Golden State Warriors

Article

June 30, 2022

I Golden State Warriors sono una squadra di basket professionistica americana con sede a San Francisco. I Warriors competono nella National Basketball Association (NBA), come membri della Western Conference Pacific Division della lega. Fondati nel 1946 a Philadelphia, i Warriors si sono trasferiti nella San Francisco Bay Area nel 1962 e hanno preso il nome della città, prima di cambiare il suo soprannome geografico in Golden State nel 1971. Il club gioca le partite casalinghe al Chase Center. I Warriors vinsero il campionato inaugurale della Basketball Association of America (BAA) nel 1947 e vinsero di nuovo nel 1956, guidati dal trio della Hall of Fame Paul Arizin, Tom Gola e Neil Johnston. Dopo lo scambio della stella Wilt Chamberlain nel gennaio 1965, la squadra terminò la stagione 1964-1965 con il peggior record della NBA (17-63). Il loro periodo di ricostruzione fu breve, in gran parte dovuto al draft dei Warriors di Rick Barry quattro mesi dopo lo scambio. Nel 1975, i fuoriclasse Barry e Jamaal Wilkes hanno portato i Warriors al loro terzo campionato, ampiamente considerato uno dei più grandi sconvolgimenti nella storia della NBA. La squadra ha lottato negli anni '80, poi è diventata regolare ai playoff all'inizio del decennio con le stelle Tim Hardaway, Mitch Richmond e Chris Mullin, soprannominato "Run TMC". La squadra è tornata alla gloria del campionato nel 2015, guidata da Stephen Curry, Klay Thompson e Draymond Green; hanno vinto di nuovo nel 2017 e nel 2018, con l'aiuto dell'ex MVP Kevin Durant. Soprannominati i "Dubs" come abbreviazione di "W", i Warriors detengono diversi record NBA: miglior stagione regolare, maggior numero di vittorie in una stagione (stagione regolare e postseason combinate) e miglior run postseason. Curry e Thompson sono generalmente considerati tra i più grandi backcourt di tutti i tempi. I Warriors sono alla pari con i Chicago Bulls per il terzo maggior numero di campionati NBA e hanno il terzo maggior numero di presenze alle finali; solo i Los Angeles Lakers ei Boston Celtics ne hanno di più. I Warriors sono la terza franchigia NBA più preziosa e la quinta franchigia sportiva più apprezzata al mondo, con un valore stimato di 4,3 miliardi di dollari.

Storia del franchising

1946–1962: Primi anni

I Warriors furono fondati nel 1946 come Philadelphia Warriors, un membro fondatore della Basketball Association of America. Erano di proprietà di Peter A. Tyrrell, che possedeva anche i Philadelphia Rockets dell'American Hockey League. Tyrrell assunse Eddie Gottlieb, un promotore di basket di lunga data nell'area di Filadelfia, come allenatore e direttore generale. I proprietari chiamarono la squadra come i Philadelphia Warriors, una vecchia squadra di basket che giocava nell'American Basketball League nel 1925. Guidata da Joe Fulks, sensazionale gol in anticipo, la squadra vinse il campionato nella stagione inaugurale 1946-47 della lega sconfiggendo i Chicago Stags , quattro partite a uno. La NBA, che è stata creata da una fusione del 1949, lo riconosce ufficialmente come il suo primo campionato. Gottlieb acquistò la squadra nel 1951. I Warriors vinsero il loro prossimo campionato a Philadelphia nella stagione 1955-1956, sconfiggendo i Fort Wayne Pistons quattro partite a uno. Le stelle Warrior di questa era erano i futuri Hall of Famer Paul Arizin, Tom Gola e Neil Johnston.

1959–1965: L'era di Wilt Chamberlain

Nel 1959, la squadra firmò la scelta del draft Wilt Chamberlain. Conosciuto come "Wilt the Stilt", ha guidato la squadra nel punteggio sei volte, ha iniziato rapidamente a infrangere i record di punteggio NBA e ha cambiato per sempre lo stile di gioco NBA. Il 2 marzo 1962, in una partita "casalinga" di Warrior giocata su un campo neutrale a Hershey, in Pennsylvania, Chamberlain segnò 100 punti contro i New York Knicks, un record di una singola partita che la NBA annovera tra i suoi momenti migliori. Nel 1962, Franklin Mieuli acquistò le quote di maggioranza della squadra e trasferì la franchigia nella San Francisco Bay Area, ribattezzandola San Francisco Warriors. I Warriors giocarono la maggior parte delle partite casalinghe al Cow Palace di Daly City (la struttura si trova appena a sud dei confini della città di San Francisco) dal 1962 al 1964 e al San Francisco Civic Auditorium dal 1964 al 1966, anche se occasionalmente giocavano in casa nel n.