Serie NASCAR Cup

Article

June 27, 2022

La NASCAR Cup Series è la massima serie di corse della National Association for Stock Car Auto Racing (NASCAR). La serie iniziò nel 1949 come Strictly Stock Division e dal 1950 al 1970 era conosciuta come Grand National Division. Nel 1971, quando la serie iniziò ad affittare i suoi diritti di denominazione alla R.J. Reynolds Tobacco Company, fu chiamata NASCAR Winston Cup Series (1971-2003). Un accordo simile è stato fatto con Nextel nel 2003, ed è diventata la NASCAR Nextel Cup Series (2004-2007). Sprint ha acquisito Nextel nel 2005 e nel 2008 la serie è stata ribattezzata NASCAR Sprint Cup Series (2008-2016). Nel dicembre 2016, è stato annunciato che Monster Energy sarebbe diventato il nuovo sponsor del titolo e la serie è stata ribattezzata Monster Energy NASCAR Cup Series (2017-2019). Nel 2019, la NASCAR ha rifiutato l'offerta di Monster di estendere l'attuale accordo sui diritti di denominazione oltre la fine della stagione. La NASCAR ha successivamente annunciato il suo passaggio a un nuovo modello di sponsorizzazione a più livelli a partire dalla stagione 2020 simile ad altri campionati sportivi professionistici con sede negli Stati Uniti, dove era semplicemente conosciuta come NASCAR Cup Series, con gli sponsor della serie chiamati Premier Partners. I quattro Premier Partner sono Busch Beer, Coca-Cola, GEICO e Xfinity. Il campionato è determinato da un sistema a punti, con punti assegnati in base al piazzamento finale e al numero di giri effettuati. La stagione è divisa in due segmenti. Dopo le prime 26 gare, 16 piloti, selezionati principalmente in base alle vittorie durante le prime 26 gare, vengono testate in base al numero totale di vittorie. Competono nelle ultime dieci gare, dove la differenza di punti è notevolmente ridotta al minimo. Questo è chiamato playoff NASCAR. La serie ha forti radici negli Stati Uniti sudorientali, con circa la metà delle gare nella stagione di 36 gare che si svolgono in quella regione. A partire dal 2020 il programma include brani provenienti da tutti gli Stati Uniti. Le gare della stagione regolare si sono svolte in precedenza in Canada e le gare di esibizione si sono svolte in Giappone e Australia. La Daytona 500, la gara più prestigiosa, ha avuto un pubblico televisivo di circa 9,17 milioni di telespettatori negli Stati Uniti nel 2019. Le auto della Cup Series sono uniche nelle corse automobilistiche. I motori sono abbastanza potenti da raggiungere velocità di oltre 200 mph (320 km/h), ma il loro peso, abbinato a un pacchetto aerodinamico relativamente semplice (basato sugli stili di carrozzeria delle auto attualmente disponibili per la vendita al dettaglio negli Stati Uniti) rende poveri gestione. I corpi e il telaio delle auto sono rigorosamente regolati per garantire la parità e l'elettronica è tradizionalmente di natura spartana.

Storia

Rigorosamente Stock e Grand National

Nel 1949, la NASCAR ha introdotto la divisione Strictly Stock, dopo aver sancito le gare della divisione Modified e Roadster nel 1948. Otto gare sono state corse su sette ovali in terra battuta e sul campo da spiaggia/strada di Daytona Beach. La prima gara NASCAR "Strictly Stock" si è tenuta a Charlotte Speedway il 19 giugno 1949. Jim Roper fu dichiarato vincitore di quella gara dopo che Glenn Dunaway fu squalificato per aver alterato le molle posteriori della sua auto; il primo campione della serie è stato Red Byron. La divisione fu ribattezzata "Grand National" per la stagione 1950, riflettendo l'intento della NASCAR di rendere lo sport più professionale e prestigioso. Ha mantenuto questo nome fino al 1971. La stagione 1949 Strictly Stock è considerata nel libro dei record della NASCAR come la prima stagione della storia della GN/Cup. Martinsville Speedway è l'unica pista del programma 1949 che rimane nel programma attuale. Invece di avere un programma fisso di una gara per fine settimana con la maggior parte dei partecipanti presenti ad ogni evento, il programma del Grand National ha incluso oltre sessanta eventi in alcuni anni. Spesso ci sono due o tre gare nello stesso fine settimana e occasionalmente due gare nello stesso giorno in stati diversi. Nei primi anni, la maggior parte delle gare del Grand National si svolgevano su brevi piste ovali sterrate che variavano in lunghezza sul giro da meno di un quarto di miglio a oltre mezzo miglio, o su ovali sterrati da fiera di solito che andavano da mezzo miglio a