Guerra d'indipendenza americana

Article

August 16, 2022

La guerra rivoluzionaria americana (19 aprile 1775 - 3 settembre 1783), nota anche come guerra rivoluzionaria o guerra d'indipendenza americana, fu iniziata da delegati di tredici colonie americane dell'America britannica al Congresso contro la Gran Bretagna. La guerra fu combattuta per la questione dell'indipendenza americana dal Primo Impero britannico. Gli impegni hanno avuto luogo in Nord America, nel Mar dei Caraibi e nei mari che circondano l'Inghilterra: il Mare del Nord, il Mare d'Irlanda e il Canale della Manica. Dalla loro fondazione nel XVII secolo, le colonie britanniche nordamericane furono in gran parte lasciate a governarsi sotto statuti concessi dagli inglesi Stuart Kings e garantiti dagli inglesi, poi dal parlamento britannico. Hanno commerciato con la madrepatria principalmente a Boston, Filadelfia, Charleston, Bermuda, Bahamas e Giamaica, e con varie altre colonie e potenze europee attraverso i loro entrepôt caraibici. Lo Stamp Act e il Townshend Acts provocarono opposizione coloniale e disordini, portando al massacro di Boston del 1770 e al Boston Tea Party del 1773. Quando il Parlamento impose gli Intolerable Acts nella primavera del 1774 al Massachusetts, dodici colonie inviarono delegati al Primo Congresso Continentale (5 settembre - 26 ottobre 1774) per redigere una petizione al re e organizzare un boicottaggio delle merci britanniche. I combattimenti scoppiarono il 19 aprile 1775: l'esercito britannico di stanza a Boston fu molestato dalla milizia del Massachusetts a Lexington e Concord dopo aver distrutto le polveriere coloniali dell'Assemblea. A giugno, il Secondo Congresso continentale nominò George Washington per creare un esercito continentale e supervisionare la cattura di Boston (19 aprile 1775 - 17 marzo 1776). I patrioti inviarono la petizione del ramo d'ulivo (firmata l'8 luglio 1775) al re e al parlamento, che la respinsero entrambi. In risposta, invasero il Quebec britannico ma furono respinti. Nel luglio 1776 il Congresso approvò all'unanimità la Dichiarazione di Indipendenza. Le speranze di un rapido insediamento furono sostenute dai simpatizzanti americani all'interno del Parlamento che si opposero alla "politica di coercizione" di Lord North nelle colonie. Tuttavia, dopo che gli inglesi furono cacciati da Boston, il nuovo comandante in capo britannico, il generale Sir William Howe, lanciò una controffensiva e catturò New York City. Dopo aver attraversato il Delaware, Washington affrontò e sconfisse le forze dell'Assia nella battaglia di Trenton e gli inglesi nella battaglia di Princeton. Dopo che il generale britannico Burgoyne si arrese alle battaglie di Saratoga nell'ottobre 1777, la campagna di Filadelfia di Howe del 1777–1778 catturò quella città. Washington si ritirò a Valley Forge durante l'inverno del 1777–1778, dove il generale alleato prussiano von Steuben trapanò l'esercito continentale in gran parte non addestrato in un'unità di combattimento organizzata. Il ministro degli Esteri francese Vergennes vide la guerra come un modo per creare un'America economicamente e militarmente dipendente dalla Francia , non la Gran Bretagna. Sebbene i colloqui su un'alleanza formale iniziarono alla fine del 1776, procedettero lentamente fino alla vittoria dei patrioti a Saratoga nell'ottobre 1777. I timori che il Congresso potesse giungere a un rapido accordo con la Gran Bretagna portò Francia e Stati Uniti a firmare due trattati nel febbraio 1778. Il primo fu un trattato commerciale, il secondo un Trattato di Alleanza; in cambio di una garanzia francese dell'indipendenza americana, il Congresso accettò di unirsi alla guerra contro la Gran Bretagna e difendere le Indie occidentali francesi. Sebbene la Spagna si sia rifiutata di aderire all'alleanza franco-americana, nel Trattato di Aranjuez del 1779 ha accettato di sostenere la Francia nella sua guerra globale con la Gran Bretagna, sperando di riguadagnare le perdite subite nel 1713. In altri fronti del Nord America, il governatore della Louisiana spagnola Bernardo Gálvez in rotta le forze britanniche dalla Louisiana. Gli spagnoli, insieme ai corsari americani, fornirono la conquista americana del 1779 del Quebec occidentale (in seguito Territorio nordoccidentale degli Stati Uniti). Gálvez quindi espulse le forze britanniche da Mobile durante la battaglia di Fort Charlotte e l'assedio di Pensacola, tagliando gli aiuti militari britannici ai loro alleati indiani d'America nel sud-est interno.