via Lattea

Article

May 16, 2022

La Via Lattea è la galassia che include il Sistema Solare, con il nome che descrive l'aspetto della galassia dalla Terra: una banda nebulosa di luce vista nel cielo notturno formata da stelle che non possono essere distinte individualmente ad occhio nudo. Il termine Via Lattea è una traduzione del latino via lactea, dal greco γαλακτικός κύκλος (galaktikos kýklos), che significa "cerchio latteo". Dalla Terra, la Via Lattea appare come una banda perché la sua struttura a forma di disco è vista dall'interno. Galileo Galilei risolse per la prima volta la fascia di luce in singole stelle con il suo telescopio nel 1610. Fino ai primi anni '20, la maggior parte degli astronomi pensava che la Via Lattea contenesse tutte le stelle dell'Universo. Dopo il Grande Dibattito del 1920 tra gli astronomi Harlow Shapley e Heber Curtis, le osservazioni di Edwin Hubble hanno mostrato che la Via Lattea è solo una delle tante galassie. La Via Lattea è una galassia a spirale barrata con un diametro visibile stimato di 100.000-200.000 anni luce. Recenti simulazioni suggeriscono che un disco di materia oscura, contenente anche alcune stelle visibili, possa estendersi fino a un diametro di quasi 2 milioni di anni luce. La Via Lattea ha diverse galassie satellite e fa parte del Gruppo Locale di galassie, che fanno parte del Superammasso Vergine, che è a sua volta un componente del Superammasso di Laniakea. Si stima che contenga 100-400 miliardi di stelle e almeno quel numero di pianeti. Il Sistema Solare si trova a un raggio di circa 27.000 anni luce dal Centro Galattico, sul bordo interno del Braccio di Orione, una delle concentrazioni a forma di spirale di gas e polvere. Le stelle nei 10.000 anni luce più interni formano un rigonfiamento e una o più barre che si irradiano dal rigonfiamento. Il centro galattico è un'intensa radiosorgente nota come Sagittarius A*, un buco nero supermassiccio di 4.100 (± 0,034) milioni di masse solari. Stelle e gas a una vasta gamma di distanze dal Centro Galattico orbitano a circa 220 chilometri al secondo. La velocità di rotazione costante sembra contraddire le leggi della dinamica kepleriana e suggerisce che gran parte (circa il 90%) della massa della Via Lattea è invisibile ai telescopi, né emette né assorbe radiazioni elettromagnetiche. Questa massa congetturale è stata chiamata "materia oscura". Il periodo di rotazione è di circa 240 milioni di anni al raggio del Sole. La Via Lattea nel suo insieme si muove a una velocità di circa 600 km al secondo rispetto ai sistemi di riferimento extragalattici. Le stelle più antiche della Via Lattea sono vecchie quasi quanto l'Universo stesso e quindi probabilmente si sono formate poco dopo il Medioevo del Big Bang.

Aspetto

La Via Lattea è visibile dalla Terra come una banda nebbiosa di luce bianca, larga circa 30°, che inarca il cielo notturno. Nell'osservazione del cielo notturno, sebbene tutte le singole stelle ad occhio nudo nell'intero cielo facciano parte della Via Lattea, il termine "Via Lattea" è limitato a questa fascia di luce. La luce ha origine dall'accumulo di stelle irrisolte e altro materiale situato nella direzione del piano galattico. Le regioni più luminose intorno alla banda appaiono come macchie visive morbide note come nuvole stellari. La più cospicua di queste è la Large Sagittarius Star Cloud, una porzione del rigonfiamento centrale della galassia. Le regioni scure all'interno della banda, come la Great Rift e il Coalsack, sono aree in cui la polvere interstellare blocca la luce delle stelle lontane. L'area di cielo oscurata dalla Via Lattea è chiamata Zona di Evitamento. La Via Lattea ha una luminosità superficiale relativamente bassa. La sua visibilità può essere notevolmente ridotta dalla luce di fondo, come l'inquinamento luminoso o il chiaro di luna. Il cielo deve essere più scuro di circa 20,2 magnitudine per secondo d'arco quadrato affinché la Via Lattea sia visibile. Dovrebbe essere visibile se la magnitudine limite è approssimativamente +5.1 o migliore e mostra molti dettagli a +6.1. Ciò rende la Via Lattea difficile da vedere da aree urbane o suburbane molto illuminate, ma molto prominente se osservata da aree rurali quando la Luna è al di sotto