Eccellenza

Article

August 11, 2022

L'eccellenza è uno stile onorifico dato a certi ufficiali di alto livello di uno stato sovrano, funzionari di un'organizzazione internazionale o membri di un'aristocrazia. Una volta avente diritto al titolo di "Eccellenza", il titolare conserva di norma il diritto a tale cortesia per tutta la vita, anche se in alcuni casi il titolo è legato a una particolare carica, ed è ricoperto solo per la durata di tale carica. Generalmente persone indirizzate come Eccellenza sono capi di stato, capi di governo, governatori, ambasciatori, vescovi cattolici ed ecclesiastici di alto rango e altri con rango equivalente (ad esempio, capi di organizzazioni internazionali). I membri delle famiglie reali hanno generalmente indirizzi distinti (Maestà, Altezza, ecc.) A volte è interpretato erroneamente come un titolo di carica in sé, ma in realtà è un titolo onorifico che precede vari titoli (come Mr. President e così via), sia nel discorso che nello scritto. In riferimento a tale funzionario, assume la forma di Sua Eccellenza; in via diretta, Eccellenza, o, meno formalmente, semplicemente Eccellenza Spesso si usa l'abbreviazione HE al posto di Sua Eccellenza; in alternativa può rappresentare Sua Eminenza.

Governo

Capi di Stato e di governo

Nella maggior parte degli stati nazionali repubblicani, il capo di stato è formalmente chiamato Sua Eccellenza. Se una repubblica ha un capo di governo separato, anche quel funzionario è quasi sempre chiamato Eccellenza. Se la nazione è una monarchia, tuttavia, le usanze possono variare. Ad esempio, nel caso dell'Australia, tutti gli ambasciatori, gli alti commissari, i governatori statali e il governatore generale ei loro coniugi hanno diritto all'uso dell'Eccellenza. I governatori delle colonie dell'Impero britannico avevano il diritto di essere chiamati Eccellenza e questa rimane la posizione dei governatori di quelli che oggi sono conosciuti come Territori britannici d'oltremare.

Diplomazia internazionale

In varie organizzazioni internazionali, in particolare l'ONU e le sue agenzie, l'Eccellenza è utilizzata come forma generica di indirizzo per tutti i capi di Stato e di governo repubblicani. Viene spesso concesso anche al capo dell'organizzazione e a quei capi delle missioni diplomatiche delle Nazioni Unite, come i coordinatori residenti (che sono i rappresentanti designati del Segretario generale), che sono accreditati a livello di capo di Stato (come un ambasciatore ), o al livello inferiore dei capi di governo. Negli ultimi anni, alcune organizzazioni internazionali, come l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa o l'Unione europea, hanno designato come ambasciatori i propri rappresentanti permanenti nei paesi terzi, sebbene non rappresentino entità sovrane. Questo è ora ampiamente accettato, e poiché questi ambasciatori si collocano dopo il rappresentante delle Nazioni Unite nell'ordine di precedenza dei rappresentanti delle organizzazioni internazionali, l'ONU viene naturalmente prima come preminente, i Coordinatori residenti delle Nazioni Unite sono ora comunemente ma informalmente indicati in diplomatici circoli come ambasciatori, anche se le stesse Nazioni Unite non si riferiscono a loro in questo modo.

Magistratura internazionale

I giudici della Corte internazionale di giustizia sono anche chiamati Vostra Eccellenza.

Monarchia

Royalty

In alcune monarchie i mariti, le mogli oi figli di un principe o di una principessa reale, che non possiedono essi stessi un titolo principesco, possono avere diritto allo stile. Ad esempio, in Spagna i coniugi oi figli di un infante o di un'infanta nati sono indicati come Eccellenza, se non viene loro accordato uno stile più alto. Inoltre, gli ex membri di una casa o famiglia reale, che avevano un titolo reale ma lo hanno perso, possono ricevere lo stile in seguito. Esempi sono gli ex mariti o mogli di un principe o una principessa reale, tra cui Alexandra, contessa di Frederiksborg, in seguito al suo divorzio dal principe Gioacchino di Danimarca. Allo stesso modo, il conte Carl Johan Bernadotte di Wisborg, che perse i suoi diritti di successione al trono svedese e interruppe l'uso dei suoi titoli reali nel 1946 quando sposò la popolana Elin Kerstin Marg