Gary Mabbutt

Article

May 16, 2022

Gary Vincent Mabbutt (nato il 23 agosto 1961) è un ex calciatore inglese che ha fatto più di 750 presenze professionali, prima giocando per il Bristol Rovers e poi giocando 619 partite per il Tottenham Hotspur. Durante la sua carriera ha anche vinto 16 presenze con la nazionale inglese. Giocava principalmente al centro della difesa ma era un giocatore versatile che eccelleva anche a centrocampo.

Carriera

Mabbutt è ricordato soprattutto per il suo periodo di 16 anni al Tottenham Hotspur, dove ha giocato dal 1982 al 1998, ed è stato il capitano del club per 11 anni dal 1987 al 1998. È diventato uno dei difensori più noti del calcio inglese negli anni '80, giocando inizialmente per il Bristol Rovers prima di unirsi al club di prima divisione Tottenham Hotspur, dove è diventato capitano e ha vinto 16 presenze con l'Inghilterra, segnando contro la Jugoslavia nel 1986. Ha segnato al suo debutto con il Tottenham nel pareggio per 2-2 con il Luton Town a White Hart Lane . Con gli Spurs, ha vinto la Coppa UEFA nel 1984 e li ha capitanati alla vittoria nella finale di FA Cup 1991. Nella finale di FA Cup 1987 contro il Coventry City, Mabbutt ha avuto una partita movimentata in cui ha segnato il secondo gol degli Spurs per metterli sul 2-1 ma, dopo che Coventry aveva pareggiato per forzare i tempi supplementari, ha segnato un autogol per dare a Coventry un 3 –2 vittoria. Questo incidente lo ha portato a essere ritenuto una sorta di eroe popolare a Coventry City, con una fanzine chiamata Gary Mabbutt's Knee. Dopo aver subito una frattura al cranio e all'orbita dell'occhio nel novembre 1993 dal gomito dell'attaccante di Wimbledon John Fashanu in una sfida aerea, un infortunio dopo di che è diventato il primo giocatore a indossare una maschera protettiva in campo anche dopo tre mesi di assenza, si è fratturato una gamba nella prima giornata della stagione 1996-97 e non è tornato fino alla stagione successiva, alla fine di cui si ritirò dal gioco dopo 16 anni al White Hart Lane. A questo punto, era il secondo giocatore più longevo del club. La sua ultima apparizione per il club è arrivata contro il Southampton l'ultima giornata della stagione 1997-98.

Vita personale

Mabbutt è nato a Bristol. Suo padre era Ray Mabbutt e suo fratello è Kevin Mabbutt.|dategennaio 2019}} È sposato con Kathy e ha due figlie, Stephanie (1998) e Tabitha (2003). Mabbutt ha il diabete di tipo 1 ed è diventato un'icona per molti bambini con questa condizione. È apparso famoso nel programma televisivo per bambini della BBC Blue Peter, dove ha dimostrato di iniettare insulina in un'arancia per mostrare come ha affrontato la sua condizione su base giornaliera. Nel 2013, Mabbutt ha subito un intervento chirurgico per salvare la gamba sinistra, a seguito di un attacco di malattia arteriosa periferica, causata dal suo diabete. Dopo l'intervento, non può più correre o calciare un pallone. Mabbutt è stato nominato membro dell'Ordine dell'Impero Britannico (MBE) nel 1994 New Year Honours per i servizi al calcio. Mabbutt è stato insignito dell'On. Master of Science presso l'Università dell'Hertfordshire nel 1998, l'on. Dottore in salute presso l'Università di Bath nel 2018 e on. Laurea in giurisprudenza presso l'Università di Bristol nel 2019. Ha servito come ambasciatore per le finali della Coppa del Mondo 2010 in Sud Africa. Sta anche lavorando con la Deloitte Street Child World Cup, formando e incoraggiando i bambini di strada e gli ex bambini di strada nel calcio e per i diritti dei bambini di strada a Durban, in Sudafrica. Questo è gestito dall'Amos Trust. Attualmente è un Global Club Ambassador per il Tottenham Hotspur FC e la English Football Association, un ambasciatore per il Prince's Trust e l'on. Vicepresidente di Diabetes UK. Durante la pandemia di Covid 19, 2020/21, Mabbutt ha chiamato i fan degli Spurs che sono nella fascia di età "Vulnerabile" (oltre i 70 anni) assicurandosi che si mantengano in buona salute. Ha effettuato oltre 2.500 chiamate, circa 625 ore al telefono. Nel 2018, Mabbutt si è fatto mangiare una parte del piede da un topo. Mentre era in vacanza con sua figlia nel Kruger National Park, in Sud Africa, Mabbutt, che ha poca sensibilità ai piedi a causa della neurofia diabetica, si è svegliato e ha scoperto che un topo aveva mangiato parte del suo piede e