Rivolta giacobita del 1745

Article

February 3, 2023

L'insurrezione giacobita del 1745, nota anche come ribellione dei quarantacinque o semplicemente '45 (gaelico scozzese: Bliadhna Theàrlaich, [ˈpliən̪ˠə ˈhjaːrˠl̪ˠɪç], lett. 'Anno di Carlo'), fu un tentativo di Charles Edward Stuart di riconquistare il trono britannico per suo padre, James Francis Edward Stuart. Ha avuto luogo durante la guerra di successione austriaca, quando il grosso dell'esercito britannico stava combattendo nell'Europa continentale, e si è rivelato l'ultimo di una serie di rivolte iniziate nel 1689, con focolai importanti nel 1708, 1715 e 1719. Carlo lanciò la ribellione il 19 agosto 1745 a Glenfinnan nelle Highlands scozzesi, catturando Edimburgo e vincendo la battaglia di Prestonpans a settembre. In un concilio di ottobre, gli scozzesi accettarono di invadere l'Inghilterra dopo che Carlo aveva assicurato loro un sostanziale sostegno da parte dei giacobiti inglesi e un simultaneo sbarco francese nell'Inghilterra meridionale. Su tale base, l'esercito giacobita entrò in Inghilterra all'inizio di novembre, raggiungendo Derby il 4 dicembre, dove decise di tornare indietro. Discussioni simili avevano avuto luogo a Carlisle, Preston e Manchester e molti pensavano di essere già andati troppo oltre. La rotta di invasione era stata scelta per attraversare aree considerate fortemente giacobite, ma il promesso sostegno inglese non si era concretizzato; ora erano in inferiorità numerica e rischiavano di vedersi tagliata la ritirata. La decisione è stata sostenuta dalla stragrande maggioranza, ma ha causato una scissione irreparabile tra Charles ei suoi sostenitori scozzesi. Nonostante la vittoria a Falkirk Muir nel gennaio 1746, la battaglia di Culloden in aprile pose fine alla ribellione e un significativo sostegno alla causa degli Stuart. Carlo fuggì in Francia, ma non riuscì a ottenere supporto per un altro tentativo e morì a Roma nel 1788.

Sfondo

La Gloriosa Rivoluzione del 1688 sostituì Giacomo II e VII con la figlia protestante Mary e il marito olandese Guglielmo, che governarono come monarchi congiunti di Inghilterra, Irlanda e Scozia. Né Mary, che morì nel 1694, né sua sorella Anne, ebbero figli sopravvissuti, cosa che lasciò il loro fratellastro cattolico James Francis Edward come l'erede naturale più prossimo. L'Atto di regolamento del 1701 escluse i cattolici dalla successione e quando Anna divenne regina nel 1702, il suo erede fu la lontana parente ma protestante Elettrice Sofia di Hannover. Sofia morì nel giugno 1714 e quando Anna seguì due mesi dopo, in agosto, il figlio di Sofia successe come Giorgio I. Luigi XIV di Francia, la principale fonte di sostegno per gli Stuart in esilio, morì nel 1715 e i suoi successori avevano bisogno della pace con la Gran Bretagna per poter ricostruire la loro economia. L'alleanza anglo-francese del 1716 costrinse James a lasciare la Francia; si stabilì a Roma con una pensione papale, rendendolo ancora meno attraente per i protestanti che costituivano la stragrande maggioranza del suo sostegno britannico. sudditi fedeli da queste parti”. Gli esuli anziani come Bolingbroke accettarono la grazia e tornarono a casa o trovarono lavoro altrove. La nascita dei suoi figli Carlo ed Enrico contribuì a mantenere l'interesse pubblico per gli Stuart, ma nel 1737 Giacomo "viveva tranquillamente a Roma, avendo abbandonato ogni speranza di restaurazione". Entro il 1730, gli statisti francesi consideravano sempre più l'espansione del commercio britannico post-1713 come una minaccia per l'equilibrio di potere europeo e gli Stuart come un modo per ridurlo. Tuttavia, un'insurrezione di basso livello era molto più conveniente di un costoso restauro, soprattutto perché era improbabile che fossero più filo-francesi degli Hannover. Le Highlands scozzesi erano un luogo ideale, a causa della natura feudale della società dei clan, della loro lontananza e del loro terreno; ma come molti scozzesi riconobbero, un'insurrezione sarebbe stata devastante anche per la popolazione locale. L'opposizione alle tasse imposte dal governo di Londra portò alla tassa sul malto del 1725 e alle rivolte Porteous del 1737. Nel marzo 1743, il 42° reggimento di fanteria reclutato nelle Highland fu inviato nelle Fiandre, contrariamente a quanto si credeva che il loro servizio fosse ri