Uccisione di Vincent Chin

Article

June 27, 2022

Vincent Jen Chin ( cinese :陳果仁; 18 maggio 1955 - 23 giugno 1982) è stato un disegnatore cinese americano che è stato ucciso in un'aggressione a sfondo razziale da due uomini bianchi, il supervisore dello stabilimento Chrysler Ronald Ebens e il suo figliastro, il lavoratore automobilistico Michael Nitz. Ebens e Nitz hanno aggredito Chin a seguito di una rissa avvenuta in uno strip club di Highland Park, nel Michigan, dove Chin aveva festeggiato il suo addio al celibato con gli amici prima del suo imminente matrimonio. Apparentemente presumevano che Chin fosse giapponese e i testimoni li descrissero usando insulti razzisti mentre lo attaccavano, picchiandolo a morte. Ebens e Nitz hanno incolpato Chin per il successo dell'industria automobilistica giapponese. Sebbene i conti varino, gli uomini hanno avuto un alterco fisico e di conseguenza sono stati rimossi dal club. Ebens e Nitz alla fine trovarono Chin davanti a un McDonald's di Highland Park. Lì, Nitz ha tenuto premuto Chin mentre Ebens lo ha colpito ripetutamente alla testa con una mazza da baseball. Chin fu portato all'Henry Ford Hospital di Detroit, dove morì per le ferite riportate quattro giorni dopo. All'epoca, Metro Detroit era una polveriera di animosità razziale verso gli asiatici americani, in particolare per la penetrazione delle importazioni automobilistiche giapponesi nel mercato interno degli Stati Uniti ha accelerato il declino dei Tre Grandi di Detroit. I lavoratori risentiti hanno attribuito la colpa dei recenti licenziamenti alla concorrenza giapponese. Ebens e Nitz si sono dichiarati colpevoli di omicidio colposo nel 1983, in un patteggiamento da un'accusa iniziale di omicidio di secondo grado. Sebbene Ebens e Nitz non abbiano mai negato la rissa, hanno affermato che la lotta non era motivata razzialmente e hanno affermato di non utilizzare epiteti razziali. Il giudice del tribunale del circuito della contea di Wayne Charles Kaufman ha condannato Ebens e Nitz a soli tre anni di libertà vigilata e una multa di $ 3.000 più i costi, ma senza carcere. La motivazione del giudice Kaufman per la sua clemenza era che era Chin ad avviare l'alterco fisico, Ebens e Nitz non avevano precedenti condanne, Chin è sopravvissuto per quattro giorni in vita e il pubblico ministero non ha sostenuto una sentenza più severa. Il giudice Kaufman afferma inoltre che Ebens e Nitz "non erano il tipo di uomini che mandi in prigione [...] Non rendi la punizione adatta al crimine; rendi la punizione adatta al criminale". una protesta degli asiatici americani. Il presidente del Detroit Chinese Welfare Council ha affermato che ammontava a una "licenza di $ 3.000 per uccidere" i cinesi americani. Di conseguenza, il caso da allora è stato visto come un punto di svolta fondamentale per l'impegno per i diritti civili degli asiatici americani e un grido di battaglia per una legislazione federale più forte sui crimini ispirati dall'odio.

Vita in anticipo

Chin è nato il 18 maggio 1955 nella provincia del Guangdong, nella Cina continentale. Era l'unico figlio di Bing Hing "David" Chin (alias CW Hing) e Lily Chin (nata Yee). Suo padre si guadagnò il diritto di portare una sposa cinese negli Stati Uniti grazie al suo servizio durante la seconda guerra mondiale. Dopo che Lily ha subito un aborto spontaneo nel 1949 e non è stata in grado di avere figli, la coppia ha adottato Vincent da un orfanotrofio cinese nel 1961. Per la maggior parte degli anni '60, Chin è cresciuto a Highland Park. Nel 1971, dopo che l'anziano Hing fu aggredito, la famiglia si trasferì a Oak Park, nel Michigan. Vincent Chin si è diplomato alla Oak Park High School nel 1973, per poi studiare al Control Data Institute e alla Lawrence Tech. Al momento della sua morte, era impiegato come disegnatore industriale presso Efficient Engineering, un fornitore di automobili, e nei fine settimana di lavoro come cameriere presso l'ex ristorante Golden Star a Ferndale, nel Michigan. Era fidanzato e la data del matrimonio era fissata per il 28 giugno 1982.

Omicidio

La lotta che avrebbe portato all'uccisione di Vincent Chin iniziò al The Fancy Pants Club il 19 giugno 1982, quando Chin si indignò per un'osservazione che Ebens fece a una spogliarellista che aveva appena finito di ballare al tavolo di Chin (Chin stava avendo uno scapolo festa, dato che si sarebbe sposato otto giorni dopo). Secondo un'intervista del documentarista americano Michael Moore per la Detroit Free Press, dopo che Chin ha dato al ballerino un generoso omaggio