Article

August 14, 2022

La Martinica [maʀtiˈnik] (Martinique Creole Matinik o Matnik) è un'isola dei Caraibi. Appartiene alle Piccole Antille e alle Isole Sottovento. L'isola era chiamata Madinina (isola dei fiori) nella lingua degli indigeni, questo nome è ancora spesso usato dai locali oggi. Come dipartimento d'oltremare e regione della Francia, la Martinica è una parte completamente integrata dello stato francese e quindi parte dell'Unione europea.

Geografia

La Martinica si trova tra il Mar dei Caraibi e l'Oceano Atlantico a 25 km a sud di Dominica e 37 km a nord di St. Lucia. Si trova a circa 6.850 km da Parigi e 3.150 km da New York e 440 km al largo della costa del Venezuela. L'isola è lunga 73 km e larga 39 km. La costa è lunga circa 350 km. L'isola è montuosa. Nel nord dell'isola si trova il vulcano Montagne Pelée, che ha un'altezza di 1.397 m. Il 9,4% del territorio dell'isola è urbanizzato. L'agricoltura è praticata sull'11,3% della superficie.

Clima

Il clima è tropicale e la stagione delle piogge va da giugno a ottobre. Il nord è umido con una vegetazione lussureggiante. Al sud il clima è più secco, ed è qui che si trovano la maggior parte delle mete turistiche. Le temperature medie dell'aria in gennaio e febbraio sono comprese tra una minima di 21°C e una massima di 27°C, in agosto e settembre tra una minima di 24°C e una massima di 30°C. I mesi da giugno a novembre sono caratterizzati da elevata umidità. Febbraio ha una media di 12 giorni di pioggia, 22 luglio. La temperatura dell'acqua può superare i 28 ° C da luglio a ottobre e non è inferiore a 26 ° C neanche a febbraio. I cicloni possono verificarsi tra giugno e novembre.

popolazione

Circa l'80% della popolazione è di origine africana. Il 15% dei residenti è di origine indiana o afro-indiana (chiamati “coolies” in Martinica), per lo più nell'est dell'isola. Circa il 5% dei residenti della Martinica è di origine europea. Questo gruppo comprende i bianchi nati in Martinica, che discendono dall'alta borghesia coloniale e sono chiamati Béké. Si possono far risalire a circa 30 famiglie. Tutte le persone nate in Martinica, sia bianche che nere, sono chiamate creoli. Inoltre, sull'isola vivono immigrati europei provenienti dalla metropoli (Francia) e funzionari statali francesi distaccati in Martinica. A causa del tenore di vita molto elevato nel confronto regionale, la Martinica - come gli altri dipartimenti francesi della Guadalupa e della Guyana francese - attira anche immigrati dalla regione, in particolare da Haiti. L'85% della popolazione è cattolica romana (arcidiocesi di Saint-Pierre et Fort-de-France), il 10,5% protestante (principalmente avventisti). 0,5% ciascuno professa l'Islam e l'Induismo. La lingua ufficiale è il francese. Tuttavia, la lingua madre della maggior parte della popolazione è il creolo della Martinica, una lingua creola francese.

Sviluppo della popolazione

Fonte: UN

storia

I primi insediamenti possono essere fino al 4000 aC. Sii dimostrato. Intorno al 100 aC Gli Arawak colonizzarono l'isola dalla regione dell'Orinoco in Venezuela. I Caribi seguirono nel X secolo. Cristoforo Colombo fu il primo europeo a scoprire la Martinica il 15 giugno 1502 durante il suo quarto viaggio in Europa. Sbarcò in quello che oggi è il comune di Carbet. L'isola fu colonizzata dalla Francia nel 1635 da Pierre Belain d'Esnambuc per conto della Compagnie des îles d'Amérique fondata da Richelieu e da allora è rimasta in possesso francese salvo tre brevi periodi di occupazione straniera. Nel 1648 la Compagnie des îles d'Amérique fallì, dopo di che l'isola fu venduta a Jacques Dyel du Parquet, nipote di Pierre Belain d'Esnambuc. Fondò Fort-de-France e fece piantare per la prima volta la canna da zucchero, che divenne economica