Margot Eskens

Article

August 17, 2022

Margot Eskens (* 12 agosto 1936 a Düren, † 29 luglio 2022 a Wörthersee, Austria) è stata una cantante pop tedesca che ha avuto successo principalmente negli anni '50 e '60.

Biografia e lavoro artistico

Il padre di Margot Esken, Karl Eskens, era già un intrattenitore solista, il che ha portato Margot Eskens in contatto con il mondo della musica e dell'intrattenimento in tenera età. Nel 1954, l'assistente odontoiatrica Margot Eskens ha partecipato come cantante a un concorso per giovani talenti Polydor, che ha vinto con il titolo Moulin Rouge. Questo le ha portato un contratto discografico con la Polydor e ha significato un rapido successo sul mercato musicale. Già nell'ottobre 1955 è stata notata per la prima volta alla Schlager Parade tedesca con la registrazione che vorrei uscire oggi e si è classificata al terzo posto. Nel 1956 e nel 1957 ha celebrato i suoi più grandi successi con i due titoli numero uno Tiritomba, che ha venduto oltre 800.000 copie, e Cindy, oh Cindy. Anche diversi duetti con Silvio Francesco sono stati ben accolti dal pubblico. Il record dei due con il titolo Mondschein-Partie ha venduto più frequentemente nel 1959. Ma ha anche registrato titoli di successo con René Carol, Willy Hagara, Udo Jürgens, Will Brandes e Peter Alexander. Il produttore e paroliere di Krefeld Kurt Feltz, con il quale Margot Eskens ha lavorato fino al 1961, è stato il responsabile di questo successo. Il nuovo team di produttori guidato da Hans Bertram non fu in grado di basarsi su questo, ma nel 1962 la canzone Ein Herz, das kann man nicht essen ottenne di nuovo un notevole successo. Con questo titolo, Polydor mandò Margot Eskens allo Schlager Festival tedesco nel 1962. Lì finì terza dietro a Conny Froboess e Siw Malmkvist. Nel 1963, Heidi Brühl è stata nominata direttamente per l'Eurovision Song Contest con il titolo Marcel. Ma poiché aveva problemi di salute e la partecipazione non era certa, Margot Eskens ha anche registrato la canzone per poter sostituire Brühl se necessario. Nel 1964 Margot Eskens partecipò nuovamente allo Schlager Festival tedesco di Baden-Baden con la hit Eine Reise in passato, raggiungendo il sesto posto.All'Eurovision Song Contest del 1966 rappresentò - anche nominata direttamente - la Germania con la canzone The Hands of the Clock e si è classificato 10° su 18 partecipanti. Nel frattempo raggiunse l'ottava posizione in classifica con Mama nel 1964. Negli anni successivi non era più una delle attuali hit star. Il passaggio alle case discografiche CBS e Columbia non si è più riflesso nel successo e si è ritirata dall'attività di successo. Dopo aver perso 100.000 marchi quando la Herstatt Bank è crollata nel 1974, ha tentato una rimonta. Ciò ha portato all'uscita dei singoli Life is Beautiful (1975) e Don't Think About Tomorrow (1977). Eskens non ha raggiunto le classifiche con singoli e album successivi, ma ha comunque fatto apparizioni sul palco e in televisione fino all'inizio degli anni 2010. Margot Eskens è apparsa in numerosi programmi televisivi e diversi film. È stata sposata con il suo manager Karl-Heinz Münchow (1922-2011), con il quale ha vissuto a lungo sul Wörthersee. Dopo la morte del marito, si ritirò dalla vita pubblica. Le è stata diagnosticata la demenza nel 2013 e da allora vive in una casa di cura.

Premio

2005: Tuning Fork in Platinum per il suo 50° anniversario di tappa

Discografia

Album

1960: Margot Eskens (10" LP) 1963: Bonjour la France (compilation, tra l'altro con Margot Eskens) 1964: Serenata d'amore 1987: Quella sensazione 1990: Trova la tenerezza con me 1993: Anche i marinai hanno nostalgia di casa 2009: Io per te 2011: Montagne russe dell'amore

Single

Più single:

Filmografia

1961: Arrivederci 1971: ... e questo si chiama spettacolo

Collegamenti Web

Margot Eskens nel database di film su Internet Marzo