Video musicale

Article

August 17, 2022

Un video musicale è un cortometraggio o un video, di durata variabile, che integra una canzone o un album con immagini prodotte per scopi promozionali o artistici. I video musicali moderni sono principalmente realizzati e utilizzati come strumento di marketing destinato a promuovere la vendita di registrazioni musicali. Ci sono anche casi in cui le canzoni vengono utilizzate nelle campagne di marketing collegate che consentono loro di diventare più di una semplice canzone. Tie-in e merchandising possono essere utilizzati per giocattoli o per alimenti o altri prodotti. Sebbene le origini del video musicale risalgano a cortometraggi musicali apparsi per la prima volta negli anni '20, sono tornati alla ribalta negli anni '80 quando il canale MTV (originariamente "Music Television") ha basato il suo formato attorno al mezzo. Prima degli anni '80, questo tipo di video era descritto con vari termini tra cui "canzone illustrata", "inserto filmato", "film promozionale (promozionale)", "clip promozionale", "video promozionale", "video di canzoni", "canzone clip" o "filmato". I video musicali utilizzano un'ampia gamma di stili e tecniche di creazione video contemporanee, tra cui animazione, live-action, documentari e approcci non narrativi come il film astratto. Alcuni video musicali combinano stili diversi con la musica, come l'animazione e il live-action. La combinazione di questi stili e tecniche è diventata più popolare grazie alla varietà per il pubblico. Molti video musicali interpretano immagini e scene del testo della canzone, mentre altri adottano un approccio più tematico. Altri video musicali potrebbero non avere alcun concetto, essendo solo una versione filmata della performance del concerto dal vivo della canzone.

Storia e sviluppo

Nel 1894, gli editori di spartiti Edward B. Marks e Joe Stern assunsero l'elettricista George Thomas e vari artisti per promuovere le vendite della loro canzone "The Little Lost Child". Usando una lanterna magica, Thomas ha proiettato una serie di immagini fisse su uno schermo in simultanea alle esibizioni dal vivo. Questa sarebbe diventata una forma popolare di intrattenimento conosciuta come la canzone illustrata, il primo passo verso il video musicale.

1926–1959: Talkies, soundies e cortometraggi

Nel 1926, con l'arrivo dei "talkie", furono prodotti molti cortometraggi musicali. I cortometraggi Vitaphone (prodotti dalla Warner Bros.) presentavano molte band, cantanti e ballerini. L'artista dell'animazione Max Fleischer ha introdotto una serie di brevi cartoni animati da cantare insieme chiamati Screen Songs, che invitavano il pubblico a cantare insieme a canzoni popolari "seguendo la palla che rimbalza", che è simile a una moderna macchina per il karaoke. I primi cartoni animati degli anni '30 presentavano musicisti famosi che eseguivano le loro canzoni di successo davanti alla telecamera in segmenti di live-action durante i cartoni animati. I primi film d'animazione di Walt Disney, come i cortometraggi Silly Symphonies e soprattutto Fantasia, che presentava diverse interpretazioni di brani classici, erano costruiti attorno alla musica. I cartoni della Warner Bros., ancora oggi annunciati come Looney Tunes e Merrie Melodies, erano inizialmente modellati attorno a brani specifici dei prossimi film musicali della Warner Bros.. Sono stati distribuiti ai teatri anche cortometraggi musicali dal vivo, con artisti famosi come Cab Calloway. La cantante blues Bessie Smith è apparsa in un cortometraggio a due rulli chiamato St. Louis Blues (1929) con una performance drammatizzata della canzone di successo. Numerosi altri musicisti sono apparsi in brevi soggetti musicali durante questo periodo. I soundies, prodotti e rilasciati dal 1940 al 1947 per il jukebox cinematografico Panoram, erano film musicali che spesso includevano brevi sequenze di danza, simili a video musicali successivi. A metà degli anni '40, il musicista Louis Jordan realizzò dei cortometraggi per le sue canzoni, alcuni dei quali furono uniti in un lungometraggio, Lookout Sister. Questi film erano, secondo lo storico della musica Donald Clarke, gli "antenati" dei video musicali. I film musicali sono stati un altro importante precursore di un video musicale e diversi video musicali famosi hanno imitato lo stile dei classici musical di Hollywood dagli anni '30 agli anni '50. Uno degli esempi più noti è il video di Madonna del 1985 per "Material Girl" (diretto da Mary Lambert) che è stato strettamente modellato sul film di Jack Cole