Pietro Maus

Article

June 30, 2022

Peter Maus (Bayreuth, 24 marzo 1948 – Berlino, 17 giugno 2022) è stato un cantante lirico (tenore) tedesco.

Vita

Peter Maus ha studiato per la prima volta musica sacra presso la scuola di musica sacra di Bayreuth. Ha ricevuto la sua formazione vocale presso la Musikhochschule di Monaco, ad es. con Hanno Blaschke, e privatamente con Margarethe von Winterfeldt a Berlino. Ha fatto il suo debutto sul palcoscenico nel 1972 al Festival della Gioventù di Bayreuth in una performance dei primi lavori di Richard Wagner Das Liebesverbot. Nel 1974 è stato assunto alla Deutsche Oper Berlin, dove ha lavorato per quasi 40 anni ininterrottamente fino alla sua uscita ufficiale dalle scene nel 2013. Debutta alla Deutsche Oper nel febbraio 1974 ne Il trovatore. Lì ha cantato quasi 100 ruoli in più di 70 opere teatrali. Ha interpretato principalmente ruoli per buffo e tenore. Il suo repertorio comprendeva i.a. Pedrillo ne Il rapimento dal serraglio, Jaquino in Fidelio, Peter Ivanov in Tsar and Carpenter, Junker Sparlich ne Le allegre comari di Windsor, Wenzel ne La sposa barattata, Il ministro Pong in Turandot e Aljeya ne Dalla casa dei morti. Ha anche cantato numerosi ruoli minori; eccetera. è stato ascoltato alla Deutsche Oper Berlin come Narr in Boris Godunow e come Monsieur Triquet in Eugene Onegin. Occasionalmente Maus ha anche interpretato ruoli lirici in opere di Mozart come Belmonte e Ferrando. Nel 1981 ha preso parte alla prima dell'opera Aus Deutschland di Mauricio Kagel alla Deutsche Oper di Berlino. Ha anche cantato in opere di compositori contemporanei come Bernd Alois Zimmermann, Aribert Reimann e Wolfgang Rihm. Nel settembre 1992 ha cantato la parte dell'insegnante nella prima dell'opera Das Schloss di Aribert Reimann. Nel 2002 è stato scelto per il ruolo di Spalanzani ne I racconti di Hoffmann alla Deutsche Oper di Berlino. Nel 2013 ha cantato il mimo in Das Rheingold per il suo addio ufficiale sul palco. Maus ha poi continuato ad apparire come ospite alla Deutsche Oper di Berlino. Nella stagione 2015/16 ha fatto parte del cast della prima dell'opera per bambini Kleines Stück Himmel di Ania Michaelis e Nuria Núñez Hierro. Nel dicembre 2019 Maus è apparso per l'ultima volta alla Deutsche Oper Berlin come pastore in Tristano e Isotta. Per la stagione 2022/23, Maus è stato scelto per cinque recite nel ruolo di Alcindoro ne La Bohème.Ha anche fatto diverse apparizioni come ospite all'Opera di Stato Unter den Linden al Festival di Bayreuth. Dal 1993 al 1996 è stato nella produzione Bayreuth Tristan di Heiner Müller del pastore cieco, dove ha offerto una performance "particolarmente impressionante". con le passioni di Johann Sebastian Bach. Dal 1986 Peter Maus ha avuto una posizione di insegnante presso l'Università delle Arti di Berlino. Nel 1995 vi è stato nominato professore onorario. Nel 2001 è stato insignito del titolo di "Berliner Kammersänger". Peter Maus è morto nel giugno 2022 all'età di 74 anni dopo una breve e grave malattia.

Letteratura

Karl-Josef Kutsch, Leo Riemens: grande enciclopedia dei cantanti. Quarta edizione ampliata e aggiornata. Volume 4: Kainz-Menkes, pagina 3003/04. Monaco di Baviera 2003, ISBN 3-598-11598-9.

Collegamenti Web

Opere di e su Peter Maus nel catalogo della Biblioteca nazionale tedesca Peter Maus all'Internet Movie Database Peter Mouse a Discogs Peter Maus – CV e spettacoli (Festival di Bayreuth) Peter Maus (1948–2022) - necrologio (Deutsche Oper Berlin)

Prove individuali