Carel Fabritius

Article

August 11, 2022

Carel Pietersz. Fabritius (pronuncia olandese: [ˈkaːrəl ˈpitərs faːˈbritsijɵs]; battezzato 27 febbraio 1622 – 12 ottobre 1654) è stato un pittore olandese. Fu allievo di Rembrandt e lavorò nel suo studio ad Amsterdam. Fabritius, che era un membro della Delft School, sviluppò il proprio stile artistico e sperimentò la prospettiva e l'illuminazione. Tra le sue opere ci sono A View of Delft (1652; National Gallery, Londra), The Cardellino (1654) e The Sentry (1654).

Biografia

Carel Pietersz. Fabritius nacque nel febbraio 1622 a Middenbeemster, un villaggio nel polder Beemster di dieci anni nella Repubblica olandese, e fu battezzato il 27 febbraio di quell'anno. Era figlio di Pieter Carelsz., pittore e insegnante, e aveva due fratelli minori, Barent e Johannes, che divennero anche loro pittori. Inizialmente lavorò come falegname (latino: fabritius). All'inizio degli anni Quaranta studiò nello studio di Rembrandt ad Amsterdam, insieme a suo fratello Barent. All'inizio degli anni Cinquanta si trasferì a Delft e nel 1652 si unì alla corporazione dei pittori di Delft. Fabritius morì giovane, colpito dall'esplosione della polveriera di Delft il 12 ottobre 1654, che distrusse un quarto della città, insieme al suo studio e molti dei suoi dipinti. Sono sopravvissuti solo una dozzina di dipinti. Secondo Houbraken, il suo allievo Mattias Spoors e il diacono della chiesa Simon Decker sono morti con lui, poiché stavano lavorando insieme a un dipinto in quel momento. In una poesia scritta da Arnold Bon in sua memoria, si chiama Karel Faber.

Pittura

Di tutti gli allievi di Rembrandt, Fabritius fu l'unico a sviluppare il proprio stile artistico. Un tipico ritratto di Rembrandt avrebbe un semplice sfondo scuro con il soggetto definito dall'illuminazione. Al contrario, i ritratti di Fabritius presentano soggetti delicatamente illuminati su sfondi chiari e strutturati. Allontanandosi dal focus rinascimentale sull'iconografia, Fabritius si interessò agli aspetti tecnici della pittura. Ha usato armonie di colori freddi per creare forme in uno stile luminoso di pittura. Fabritius era anche interessato a complessi effetti spaziali, come si può vedere nella prospettiva esagerata di Una veduta di Delft, con la bancarella di un venditore di strumenti musicali (1652). Ha anche mostrato un eccellente controllo di un pennello pesantemente caricato, come in Il cardellino (1654). Tutte queste qualità appaiono nel lavoro di Vermeer e de Hooch, entrambi con sede a Delft; è probabile che Fabrizio abbia avuto una forte influenza su di loro.

Elenco delle opere

circa. 1640 Decollazione di Giovanni Battista, olio su tela, 149 x 121 cm, Rijksmuseum Amsterdam 1643 La resurrezione di Lazzaro, olio su tela, Museo Nazionale, Varsavia 1643 La resurrezione di Lazzaro, olio su tela, Museo Puskin, Mosca 1643/45 Agar e l'angelo, olio su tela, 157,5 x 136 cm, The Leiden Collection New York C. 1644 Ritratto di donna seduta con fazzoletto, Art Gallery of Ontario, Toronto C. 1645 Autoritratto, olio su tavola, 65 x 49 cm, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam 1645-1647 Mercurio e Aglauro olio su tela, 72,4 x 91,1 cm, Museum of Fine Arts Boston 1646-1651 Una ragazza con una scopa, olio su tela, 107,3 ​​x 91,4 cm, firmato come Rembrandt, National Gallery of Art, Washington D.C. 1649 Ritratto di Abraham de Potter, olio su tela, 68,5 x 57 cm, Rijksmuseum, Amsterdam 1652 Veduta di Delft, con la bancarella di un venditore di strumenti musicali, olio su tela su tavola, 15,4 x 31,6 cm, National Gallery di Londra 1654 Il cardellino, olio su tavola, Mauritshuis L'Aia 1654 La sentinella, olio su tela, 68 x 58 cm, Staatliches Museum Schwerin Schwerin 1654 Giovane con berretto di pelliccia, olio su tela, 70,5 x 61,5 cm, National Gallery London (probabilmente un autoritratto)

Note

Riferimenti

Carel Fabritius 1622-1654. Het complete oeuvre Frederik J. Duparc, Ariane van Suchtelen, Gero Seelig. ISBN 978-90-400-8987-9 L'Oxford Dictionary of Art ISBN 0-19-280022-1 Biografia alla Residenzgalerie Salzburg Galleria di Olga L'avventura è nell'interesse di Cybersound per le prospettive insolite. Esterno