Regno di Leon

Article

June 30, 2022

Il Regno di León (Regno Unito: , USA: ; spagnolo: [leˈon]; astur-leonese: Reinu de Llión; spagnolo: Reino de León; galiziano: Reino de León; portoghese: Reino de Leão; latino: Regnum Legionense; Mirandese: Reino de Lhion) era un regno indipendente situato nella regione nord-occidentale della penisola iberica. Fu fondata nel 910 d.C. quando i principi cristiani delle Asturie lungo la costa settentrionale della penisola spostarono la loro capitale da Oviedo alla città di León. I re di León combatterono guerre civili, guerre contro i regni vicini e campagne per respingere le invasioni sia dei Mori che dei Vichinghi, il tutto per proteggere le mutevoli fortune del loro regno. García è il primo dei re descritti dalle carte come regnanti a León. Si presume generalmente che l'antico regno asturiano fosse diviso tra i tre figli di Alfonso III delle Asturie: García (León), Ordoño (Galizia) e Fruela (Asturie), poiché tutti e tre parteciparono alla deposizione del padre. Quando García morì nel 914, León andò a Ordoño, che ora governava sia León che la Galizia come Ordoño II. Alla morte di Ordoño nel 924, il trono passò a suo fratello Fruela II (924–95), che morì di lebbra un anno dopo. La morte di Fruela nel 925 fu seguita da una guerra civile, dopo la quale Alfonso, il figlio maggiore di Ordoño II, emerse come nuovo re Alfonso IV, regnante dal 925 al 932. Dopo un'ulteriore lotta per il potere, Ramiro, il fratello minore di Alfonso IV, divenne re nel 932, dopo aver catturato suo fratello Alfonso, così come i tre figli di Fruela II - Alfonso, Ordoño e Ramiro. Alfonso IV potrebbe essere morto poco dopo, ma ha lasciato due figli neonati, chiamati Ordoño e Fruela. Quando Ramiro morì nel 951, lasciò due figli da due diverse mogli. Quando il figlio maggiore Ordoňo III, che regnò dal 951 al 956, morì improvvisamente all'età di poco più di trent'anni, gli successe il fratellastro più giovane Sancho I "Il grasso" (956-66), poiché Ordoño non era riuscito a produrre un erede legittimo. Il figlio di Sancho, Ramiro, era nato nel 961 e aveva solo circa cinque anni quando suo padre morì. Era anche l'unico membro legittimo della linea familiare diretta. Sua madre Teresa Ansúrez si era ritirata nel monastero di San Pelayo di recente fondazione, di cui sua cognata Elvira era la badessa. Un'altra suora, la sorella piena di Sancho, Elvira Ramírez, emerse come reggente durante la sua lunga minoranza. Sotto la reggenza di Elvira, nuove incursioni dei normanni furono respinte dalle coste della Galizia. Nel 968, Gunrod di Norvegia, il capo dei vichinghi, si stabilì sul suolo della Galizia e resistette per un anno e mezzo: il vescovo Sisnando di Compostela morì combattendo contro di lui, e il suo successore San Rudesind continuò la lotta fino a quando il conte Gonzalo Sánchez sconfisse gli invasori e uccise Gunrod stesso. Il conte Sánchez distrusse l'intera flotta di Gunrod. Nel 1008 i vichinghi normanni attaccarono la Galizia, distruggendo Santiago de Compostela e altre diciassette città, mentre Olaf Haraldsson di Norvegia fece irruzione sulla costa atlantica della Spagna. Ci sono anche segnalazioni di una serie di attacchi alle terre cristiane del nord della Spagna nel 1028, 1032 e 1038, e i regni cristiani del nord usarono comunemente i vichinghi come mercenari nelle loro guerre interne. La contea di Castiglia si separò nel 931, il La contea del Portogallo si separò per diventare il Regno del Portogallo indipendente nel 1139 e la parte orientale e interna di León fu unita al Regno di Castiglia nel 1230. Dal 1296 al 1301, il Regno di León fu di nuovo indipendente e dopo la riunione con Castiglia rimase una Corona fino al 1833, ma come parte di una Spagna unita dal 1479. Nel Regio Decreto del 30 novembre 1833, il Regno di León fu considerato una delle regioni spagnole e diviso nelle province di León, Zamora e Salamanca. Nel 1978, queste tre province della regione di León sono state incluse insieme a sei province della regione storica della Castiglia Vecchia per creare la comunità autonoma di Castiglia e León. Tuttavia, parti significative dell'ex regno oggi integrano queste tre province e th