Finali NBA 2022

Article

June 30, 2022

Le finali NBA 2022 sono state la serie di campionati della stagione 2021-2022 della National Basketball Association (NBA) e la conclusione dei playoff della stagione. In questa serie di playoff al meglio delle sette, il campione della Western Conference Golden State Warriors ha sconfitto il campione della Eastern Conference Boston Celtics in sei partite, vincendo il quarto campionato in otto anni. Stephen Curry di Golden State è stato nominato per la prima volta nella sua carriera il miglior giocatore delle finali (MVP). Le finali NBA sono tornate al normale programma di giugno per la prima volta dal 2019, prima dell'inizio della pandemia di COVID-19. La serie è iniziata il 2 giugno e si è conclusa il 16 giugno. Sponsorizzata dal servizio di streaming YouTube TV, la serie è stata ufficialmente conosciuta come le finali NBA 2022 presentate da YouTube TV. I Warriors avevano un vantaggio sul campo di casa nella serie sulla base del miglior record della stagione regolare. Questa edizione delle finali è stata una rivincita delle finali NBA del 1964, in cui i Celtics hanno sconfitto gli allora San Francisco Warriors in cinque partite. Golden State ha vinto il suo primo titolo dal 2018 e il suo settimo campionato in assoluto. Boston è rimasta a pari merito con i Los Angeles Lakers per il maggior numero di titoli nella storia del campionato con 17.

Sfondo

Boston Celtics

Durante la bassa stagione 2021, i Celtics hanno nominato l'allenatore Brad Stevens presidente delle operazioni di basket, in sostituzione di Danny Ainge dopo aver annunciato il suo ritiro. Stevens ha effettuato la sua prima transazione nella sua nuova posizione scambiando Kemba Walker e una scelta del secondo round del 2025 in cambio di Al Horford, Moses Brown e una scelta del secondo round del 2023. Avendo bisogno di un sostituto per Stevens, l'assistente allenatore dei Brooklyn Nets Ime Udoka è stato selezionato per essere il 18esimo allenatore nella storia dei Celtics. Dopo una sconfitta contro i Los Angeles Clippers il 29 dicembre che ha fatto scendere il loro record a 16–19 e in un pareggio per il 10° posto nella classifica della Eastern Conference, i Celtics hanno concluso la stagione regolare con un record di 51–31, vincendo 35 vittorie. le ultime 47 partite per finire con il secondo miglior record della conferenza. Nel primo turno dei playoff, i Celtics hanno vinto in quattro partite sulla settima testa di serie dei Brooklyn Nets, con numerosi esperti che si aspettavano una serie più competitiva come il Nets, con Kevin Durant, Kyrie Irving e inizialmente James Harden prima di essere ceduto ai Philadelphia 76ers, erano visti come i favoriti della preseason. I Celtics hanno quindi affrontato l' MVP delle finali 2021 Giannis Antetokounmpo e il campione in carica Milwaukee Bucks , perdendo 3–2 nella serie prima di vincere la serie in sette partite. Dopo essere scesi 2-1 nelle finali della conference contro la prima testa di serie dei Miami Heat guidata da Jimmy Butler, i Celtics hanno vinto in sette partite, raggiungendo le finali per la prima volta dal 2010 e per la 22esima volta nella loro storia.

Guerrieri dello Stato d'Oro

Dopo aver raggiunto le finali per cinque stagioni consecutive (2015-2019), i Warriors sono stati colpiti da infortuni per le due stagioni successive, con Klay Thompson fuori per tutte le campagne 2019-20 e 2020-21 e Stephen Curry che ha giocato un totale di 68 partite durante quell'arco di tempo. Nel 2021-22, Golden State ha iniziato la stagione vincendo 18 delle prime 20 partite. Curry è diventato il leader della carriera NBA in 3 punti e Thompson è tornato il 9 gennaio 2022, la sua prima partita NBA in 941 giorni. Andrew Wiggins, acquisito dai Warriors nel 2020 dopo sei stagioni con il Minnesota, è stato nominato titolare dell'NBA All-Star Game 2022, diventando la prima scelta assoluta al draft n. 1 nell'era del draft moderno (dal 1966) a guadagnare la sua prima Selezione All-Star nella sua ottava stagione o successiva. I Warriors hanno raggiunto la postseason per la prima volta in tre anni, finendo come testa di serie n. 3 nella Western Conference e un record, quasi eguagliando il totale di vittorie combinate delle due stagioni precedenti, quando avevano un peggior 15-50 in campionato record nella stagione 2019-20 ridotta dalla pandemia e quando hanno saltato i playoff nel 2020-21 con un record di 39-33 dopo essere stati eliminati nel torneo di play-in