Marlon brando

Article

August 11, 2022

Marlon Brando, Jr. (nato il 3 aprile 1924 a Omaha, Nebraska, 1 luglio 2004 a Los Angeles, California) è stato un attore americano. È considerato uno dei personaggi più importanti della storia del cinema del XX secolo. Con i suoi ruoli nei film Endstation Sehnsucht (1951) e Die Faust im Nacken (1954) ha portato la tecnica di recitazione del metodo di recitazione all'attenzione mondiale. Ha avuto un'influenza duratura sulla generazione più giovane di attori, sia con il suo stile di rappresentazione sia attraverso la sua apparizione in pubblico come un outsider sociale, che non era interessato alle regole del gioco a Hollywood. Tra il 1952 e il 1990 è stato nominato all'Oscar sette volte nella categoria Miglior attore e una volta come Miglior attore non protagonista, e due volte (1955 e 1973) lo ha vinto nella categoria Miglior attore. Nel 1973 si rifiutò di accettare il suo secondo premio per il ruolo da protagonista in Il padrino in segno di protesta contro il trattamento dispregiativo dell'industria cinematografica americana con gli indiani, che era stato diffuso fino a quel momento. Brando ha ricevuto altri premi in festival cinematografici internazionali, tra cui Cannes nel 1952 e Tokyo nel 1989, ed è stato classificato quarto in una lista del 1999 pubblicata dall'American Film Institute, che elenca le 25 più grandi leggende del cinema maschile di tutti i tempi. Marlon Brando ha usato le sue celebrità per una vasta gamma di impegni socio-politici, ad esempio per sostenere il movimento per i diritti civili degli afroamericani negli Stati Uniti e l'organizzazione indigena dell'American Indian Movement.

Vita e carriera cinematografica

Gioventù e tempo scolastico

Marlon Brando è nato a Omaha, Nebraska nel Midwest americano nel 1924, il più giovane di tre fratelli. La famiglia era da tempo radicata nella regione; il nome Brando deriva da antenati di nome Brandau, che erano immigrati dal Palatinato (Baviera) generazioni prima. Gli antenati di Brando erano tedeschi, inglesi, irlandesi, olandesi, francesi, gallesi e scozzesi. Il padre, Marlon Brando Sr., era in realtà un ingegnere, ma dopo la nascita dei figli ha lavorato come commesso viaggiatore e dal 1930 come direttore commerciale. Per distinguersi dall'omonimo padre, Marlon Jr. fu chiamato Bud da familiari e amici.La famiglia si trasferì dalla città di Omaha a Evanston, Illinois nel 1930. Nell'estate del 1936 i genitori si separarono temporaneamente; la madre trasferì i bambini a Santa Ana, in California, per vivere con la madre. Tornò dal marito due anni dopo e la famiglia si trasferì a Libertyville, un sobborgo rurale di Chicago, dove gestiva un piccolo allevamento di cavalli come attività secondaria. I biografi hanno prestato particolare attenzione all'infanzia e alla giovinezza di Marlon Brando, perché ci sono motivi tipici dei suoi primi film, come il motivo del ribelle giovanile, il cui atteggiamento aggressivo macho nasconde un'anima ferita e quindi vulnerabile. Le condizioni familiari in cui è cresciuto Brando erano miste: sua madre, Dorothy Pennebaker Myers, una donna politicamente liberale e spiritosa, aveva un talento naturale per la recitazione. A causa dei suoi legami familiari, ha potuto fare di questo lavoro solo temporaneamente, ma almeno non ha ostacolato lo sviluppo artistico dei suoi figli. Anche la sorella maggiore di Marlon, Jocelyn, ha intrapreso la professione di attrice; la figlia di mezzo, Frances, ha studiato pittura. Tuttavia, entrambi i genitori erano alcolizzati, non andavano d'accordo e avevano numerose relazioni extraconiugali. La madre fece diversi tentativi di suicidio. I bambini erano spesso trascurati e soffrivano della mancanza di affidabilità, soprattutto della madre. Il giovane Brando è descritto dai suoi biografi come un introverso, disadattato, cattivo studente, di qualsiasi autorità con eccessiva aggre