anarco-naturismo

Article

January 26, 2022

L'anarco-naturismo, indicato anche come naturismo anarchico e anarchismo naturista, è apparso alla fine del XIX secolo come unione di filosofie anarchiche e naturiste. In molte delle comunità alternative stabilite in Gran Bretagna all'inizio del 1900, "il nudismo, l'anarchismo, il vegetarianismo e l'amore libero erano accettati come parte di uno stile di vita politicamente radicale". Negli anni '20, gli abitanti della comunità anarchica di Whiteway, vicino a Stroud nel Gloucestershire, "scioccarono i residenti conservatori della zona con la loro spudorata nudità". Principalmente, ha avuto importanza all'interno dei circoli anarchici individualisti in Spagna, Francia, Portogallo e Cuba. L'anarco-naturismo sostiene il vegetarianismo, l'amore libero, il nudismo, l'escursionismo e una visione del mondo ecologica all'interno dei gruppi anarchici e al di fuori di essi. L'anarco-naturismo promuove anche una visione del mondo ecologica, piccoli ecovillaggi e soprattutto il nudismo come un modo per evitare l'artificialità della società industriale di massa della modernità. Gli anarchici individualisti naturisti vedono l'individuo nei suoi aspetti biologici, fisici e psicologici e cercano di eliminare le determinazioni sociali.

Storia

Prime influenze

Un'importante prima influenza sul naturismo anarchico fu il pensiero di Henry David Thoreau, Lev Tolstoy ed Élisée Reclus. Thoreau è stato un autore, poeta, naturalista, resistente alle tasse, critico dello sviluppo, geometra, storico, filosofo e trascendentalista americano. È noto soprattutto per il suo libro Walden, una riflessione sulla vita semplice in un ambiente naturale, e il suo saggio, Disobbedienza civile, un argomento per la resistenza individuale al governo civile in opposizione morale a uno stato ingiusto. Il suo pensiero è una prima influenza sull'anarchismo verde, ma con un'enfasi sull'esperienza individuale del mondo naturale, influenzando le successive correnti naturiste. La vita semplice come rifiuto di uno stile di vita materialista e l'autosufficienza erano gli obiettivi di Thoreau, e l'intero progetto è stato ispirato dalla filosofia trascendentalista. "Molti hanno visto in Thoreau uno dei precursori dell'ecologismo e dell'anarcoprimitivismo rappresentati oggi in John Zerzan. Per George Woodcock questo atteggiamento può essere motivato anche da una certa idea di resistenza al progresso e di rifiuto del crescente materialismo che è la natura di La società americana della metà del XIX secolo". Lo stesso John Zerzan ha incluso il testo "Escursioni" (1863) di Thoreau nella sua raccolta di scritti anti-civiltà chiamata Contro la civiltà: letture e riflessioni del 1999.

Francia

Per l'influente anarchico francese Élisée Reclus, il naturismo "era allo stesso tempo un mezzo fisico di rivitalizzazione, un rapporto con il corpo completamente diverso dall'ipocrisia e dai tabù che prevalevano all'epoca, un modo più conviviale di vedere la vita nella società, e un incentivo al rispetto del pianeta.Così il naturismo si sviluppa in Francia, in particolare sotto l'influenza di Élisée Reclus, alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX secolo tra le comunità anarchiche derivanti dal socialismo utopico."In Francia, poi importanti propagandisti dell'anarco-naturismo includono Henri Zisly ed Émile Gravelle che hanno collaborato a La Nouvelle Humanité, Le Naturien, Le Sauvage, L'Ordre Naturel e La Vie Naturelle. Le loro idee erano importanti nei circoli anarchici individualisti in Francia e in Spagna, dove Federico Urales (pseudonimo di Joan Montseny) promosse le idee di Gravelle e Zisly in La Revista Blanca (1898-1905). L'attività politica di Zisly, "volta principalmente a sostenere un ritorno alla 'vita naturale' attraverso la scrittura e il coinvolgimento pratico, ha stimolato vivaci confronti all'interno e all'esterno dell'ambiente anarchico. Zisly ha criticato vividamente il progresso e la civiltà, che considerava 'assurda, ignobile e sporca .' Si oppose apertamente all'industrializzazione, sostenendo che le macchine erano intrinsecamente autoritarie, difendeva il nudismo, sosteneva un'adesione non dogmatica e non religiosa alle "leggi della natura", raccomandava uno stile di vita