Beccaccia di mare

Article

June 27, 2022

Le beccacce di mare sono un gruppo di limicoli che formano la famiglia Haematopodidae, che ha un unico genere, Haematopus. Si trovano sulle coste di tutto il mondo a parte le regioni polari e alcune regioni tropicali dell'Africa e del sud-est asiatico. Le eccezioni a questo sono la beccaccia eurasiatica, la beccaccia dell'Isola del Sud e la beccaccia di Magellano, che si riproducono anche nell'entroterra, in alcuni casi nell'entroterra. In passato c'è stata una grande confusione riguardo ai limiti delle specie, con popolazioni discrete di tutte le beccacce di mare nere a cui è stato concesso uno status specifico, ma le beccacce di mare sono considerate un'unica specie.

Tassonomia

Il genere Haematopus fu introdotto nel 1758 dal naturalista svedese Carlo Linneo nel 1758 nella decima edizione del suo Systema Naturae per accogliere una sola specie, la beccaccia di mare eurasiatica (Haematopus ostralegus. Il nome del genere Haematopus deriva dal greco haima αἳμα blood, pous πούς Haematopus era stato usato per la beccaccia di mare eurasiatica dal naturalista francese Pierre Belon nel 1555.Il nome beccaccia di mare fu coniato da Mark Catesby nel 1731 come nome comune per la specie nordamericana H. palliatus, descritta come mangia ostriche. Yarrell nel 1843 stabilì questo come termine preferito, sostituendo il vecchio nome torta di mare

Descrizione

Le diverse specie di beccaccia di mare mostrano poche variazioni nella forma o nell'aspetto. Variano da 39-50 centimetri (15 + 1⁄2-19 + 1⁄2 pollici) di lunghezza e 72-91 cm (28 + 1⁄2-36 pollici) di apertura alare. La beccaccia eurasiatica è in media la più leggera, con 526 grammi (1 libbra 2+1⁄2 once), mentre la beccaccia fuligginosa è la più pesante, con 819 g (1 lb 13 oz). Il piumaggio di tutte le specie è completamente nero o nero (o marrone scuro) sopra e bianco sotto. La beccaccia di mare variabile è leggermente eccezionale nell'essere completamente nera o pezzata. Sono uccelli grandi, ovvi e rumorosi simili a un piviere, con enormi becchi lunghi arancioni o rossi usati per fracassare o fare leva sui molluschi aperti. La forma del becco varia da specie a specie, a seconda della dieta. Quegli uccelli con la punta del becco a forma di lama aprono o distruggono i gusci dei molluschi, e quelli con la punta del becco appuntita tendono a sondare i vermi anellidi. Mostrano dimorfismo sessuale, con le femmine che hanno un becco più lungo e più pesanti dei maschi.

Alimentazione

La dieta delle beccacce di mare varia a seconda del luogo. Le specie che vivono nell'entroterra si nutrono di lombrichi e larve di insetti. La dieta delle beccacce costiere è più varia, sebbene dipenda dal tipo di costa; sugli estuari, i bivalvi, i gasteropodi e i vermi policheti sono la parte più importante della dieta, mentre le beccacce di mare sulle coste rocciose predano patelle, cozze, gasteropodi e chitoni. Altri oggetti da preda includono echinodermi, pesci e granchi.

Allevamento

Quasi tutte le specie di beccaccia di mare sono monogame, sebbene ci siano segnalazioni di poligamia nella beccaccia eurasiatica. Sono territoriali durante la stagione riproduttiva (con poche specie che difendono i territori tutto l'anno). C'è una forte fedeltà al compagno e al sito nelle specie che sono state studiate, con un record di una coppia che difende lo stesso sito per 20 anni. Viene effettuato un singolo tentativo di nidificazione per stagione riproduttiva, che viene cronometrato durante i mesi estivi. I nidi delle beccacce di mare sono cose semplici, graffi nel terreno che possono essere foderati e posti in un luogo con buona visibilità. Le uova delle beccacce di mare sono macchiate e criptiche. Vengono deposte da una a quattro uova, di cui tre tipiche nell'emisfero settentrionale e due nel sud. L'incubazione è condivisa ma non in proporzione, le femmine tendono a prenderne di più e i maschi si impegnano in una maggiore difesa del territorio. L'incubazione varia a seconda della specie, durando tra 24-39 giorni. È anche noto che le beccacce di mare praticano il "scarico delle uova". Come il cuculo, a volte depongono le uova nei nidi di altre specie come i gabbiani, abbandonandole per essere allevate da quegli uccelli.

Conservazione

La beccaccia di mare delle Isole Canarie si estinse durante il 20° ce