Ruolo di genere

Article

August 17, 2022

Un ruolo di genere, noto anche come ruolo sessuale, è un ruolo sociale che comprende una serie di comportamenti e atteggiamenti generalmente considerati accettabili, appropriati o desiderabili per una persona in base al sesso biologico o percepito di quella persona. I ruoli di genere sono generalmente incentrati sulle concezioni di mascolinità e femminilità, sebbene vi siano eccezioni e variazioni. Le specifiche relative a queste aspettative di genere possono variare sostanzialmente tra le culture, mentre altre caratteristiche possono essere comuni in una serie di culture. I ruoli di genere influenzano un'ampia gamma di comportamenti umani, spesso inclusi i vestiti che una persona sceglie, la professione che una persona persegue e le relazioni personali in cui una persona entra. Vari gruppi, in particolare i movimenti femministi, hanno condotto sforzi per cambiare aspetti dei ruoli di genere prevalenti che ritengono oppressivi o imprecisi. Sebbene la ricerca indichi che la biologia svolge un ruolo nel comportamento di genere, l'entità dei suoi effetti sui ruoli di genere è meno chiara.

Sfondo

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce i ruoli di genere come "ruoli, comportamenti, attività e attributi socialmente costruiti che una data società considera appropriati per uomini e donne". Nella sociologia del genere, il processo attraverso il quale un individuo apprende e acquisisce un ruolo di genere nella società è definita socializzazione di genere. I ruoli di genere sono culturalmente specifici e mentre la maggior parte delle culture ne distingue solo due (ragazzo/uomo e ragazza/donna), altre ne riconoscono di più. Alcune società non occidentali hanno tre generi: uomini, donne e un terzo genere. La società buginese ha individuato cinque generi. L'androginia è stata talvolta proposta anche come terzo genere. Una persona androgina o androgina è qualcuno con qualità relative sia al genere maschile che a quello femminile. Alcuni individui si identificano senza alcun genere. Molte persone transgender si identificano semplicemente come uomini o donne e non costituiscono un terzo genere separato. Le differenze biologiche tra (alcune) donne trans e donne cisgender sono state storicamente trattate come rilevanti in determinati contesti, specialmente quelli in cui i tratti biologici possono produrre un vantaggio sleale come lo sport. Il ruolo di genere non è la stessa cosa dell'identità di genere, che si riferisce alla senso interno del proprio genere, indipendentemente dal fatto che si allinei o meno con le categorie offerte dalle norme sociali. Il punto in cui queste identità di genere interiorizzate vengono esternalizzate in un insieme di aspettative è la genesi di un ruolo di genere.

Teorie del genere come costrutto sociale

Secondo il costruzionismo sociale, il comportamento di genere è dovuto principalmente alle convenzioni sociali. Teorie come la psicologia evoluzionista non sono d'accordo con questa posizione. La maggior parte dei bambini impara a classificarsi per genere all'età di tre anni. Fin dalla nascita, nel corso della socializzazione di genere, i bambini apprendono stereotipi e ruoli di genere dai genitori e dall'ambiente. Tradizionalmente, i ragazzi imparano a manipolare il loro ambiente fisico e sociale attraverso la forza fisica o la destrezza, mentre le ragazze imparano a presentarsi come oggetti da guardare. I costruzionisti sociali sostengono che le differenze tra comportamento maschile e femminile sono meglio attribuibili alle attività dei bambini segregate per genere che a qualsiasi predisposizione essenziale, naturale, fisiologica o genetica. Come aspetto della teoria dei ruoli, la teoria dei ruoli di genere "tratta queste diverse distribuzioni di donne e uomini in ruoli come l'origine primaria del comportamento sociale differenziato dal sesso, [e postula che] il loro impatto sul comportamento è mediato da processi psicologici e sociali." Secondo Gilbert Herdt, i ruoli di genere sono nati dall'inferenza del corrispondente, il che significa che la divisione generale del lavoro è stata estesa ai ruoli di genere. I costruzionisti sociali considerano i ruoli di genere come gerarchici e patriarcali. Il termine patriarcato, secondo il ricercatore Andrew Cherlin, definisce "un ordine sociale basato sul dominio delle donne da parte degli uomini, soprattutto nelle società agricole". Secondo Eagly et al., le conseguenze del ruolo di genere