noto come un attivista contro la corruzione e quando ha lasciato l'incarico aveva un indice di gradimento dell'84%. Sta anche affrontando un processo giudiziario per presunte irregolarità nell'esecuzione di un contratto di consulenza per l'implementazione di nuove tecnologie per la gestione dei rifiuti nella discarica di El Carrasco, che avrebbe sostenuto come sindaco di Bucaramanga. Hernández ha precedentemente suscitato polemiche tra la comunità di espatriati venezuelani nel paese dopo aver affermato che le donne venezuelane erano spesso "fabbriche per bambini" che avrebbero dovuto essere sostenute dallo stato. Ha anche causato polemiche, quando ha detto, durante un'intervista del 2016: "Sono un seguace di un grande pensatore tedesco, di nome Adolf Hitler". In seguito si è scusato e ha detto che intendeva dire Albert Einstein.

Campagna presidenziale 2022

Hernández ha dichiarato la sua candidatura nel 2022 come indipendente, con Marelen Castillo come sua compagna di corsa. È arrivato secondo al primo turno delle elezioni presidenziali del 2022 con il 28% dei voti, avanzando al ballottaggio il 19 giugno 2022, affrontando Gustavo Petro. Dopo il primo turno, Hernández ha espresso gratitudine a tutti coloro che hanno votato per lui, dicendo; "A coloro che hanno votato per me, vi dico ora, non vi deluderò." Ha ricevuto l'appoggio del candidato terzo classificato Federico Gutiérrez, per il secondo turno, esortando gli elettori a "tenere fuori Petro". Ha fatto una campagna contro la corruzione della classe politica tradizionale e ha sottolineato la sua immagine di imprenditore di successo in grado di trasformare la Colombia . Ha promesso di "ripulire" il paese dalla corruzione. Ha anche promesso "importanti tagli al budget", eliminando l'uso di aerei ed elicotteri presidenziali