Arma nucleare

Article

August 17, 2022

Un'arma nucleare (nota anche come bomba atomica, bomba atomica, bomba nucleare o testata nucleare, e colloquialmente come bomba atomica o nucleare) è un dispositivo esplosivo che deriva la sua forza distruttiva da reazioni nucleari, sia fissione (bomba a fissione) o da una combinazione di reazioni di fissione e fusione (bomba termonucleare). Entrambi i tipi di bombe rilasciano grandi quantità di energia da quantità relativamente piccole di materia. Il primo test di una bomba a fissione ("atomica") ha rilasciato una quantità di energia pari a circa 20.000 tonnellate di TNT (84 TJ). Il primo test bomba termonucleare ("idrogeno") ha rilasciato un'energia pari a circa 10 milioni di tonnellate di tritolo (42 PJ). Le bombe nucleari hanno avuto rese comprese tra 10 tonnellate di TNT (il W54) e 50 megatoni per la Tsar Bomba (vedi equivalente TNT). Un'arma termonucleare del peso di poco più di 2.400 libbre (1.100 kg) può rilasciare energia pari a più di 1,2 milioni di tonnellate di TNT (5,0 PJ). Un ordigno nucleare non più grande di una bomba convenzionale può devastare un'intera città con esplosione, fuoco e radiazione. Trattandosi di armi di distruzione di massa, la proliferazione delle armi nucleari è al centro della politica delle relazioni internazionali. Le armi nucleari sono state schierate due volte in guerra, dagli Stati Uniti contro le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nel 1945 durante la seconda guerra mondiale.

Test e dispiegamento di armi nucleari

Le armi nucleari sono state usate solo due volte in guerra, entrambe le volte dagli Stati Uniti contro il Giappone verso la fine della seconda guerra mondiale. Il 6 agosto 1945, le forze aeree dell'esercito degli Stati Uniti fecero esplodere una bomba a fissione all'uranio soprannominata "Little Boy" sulla città giapponese di Hiroshima; tre giorni dopo, il 9 agosto, le forze aeree dell'esercito degli Stati Uniti hanno fatto esplodere una bomba a fissione a implosione al plutonio soprannominata "Fat Man" sulla città giapponese di Nagasaki. Questi bombardamenti hanno causato lesioni che hanno provocato la morte di circa 200.000 civili e militari. L'etica di questi attentati e il loro ruolo nella resa del Giappone sono oggetto di dibattito. Dopo i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, le armi nucleari sono state fatte esplodere oltre 2.000 volte per test e dimostrazioni. Solo poche nazioni possiedono tali armi o sono sospettate di cercarle. Gli unici paesi noti per aver fatto esplodere armi nucleari - e riconoscere di possederle - sono (in ordine cronologico per data del primo test) gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica (successivamente come potenza nucleare dalla Russia), il Regno Unito, la Francia, la Cina, l'India , Pakistan e Corea del Nord. Si crede che Israele possieda armi nucleari, anche se, in una politica di deliberata ambiguità, non riconosce di averle. Germania, Italia, Turchia, Belgio e Paesi Bassi sono stati che condividono armi nucleari. Il Sudafrica è l'unico paese ad aver sviluppato in modo indipendente e poi rinunciato e smantellato le sue armi nucleari. Il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari mira a ridurre la diffusione delle armi nucleari, ma la sua efficacia è stata messa in dubbio. La modernizzazione delle armi continua fino ad oggi.

Tipi

Ci sono due tipi fondamentali di armi nucleari: quelle che derivano la maggior parte della loro energia dalle sole reazioni di fissione nucleare e quelle che usano reazioni di fissione per iniziare reazioni di fusione nucleare che producono una grande quantità dell'energia totale prodotta.

Armi a fissione

Tutte le armi nucleari esistenti derivano parte della loro energia esplosiva dalle reazioni di fissione nucleare. Le armi la cui potenza esplosiva deriva esclusivamente da reazioni di fissione sono comunemente chiamate bombe atomiche o bombe atomiche (abbreviate come bombe atomiche). Questo è stato a lungo considerato un termine improprio, poiché la loro energia proviene dal nucleo dell'atomo, proprio come avviene con le armi a fusione. Nelle armi a fissione, una massa di materiale fissile (uranio arricchito o plutonio) è forzata alla supercriticità, consentendo una crescita esponenziale delle reazioni a catena nucleari, sparando un pezzo di materiale subcritico in un altro (il metodo della "pistola") o compressione di un sotto-