James Gillray

Article

August 10, 2022

James Gillray (13 agosto 1756 – 1 giugno 1815) è stato un caricaturista e incisore britannico famoso per le sue satire politiche e sociali incise, pubblicate principalmente tra il 1792 e il 1810. Molte delle sue opere sono conservate alla National Portrait Gallery di Londra. Gillray è stato definito "il padre del fumetto politico", con le sue opere che fanno satira su Giorgio III, Napoleone, primi ministri e generali. Considerato uno dei due fumettisti più influenti, l'altro è William Hogarth, l'arguzia e l'umorismo di Gillray, la conoscenza della vita, la fertilità delle risorse, il senso acuto del ridicolo e la bellezza dell'esecuzione, gli diedero subito il primo posto tra i caricaturisti .

Primi anni

È nato a Chelsea, Londra. Suo padre, originario di Lanark, aveva prestato servizio militare: aveva perso un braccio nella battaglia di Fontenoy ed era stato ricoverato, prima come detenuto e successivamente come pensionato all'aperto, al Chelsea Hospital. Gillray iniziò la sua vita imparando l'incisione di lettere, di cui divenne presto un esperto. Trovando questo lavoro fastidioso, ha poi vagato per un po' con una compagnia di giocatori ambulanti. Dopo un'esperienza a scacchi, tornò a Londra e fu ammesso come studente alla Royal Academy, sostenendosi con l'incisione e probabilmente pubblicando un numero considerevole di caricature sotto nomi di fantasia. Le sue caricature sono quasi tutte in acquaforte, alcune anche con acquatinta, e alcune con la tecnica del puntino. Nessuna può essere correttamente descritta come incisione, sebbene questo termine sia spesso usato in modo approssimativo per descriverle. Le opere di Hogarth erano la gioia e lo studio dei suoi primi anni. Paddy on Horseback, apparso nel 1779, è la prima caricatura sicuramente sua. Due caricature sulla vittoria navale dell'ammiraglio Rodney nella battaglia delle Saintes, pubblicate nel 1782, furono tra le prime della memorabile serie dei suoi schizzi politici.

Vita adulta

Il nome dell'editore e venditore di stampe di Gillray, Hannah Humphrey - il cui negozio era prima al 227 Strand, poi a New Bond Street, poi a Old Bond Street e infine a St James's Street - è indissolubilmente associato a quello del caricaturista stesso. Gillray ha vissuto con Miss (spesso chiamata Mrs) Humphrey durante l'intero periodo della sua fama. Si ritiene che abbia pensato più volte di sposarla, e che in un'occasione i due stavano andando in chiesa, quando Gillray disse: "Questa è una faccenda stupida, mi pare, signorina Humphrey. Viviamo molto bene insieme; era meglio lasciar stare". Non ci sono prove, tuttavia, a sostegno delle storie inventate dai mercanti di scandali sulle loro relazioni. Una delle stampe di Gillray, "Twopenny Whist", è una rappresentazione di quattro individui che giocano a carte, e il personaggio mostrato per secondo da sinistra, una signora anziana con occhiali e cappellino, è ampiamente creduto essere una rappresentazione accurata di Miss Humphrey. I piatti di Gillray sono stati esposti nella vetrina del negozio di Humphrey, dove folle desiderose li hanno esaminati. Una delle sue stampe successive, Very Slippy-Weather, mostra sullo sfondo il negozio di Miss Humphrey in St. James's Street. Nella vetrina un certo numero di stampe precedentemente pubblicate di Gillray, come Tiddy-Doll the Great French Gingerbread Maker, Drawing Out a New Batch of Kings; Il suo uomo, Talley Mixing up the Dough, una satira sulle inclinazioni re di Napoleone, è mostrato nella vetrina del negozio. La vista di Gillray iniziò a diminuire nel 1806. Iniziò a indossare gli occhiali, ma non erano soddisfacenti. Incapace di lavorare secondo i suoi standard elevati precedenti, James Gillray divenne depresso e iniziò a bere pesantemente. Ha prodotto la sua ultima stampa nel settembre 1809. Come risultato del suo forte bere, Gillray ha sofferto di gotta per tutta la sua vita. La sua ultima opera, da un disegno di Bunbury, è intitolata Interior of a Barber's Shop in Assize Time, ed è datata 1811. Mentre vi era impegnato divenne pazzo, sebbene avesse occasionali intervalli di sanità mentale, che impiegò nel suo ultimo lavoro. opera. L'avvicinarsi della follia può essere stato accelerato dalle sue abitudini intemperanti. Nel luglio 1811 Gillray attem