La politica di centrodestra

Article

August 11, 2022

La politica di centrodestra (inglese britannico) o la politica di centrodestra (inglese americano), indicata anche come politica di destra moderata, si appoggia alla destra dello spettro politico, ma è più vicina al centro di altre. Dal 1780 al 1880, ci fu un cambiamento nel mondo occidentale della struttura della classe sociale e dell'economia, allontanandosi dalla nobiltà e dal mercantilismo, verso la classe superiore e il capitalismo. Questo spostamento economico generale verso il capitalismo ha colpito i movimenti di centro-destra, come il Partito Conservatore del Regno Unito, che ha risposto sostenendo il capitalismo. L'Unione Democratica Internazionale è un'alleanza di centro-destra (così come alcuni altri ) partiti politici – tra cui il Partito Conservatore del Regno Unito, il Partito Conservatore del Canada, il Partito Repubblicano degli Stati Uniti, il Partito Liberale d'Australia, il Partito Nazionale della Nuova Zelanda e i partiti democratici cristiani – che dichiarano impegno per i diritti umani e per sviluppo. Le ideologie caratterizzate come centro-destra includono il conservatorismo liberale e alcune varianti del liberalismo e della democrazia cristiana, tra le altre. Gli aspetti economici del moderno centrodestra sono stati influenzati dal liberalismo economico, generalmente sostenendo il libero mercato, la spesa pubblica limitata e altre politiche fortemente associate al neoliberismo. La destra moderata non è né universalmente socialmente conservatrice né culturalmente liberale, e spesso combina entrambe le credenze con il sostegno alle libertà civili ed elementi di tradizionalismo. Esempi storici di scuole di pensiero di centrodestra includono One Nation Conservatism nel Regno Unito, Red Tories in Canada e Rockefeller Republicans negli Stati Uniti. I Nuovi Democratici hanno anche abbracciato diversi aspetti della politica di centrodestra, inclusi bilanci in pareggio, libero scambio e riforma del welfare. Queste fazioni ideologiche contrastano con le politiche di estrema destra e il populismo di destra. Tendono anche ad essere più favorevoli al liberalismo culturale e al conservatorismo verde rispetto alle varianti di destra. Secondo uno studio del 2019, i partiti di centrodestra avevano circa il 27% della quota di voti in 21 democrazie occidentali nel 2018. Si trattava di un calo rispetto al 37% del 1960.

Storia

Dalla Rivoluzione Francese alla Seconda Guerra Mondiale

L'ispirazione di primo piano per il centrodestra (soprattutto in Gran Bretagna) è stato il conservatorismo tradizionalista di Edmund Burke. Il conservatorismo tradizionalista di Burke era più moderato del conservatorismo continentale sviluppato da Joseph de Maistre in Francia, che dopo aver sperimentato la Rivoluzione francese denunciò completamente lo status quo che esisteva immediatamente prima della rivoluzione (a differenza di Burke) e de Maistre cercò una controrivoluzione reazionaria che smantellerebbe tutta la società moderna e la restituirebbe a una società strettamente religiosa. Mentre Burke condannava la Rivoluzione francese, aveva sostenuto la Rivoluzione americana che considerava una rivoluzione conservatrice. Burke affermò che gli americani si ribellarono per lo stesso motivo degli inglesi durante la Gloriosa Rivoluzione, in entrambi i casi un monarca aveva oltrepassato i confini dei suoi doveri. Burke ha affermato che la rivoluzione americana era giustificata perché il re Giorgio III aveva oltrepassato i suoi diritti consueti imponendo tasse ai coloni americani senza il loro consenso. Burke si oppose alla Rivoluzione francese perché si opponeva al suo anti-tradizionalismo e al suo uso di idee astratte, come la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino e il suo egualitarismo universale che Burke ha rimproverato affermando di appoggiare effettivamente i "parrucchieri" in grado di essere politici. In Gran Bretagna, il movimento conservatore tradizionalista era rappresentato nel Partito conservatore britannico. Il primo ministro conservatore del Regno Unito Benjamin Disraeli ha cercato di affrontare i problemi sociali che colpiscono la classe operaia a causa della mancanza di assistenza da parte dell'economia del laissez-faire e ha formato il suo conservatorismo di una nazione che ha affermato che la mancanza di