Badajoz

Article

August 11, 2022

Badajoz (UK: , US: , Spanish: [baðaˈxoθ]; precedentemente scritto Badajos in inglese) è il capoluogo della provincia di Badajoz nella comunità autonoma dell'Estremadura, in Spagna. Si trova vicino al confine portoghese, sulla riva sinistra del fiume Guadiana. La popolazione nel 2011 era di 151.565. Originariamente insediamento di gruppi come i Romani ei Visigoti, il suo nome precedente era Civitas Pacensis. Badajoz fu conquistata dai Mori nell'VIII secolo e divenne un regno moresco, il Taifa di Badajoz. Dopo la riconquista, l'area fu contesa tra Spagna e Portogallo per diversi secoli con alternanza di controllo che sfociò in diverse guerre tra cui la guerra di successione spagnola (1705), la guerra peninsulare (1808-1811), la presa di Badajoz (1812) e la guerra civile spagnola (1936). La storia spagnola si riflette in gran parte nella città. Badajoz è la sede dell'arcidiocesi cattolica di Mérida-Badajoz. Prima della fusione della diocesi di Mérida e della diocesi di Badajoz, Badajoz era la sede della diocesi di Badajoz dall'inizio del vescovado nel 1255. La città ha un grado di eminenza, coronata com'è dalle rovine di un castello moresco e si affaccia sul fiume Guadiana, che scorre tra il colle-castello e il poderoso forte di San Cristobal. L'architettura di Badajoz è indicativa della sua storia tempestosa; anche la Cattedrale di Badajoz, costruita nel 1238, ricorda una fortezza, con le sue mura massicce. Badajoz è sede delle squadre di calcio CD Badajoz e AD Cerro de Reyes e della squadra di basket AB Pacense. È servito dalla stazione ferroviaria di Badajoz e dall'aeroporto di Badajoz.

Storia

Tempi antichi

I reperti archeologici rinvenuti nell'area di Badajoz sono stati datati all'età del bronzo. Le tombe megalitiche risalgono al 4000 aC, mentre molte delle stele ritrovate risalgono alla tarda età del bronzo. Altri reperti includono armi come asce e spade, oggetti di uso quotidiano di ceramica e utensili e vari oggetti di gioielleria come braccialetti. Gli scavi archeologici hanno rivelato resti del Paleolitico inferiore. Manufatti sono stati trovati anche nella città romana di Colonia Civitas Pacensis nella zona di Badajoz, anche se un numero significativo di manufatti più grandi è stato trovato a Mérida. Con l'invasione dei romani, iniziata nel 218 a.C. durante la seconda guerra punica, Badajoz e L'Estremadura entrò a far parte del distretto amministrativo chiamato Hispania Ulterior (Spagna più lontana), che fu poi diviso dall'imperatore Augusto in Hispania Ulterior Baetica e Hispania Ulterior Lusitania; Badajoz entrò a far parte della Lusitania. Sebbene l'insediamento non sia menzionato nella storia romana, nella zona sono state scoperte ville romane come la Villa La Cocosa, mentre nelle vicinanze sono state trovate anche costruzioni visigote.

Dalla fondazione al Medioevo

Badajoz acquisì importanza durante il regno di sovrani moreschi come i califfi omayyadi di Córdoba e gli Almoravidi e gli Almohadi del Nord Africa. Dall'VIII secolo, la dinastia degli Omayyadi controllò la regione fino all'inizio dell'XI secolo. La fondazione ufficiale di Badajoz fu posta dal nobile Muladi Ibn Marwan, intorno all'875, dopo essere stato espulso da Mérida. Sotto Ibn Marwan, la città fu sede di un efficace stato ribelle autonomo che fu estinto solo nel X secolo. Nel 1021 (o forse nel 1031), divenne capitale di un piccolo regno musulmano, il Taifa di Badajoz; con circa 25.000 abitanti. Badajoz era conosciuto come Baṭalyaws (in arabo: بَطَلْيَوْس‎) durante il dominio musulmano. L'invasione di Badajoz da parte dei sovrani cristiani nel 1086 sotto Alfonso VI di León, rovesciò il dominio dei Mori. Oltre a un'invasione degli Almoravidi del Marocco nel 1067, Badajoz fu poi invasa dagli Almohadi nel 1147. Badajoz fu catturato da Alfonso IX di León il 19 marzo 1230. Poco dopo la sua conquista, al tempo di Alfonso X il Saggio di Castiglia, fu istituita una sede vescovile e iniziarono i lavori per la Cattedrale di San J