Ordine di Santiago

Article

August 15, 2022

L'Ordine di Santiago (; spagnolo: Orden de Santiago [sanˈtjaɣo]), è un ordine religioso e militare fondato nel XII secolo. Deve il suo nome al Santo Patrono di Spagna, "Santiago" (San Giacomo il Maggiore). Il suo obiettivo iniziale era proteggere i pellegrini del Cammino di Santiago, difendere la cristianità e allontanare i mori musulmani dalla penisola iberica. L'ingresso non era tuttavia limitato esclusivamente ai nobili di Spagna, e molti dei suoi membri sono stati in generale europei cattolici di primo piano. L'Ordine di Santiago è uno degli ordini militari più rinomati nella storia del mondo, le sue insegne sono particolarmente riconoscibili e abbondanti nell'arte occidentale. Dopo la morte del Gran Maestro Alonso de Cárdenas nel 1493, i Re Cattolici incorporarono l'Ordine nel la corona spagnola. Papa Adriano VI unì per sempre la carica di gran maestro di Santiago alla corona nel 1523. La Prima Repubblica soppresse l'Ordine nel 1873 e, sebbene ristabilito nella Restaurazione, fu ridotto ad istituto nobiliare di carattere onorato. Era retto da un Consiglio Superiore dipendente dal Ministero della Guerra, anch'esso estinto dopo la proclamazione della Seconda Repubblica nel 1931. L'Ordine di Santiago è uno dei quattro ordini militari spagnoli, insieme a quelli di Calatrava, Alcántara e Montesa. È stato restaurato come associazione civile con la regalità di Juan Carlos I con il carattere di un'organizzazione nobiliare, onorevole e religiosa che rimane tale.

Croce di San Giacomo

L'insegna dell'Ordine è una croce rossa simile a una spada, con la forma di un giglio sull'elsa e sulle braccia. I cavalieri portavano la croce stampigliata sullo stendardo reale e sul mantello bianco. La croce dello stendardo reale aveva una capesante mediterranea al centro e un'altra all'estremità di ciascun braccio. I tre gigli rappresentano l'"onore senza macchia", che è in riferimento ai tratti morali del carattere dell'Apostolo. La spada rappresenta il carattere cavalleresco dell'apostolo San Giacomo e le sue vie da martire, poiché fu decapitato con una spada. Può anche simboleggiare prendere la spada nel nome di Cristo, in un certo senso. Si narra che la sua forma abbia avuto origine all'epoca delle Crociate, quando i cavalieri portavano con sé delle piccole croci dal fondo appuntito per conficcarle nel terreno e svolgere le loro devozioni quotidiane.

Storia

Santiago de Compostela, in Galizia, centro della devozione a questo Apostolo, non è né la culla né la sede principale dell'ordine. Due città si contendono l'onore di averla partorita, León nel regno omonimo e Uclés in Castiglia. A quel tempo (1157-1230) la dinastia reale era divisa in due rami, la cui rivalità tendeva a oscurare gli inizi dell'ordine. I Cavalieri di Santiago avevano possedimenti in ciascuno dei regni, ma Ferdinando II di León e Alfonso VIII di Castiglia, nel concederli, posero la condizione che la sede dell'ordine fosse nei rispettivi stati. Da qui nacquero lunghe controversie che si conclusero solo nel 1230 quando Ferdinando III, il Santo, unì le due corone. Successivamente, Uclés, nella provincia di Cuenca, fu considerata la sede dell'ordine; lì risiedeva abitualmente il Gran Maestro, gli aspiranti trascorrevano il loro anno di prova e il ricco archivio dell'ordine fu conservato fino a quando non fu unito nel 1869 all'"Archivo Histórico Nacional" di Madrid. L'ordine ricevette la sua prima regola nel 1171 dal cardinale Jacinto (poi papa Celestino III), allora legato in Iberia di papa Alessandro III. Questo primo Gran Maestro fu Pedro Fernández de Castro, noto anche come Pedro Fernández de Fuentecalada, soldato del re Ferdinando II ed ex crociato. A differenza dei contemporanei ordini di Calatrava e Alcántara, che seguivano la regola severa dei Benedettini di Cîteaux, Santiago adottò la regola più mite dei Canonici di S. Agostino. A León offrivano i loro servigi ai Canonici Regolari di Sant'Eligio di quella città