Telescopio dell'orizzonte degli eventi

Article

May 16, 2022

L'Event Horizon Telescope (EHT, tedesco Event Horizon Telescope) è una rete di radiotelescopi per investigare i buchi neri lontani usando l'interferometria di base molto lunga (VLBI). I radiotelescopi di tutto il mondo raccolgono segnali causati dai buchi neri. Le serie di misurazioni risultanti vengono salvate (i volumi di dati sono troppo grandi per la trasmissione su Internet) e portate a centri di calcolo (come il correlatore VLBI del Max Planck Institute for Radio Astronomy di Bonn) su supporti dati (rack con hard disk), dove vengono valutati. La grande distanza tra i telescopi sulla superficie terrestre consente una risoluzione angolare di gran lunga superiore a quella dei singoli radiotelescopi. I primi due obiettivi della rete sono il buco nero supermassiccio Sagittarius A* al centro della Via Lattea e il buco nero al centro della galassia ellittica gigante M87. Questo ha lo scopo di testare le previsioni della teoria della relatività generale e trovare spiegazioni per la formazione dei getti estremamente energetici di buchi neri supermassicci.I primi suggerimenti su come osservare l'orizzonte degli eventi con radiotelescopi interconnessi sono stati fatti nel 2000 da Heino Falcke, Fulvio Melia e Eric Agol. I piani per l'EHT sono stati concretizzati in un incontro di radioastronomi nel gennaio 2012 a Tucson ("Bringing Black Holes into Focus: The Event Horizon Telescope"). L'osservazione avviene ad una lunghezza d'onda di 1,3 mm (230 GHz); Nel 2019 sono in preparazione osservazioni a lunghezze d'onda ancora più brevi (0,87 mm, corrispondenti a 345 GHz). L'elemento chiave del successo dell'EHT è che l'interferometro radio ALMA è stato reso compatibile con VLBI a 230 GHz nel 2016 (anche nella banda 86 GHz, corrispondente a una lunghezza d'onda di 3,5 mm, nel Global Millimeter VLBI Array, GMVA). All'inizio di aprile 2017, ha preso parte per la prima volta alle osservazioni VLBI a 86 GHz (GMVA) e 230 GHz (EHT), che hanno migliorato la risoluzione in direzione nord-sud di un fattore tre e la sensibilità notevolmente. dell'EHT è dall'agosto 2020 Huib Jan van Langevelde. Shep Doeleman è il direttore fondatore. Il presidente del consiglio di amministrazione dell'EHT è Colin J. Lonsdale; Il presidente fondatore del consiglio di amministrazione è Anton Zensus. Il comitato consultivo scientifico è guidato da Daniel Marrone, successore di Heino Falcke. La cooperazione EHT ha ricevuto il premio Breakthrough in Fundamental Physics e la medaglia Albert Einstein (entrambi per il 2020) e il Breakthrough of the Year per il 2019.

Buco nero nella galassia M87

Il 10 aprile 2019 sono state presentate al pubblico le prime immagini ad alta risoluzione del nucleo attivo della galassia M87. Questo è stato il risultato finale di mesi di analisi con algoritmi complessi di elaborazione delle immagini e l'esclusione di effetti distruttivi. M87 si trova a 55 milioni di anni luce dalla Terra e il buco nero al suo centro ha una massa stimata in 6,6 miliardi di masse solari prima dell'osservazione ora disponibile con l'EHT. Per la prima volta sono stati mostrati i flussi di accrescimento di materia riscaldata attorno a un buco nero, che sono distorti in un anello dalla gravità. L'anello mostrato ha un diametro di 42 ± 3 microsecondi d'arco e una larghezza inferiore a 20 microsecondi d'arco. Il bordo interno dell'anello può essere identificato dal confronto con varie simulazioni al computer con la cosiddetta ombra del buco nero. L'ombra è la proiezione gravitazionalmente distorta dell'area dalla quale nessuna luce può fuoriuscire e che è limitata dall'orbita del fotone su cui la luce catturata orbita attorno al buco nero e può sfuggire a causa di disturbi o essere assorbita dal buco nero. Il buco nero ruota in senso orario se visto dall'alto, come nelle immagini pubblicate. I brillanti