James Bond 007 - La spia che mi amava

Article

August 17, 2022

James Bond 007 - La spia che mi amava (Titolo originale: La spia che mi amava) è il decimo film della serie di James Bond, girato da Lewis Gilbert nel 1976 e nel 1977. Il film è uscito nelle sale il 7 luglio 1977. Londra e il 26 agosto 1977 prima in Germania.

azione

Dopo la misteriosa scomparsa di un sottomarino nucleare britannico in alto mare, l'MI6 incarica James Bond di indagare sul caso. I sovietici, che hanno perso un sottomarino nucleare allo stesso modo, usano il loro agente Maggiore Anya Amasova (alias Triple X). Dopo che Bond ha sparato al capo degli aggressori in un inseguimento sugli sci in Austria, si è recato al Cairo, dove sul mercato nero venivano offerti piani per un sistema segreto di tracciamento dei sottomarini. Il suo amico di college Sheikh Hosein conduce Bond sulle tracce di Aziz Fekkesh, ma l'agente deve guardare mentre Fekkesh viene ucciso dal vagante, un gigantesco killer con denti d'acciaio, vicino alle piramidi di Giza. Qui Bond incontra Anya e compete con Max Kalba per acquisire i piani che sono in suo possesso su un microfilm. Prima che l'affare finisca, il vagante riappare, uccide Kalba e ruba il microfilm. Bond e Anya si lanciano all'inseguimento e riescono a rubargli il film in un complesso di templi. Dopo che Bond viene reso inabile da Anya con gas narcotico, la incontra di nuovo con il suo capo, il generale Gogol, nella filiale egiziana dell'MI6. Qui il suo superiore M gli rivela che i loro due governi vogliono metterli insieme per risolvere il caso. Una traccia sul microfilm porta all'armatore e biologo marino Karl Stromberg, proprietario di un laboratorio di ricerca marina vicino alla Sardegna. Sulla strada per l'Italia, Bond e Anya vengono attaccati di nuovo dal vagante sul treno. Bond riesce a spingerlo fuori dalla finestra e passa la notte con Anya nel suo scompartimento. Travestiti da ricercatore marino e sua moglie, visitano Stromberg nella sua stazione sottomarina Atlantis. Beißer li identifica come agenti e Stromberg ne ordina l'eliminazione. Sulla via del ritorno nella Lotus Esprit, che Bond ha ricevuto da Q, sono seguiti dal vagante e da altre persone di Stromberg, ma sono in grado di scrollarsi di dosso le loro spoglie. Mentre fugge dalle armi di bordo di un elicottero controllato dall'assistente di Stromberg, Naomi, Bond spinge la Lotus in mare, la trasforma in un sottomarino con la semplice pressione di un pulsante e abbatte l'elicottero con un missile. Sott'acqua, scoprono alla stazione di Stromberg che è la mente dietro i dirottamenti sottomarini. Sei attaccato dai suoi subacquei, ma puoi difenderti e fuggire. Stromberg ha avviato gli omicidi di Fekkesh e Kalba e ha anche liquidato la sua segretaria traditrice e i due inventori del sistema di tracciamento come confidenti. Di ritorno in hotel, Anya scopre che Bond ha sparato al suo amante mentre sciava in Austria e giura di uccidere Bond dopo aver completato il lavoro. I sottomarini rubati si trovano all'interno della superpetroliera Liparus di Stromberg, che Bond e Anya stanno rintracciando nel sottomarino americano del Capitano Carter. Anche il suo sottomarino viene "inghiottito" dal Liparus e l'equipaggio viene catturato. Il piano di Stromberg è creare una nuova civiltà sott'acqua. Si dice che i sottomarini rubati lancino missili nucleari a New York e Mosca per provocare una guerra nucleare globale che spazzerà via quella che lui vede come una civiltà decadente. Con Anya prigioniera, Stromberg si avvia in direzione della sua stazione di Atlantide. Bond riesce a liberare se stesso e gli altri equipaggi dei sottomarini e con il loro aiuto, dopo una dura battaglia contro le truppe di Stromberg, fa esplodere il bunker del comando Liparus con una testata rimossa da un missile nucleare. Lascia che Carter prenda i sottomarini già trapelati con l'equipaggio di Stromberg