Brasile

Article

August 11, 2022

Il Brasile (portoghese: Brasil; portoghese brasiliano: [bɾaˈziw]), ufficialmente Repubblica Federativa del Brasile (portoghese: República Federativa do Brasil), è il più grande paese sia del Sud America che dell'America Latina. A 8,5 milioni di chilometri quadrati (3.300.000 miglia quadrate) e con oltre 211 milioni di persone, il Brasile è il quinto paese più grande del mondo per area e il sesto più popoloso. La sua capitale è Brasilia e la sua città più popolosa è San Paolo. La federazione è composta dall'unione dei 26 stati e dal Distretto Federale. È il più grande paese ad avere il portoghese come lingua ufficiale e l'unico nelle Americhe; è anche una delle nazioni più multiculturali ed etnicamente diverse, a causa di oltre un secolo di immigrazione di massa da tutto il mondo; così come il più popoloso paese a maggioranza cattolica romana. Delimitato dall'Oceano Atlantico a est, il Brasile ha una costa di 7.491 chilometri (4.655 mi). Confina con tutti gli altri paesi del Sud America ad eccezione dell'Ecuador e del Cile e copre il 47,3% della superficie del continente. Il suo bacino amazzonico comprende una vasta foresta tropicale, sede di una fauna selvatica diversificata, una varietà di sistemi ecologici e vaste risorse naturali che abbracciano numerosi habitat protetti. Questo patrimonio ambientale unico rende il Brasile uno dei 17 paesi megadiversi ed è oggetto di notevole interesse globale, poiché il degrado ambientale attraverso processi come la deforestazione ha impatti diretti su questioni globali come il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità. Il Brasile era abitato da numerose nazioni tribali prima dello sbarco nel 1500 dell'esploratore Pedro Álvares Cabral, che rivendicò l'area per l'Impero portoghese. Il Brasile rimase una colonia portoghese fino al 1808, quando la capitale dell'impero fu trasferita da Lisbona a Rio de Janeiro. Nel 1815, la colonia fu elevata al rango di regno con la formazione del Regno Unito del Portogallo, del Brasile e dell'Algarve. L'indipendenza fu raggiunta nel 1822 con la creazione dell'Impero del Brasile, uno stato unitario governato da una monarchia costituzionale e da un sistema parlamentare. La ratifica della prima costituzione nel 1824 portò alla formazione di una legislatura bicamerale, ora denominata Congresso Nazionale. Il paese divenne una repubblica presidenziale nel 1889 a seguito di un colpo di stato militare. Una giunta militare autoritaria salì al potere nel 1964 e governò fino al 1985, dopo di che riprese il governo civile. L'attuale costituzione del Brasile, formulata nel 1988, lo definisce una repubblica federale democratica. Grazie alla sua ricca cultura e storia, il paese è al tredicesimo posto nel mondo per numero di siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Il Brasile è classificato come un'economia a reddito medio-alto dalla Banca mondiale e un paese di recente industrializzazione, con la quota maggiore di ricchezza globale in Sud America. È considerata un'economia emergente avanzata, con il dodicesimo più grande PIL del mondo in termini nominali e l'ottavo in termini di PPP. È uno dei principali granai del mondo, essendo il più grande produttore di caffè degli ultimi 150 anni. Il Brasile è una potenza regionale e media ed è anche classificato come potenza emergente. Tuttavia, il paese mantiene elevati livelli di corruzione, criminalità e disuguaglianza sociale. Il Brasile è un membro fondatore delle Nazioni Unite, del G20, dei BRICS, del Mercosul, dell'Organizzazione degli Stati americani, dell'Organizzazione degli Stati iberoamericani e della Comunità dei paesi di lingua portoghese.

Etimologia

La parola "Brasile" deriva probabilmente dalla parola portoghese per brazilwood, un albero che un tempo cresceva in abbondanza lungo la costa brasiliana. In portoghese, brazilwood è chiamato pau-brasil, con la parola brasil comunemente data l'etimologia "rosso come una brace", formata da brasa ("brace") e il suffisso -il (da -iculum o -ilium). Poiché il legno brasiliano produce una tintura rosso intenso, è stato molto apprezzato dall'industria tessile europea ed è stato il primo prodotto sfruttato commercialmente dal Brasile. Per tutto il XVI secolo furono raccolte enormi quantità di legno brasiliano