Enola Gay

Article

August 17, 2022

L'Enola Gay () è un bombardiere Boeing B-29 Superfortress, che prende il nome da Enola Gay Tibbets, la madre del pilota, il colonnello Paul Tibbets. Il 6 agosto 1945, pilotato da Tibbets e Robert A. Lewis durante le fasi finali della seconda guerra mondiale, divenne il primo aereo a sganciare una bomba atomica in guerra. La bomba, nome in codice "Little Boy", è stata mirata alla città di Hiroshima, in Giappone, e ha causato la distruzione di circa tre quarti della città. Enola Gay ha partecipato al secondo attacco atomico come aereo da ricognizione meteorologica per l'obiettivo principale di Kokura. Le nuvole e il fumo alla deriva hanno invece provocato il bombardamento di un obiettivo secondario, Nagasaki. Dopo la guerra, l'Enola Gay tornò negli Stati Uniti, dove fu operata dal Roswell Army Air Field, nel New Mexico. Nel maggio 1946, fu trasportato in aereo a Kwajalein per i test nucleari dell'Operazione Crossroads nel Pacifico, ma non fu scelto per effettuare il test sull'atollo di Bikini. Nello stesso anno fu trasferito allo Smithsonian Institution e trascorse molti anni parcheggiato in basi aeree esposte alle intemperie e ai cacciatori di souvenir, prima di essere smontato e trasportato al deposito dello Smithsonian a Suitland, nel Maryland, nel 1961. Negli anni '80, gruppi di veterani si impegnarono in un appello allo Smithsonian per mettere in mostra l'aereo, portando a un aspro dibattito sull'esibizione dell'aereo senza un contesto storico adeguato. La cabina di pilotaggio e la sezione del muso dell'aereo sono state esposte al National Air and Space Museum (NASM) sul National Mall, per il 50° anniversario dell'attentato nel 1995, tra polemiche. Dal 2003, l'intero B-29 restaurato è stato esposto allo Steven F. Udvar-Hazy Center della NASM. L'ultimo sopravvissuto del suo equipaggio, Theodore Van Kirk, è morto il 28 luglio 2014 all'età di 93 anni.

Seconda guerra mondiale

Storia antica

L'Enola Gay (numero modello B-29-45-MO, numero di serie 44-86292, numero Victor 82) è stato costruito dalla Glenn L. Martin Company (in seguito parte di Lockheed Martin) nel suo impianto di bombardieri a Bellevue, nel Nebraska, situato a Offutt Field, ora Offutt Air Force Base. Il bombardiere è stato uno dei primi quindici B-29 costruiti secondo le specifiche "Silverplate" - di 65 alla fine completati durante e dopo la seconda guerra mondiale - dando loro la capacità primaria di funzionare come velivoli nucleari per la "consegna di armi". Queste modifiche includevano un vano bombe ampiamente modificato con porte pneumatiche e sistemi di attacco e rilascio di bombe britannici, eliche a passo reversibile che davano più potenza frenante all'atterraggio, motori migliorati con iniezione di carburante e un migliore raffreddamento e la rimozione di armature protettive e torrette. Enola Gay fu scelta personalmente dal colonnello Paul W. Tibbets Jr., comandante del 509° Gruppo Composito, il 9 maggio 1945, mentre era ancora sulla catena di montaggio. Il velivolo fu accettato dall'United States Army Air Forces (USAAF) il 18 maggio 1945 e assegnato al 393d Bombardment Squadron, Heavy, 509th Composite Group. L'equipaggio B-9, comandato dal capitano Robert A. Lewis, prese in consegna il bombardiere e lo fece volare da Omaha alla 509a base a Wendover Army Air Field, Utah, il 14 giugno 1945. Tredici giorni dopo, l'aereo lasciò Wendover per Guam , dove ricevette una modifica al vano bombe e volò a North Field, Tinian, il 6 luglio. Inizialmente è stato dato il Victor (identificazione assegnata allo squadrone) numero 12, ma il 1 ° agosto, gli sono stati dati i segni di coda del cerchio R del 6th Bombardment Group come misura di sicurezza e il suo numero Victor è cambiato in 82 per evitare un'identificazione errata con il 6th effettivo Bombardamento aereo del gruppo. Durante il mese di luglio, il bombardiere ha effettuato otto voli di prova o di addestramento e ha effettuato due missioni, il 24 e il 26 luglio, per sganciare bombe zucca su obiettivi industriali a Kobe e Nagoya. L'Enola Gay è stata utilizzata il 31 luglio in un volo di prova per la missione vera e propria. Cassa di legno da 47 pollici (120 cm) × 138 pollici (350 cm) che è stata fissata t