Henry Holiday

Article

May 17, 2022

Henry Holiday (17 giugno 1839 - 15 aprile 1927) è stato un genere storico britannico e pittore paesaggista, designer di vetrate, illustratore e scultore. Fa parte della scuola d'arte preraffaellita.

Vita

Primi anni e formazione

La vacanza è nata a Londra. Ha mostrato una precoce attitudine per l'arte e ha ricevuto lezioni da William Cave Thomas. Frequentò l'accademia d'arte di Leigh (dove un compagno di studi era Frederick Walker) e nel 1855, all'età di 15 anni, fu ammesso alle Royal Academy Schools. Attraverso la sua amicizia con Albert Moore e Simeon Solomon è stato presentato agli artisti Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones e William Morris della Confraternita dei Preraffaelliti. Questo movimento doveva essere fondamentale nella sua futura vita artistica e politica. Nello stesso anno, 1855, Holiday fece un viaggio nel Lake District. Questo doveva essere il primo di molti viaggi nella zona, dove spesso trascorreva lunghi periodi di vacanza. Mentre era lì, trascorreva gran parte del suo tempo a disegnare i panorami che si potevano vedere dalle varie colline e montagne. Ha scritto: "Per la bellezza concentrata, non conosco nulla che possa essere paragonato ai laghi e alle montagne di Westmorland, Cumberland e Lancashire".

Dipinti

Holiday ha lavorato sia ad olio che ad acquarello. Nel 1858 il suo primo quadro, un dipinto di paesaggio, fu esposto alla Royal Academy e subito venduto; da quell'anno il suo lavoro è stato spesso mostrato all'Accademia e altrove. Altre immagini includono: Il Borgo di Calais (1859). La sposa e le figlie di Gerusalemme (1861-1863). Nelle sue Reminiscenze, Holiday spiega che il dipinto era "più ambizioso di qualsiasi cosa avessi intrapreso fino a quel momento". Mostrava le figlie di Gerusalemme che chiedevano alla Sposa dove fosse andato il suo Amato (vedi Cantico dei Cantici 6:1) e si trovava a 4 piedi e 6 pollici per 3 piedi, contenente sette figure (inclusa una bambina) e uno sfondo pieno di fogliame. Iniziò a lavorarci tra gli scenari del Galles del Nord nel 1861 ma nel 1863 fu rifiutato dal comitato di selezione della Royal Academy, a differenza dei suoi due precedenti dipinti di figura. Holiday lo descrisse come "un duro colpo" ma "i rifiuti di quest'anno erano di carattere così straordinario, e l'esibizione del lavoro sui muri era così scadente, che ci fu una tempesta generale di indignazione" (Reminiscences p 95). Su suggerimento di Holman Hunt, al Cosmopolitan Club furono invece esposti un certo numero di dipinti rifiutati, che attirò l'attenzione e il plauso di visitatori tra cui William Makepeace Thackeray (p. 96). James McNeill Whistler ha individuato il dipinto di Holiday e ha detto "Vuoi dire che l'hanno rifiutato!". Richard Redgrave, anch'egli membro della Royal Academy, ha tentato di scusarsi e di spiegare la scelta della Royal Academy, dicendo: "Sapete che non possono appendere tutto ciò che arriva in un pasticcio"; al che Whistler ha risposto 'Perché, come chiami la tua mostra attuale, non è disordinata – e particolarmente caotica?' (pag. 96). Il dipinto è stato acquistato dall'artista da Thomas Milward Kitchin, poi di Great Down a Seale, Surrey, ma ora è scomparso. C'è, tuttavia, un'illustrazione a piena pagina tra le pp 96-97 delle Reminiscences. Le fanciulle del Reno (1879). Il soggetto è stato tratto dall'opera di Wagner Das Rheingold. Per visualizzare correttamente l'immagine, Holiday ha modellato le tre fanciulle del Reno in argilla e le ha collocate in una vasca di acqua colorata di blu-verde insieme a "rocce" di argilla. Dante e Beatrice, esposto alla Grosvenor Gallery nel 1883. Nel 1881 Holiday si era recato a Firenze per studiare questo quadro e aveva condotto una meticolosa ricerca per assicurarsi che fossero presenti gli edifici e le caratteristiche architettoniche corrette. Ha anche creato modelli in argilla grezza di alcuni degli edifici per impostare la scena. I piccioni nella foto sono stati dipinti da John Trivett Nettleship. La carità, una vetrata (1887, Royal Academy), Tersicore, Cleopatra, Sonno, Il suonatore di liuto, Il