Consiglio europeo

Article

June 30, 2022

Il Consiglio europeo (ER, informalmente anche EUCO, dall'inglese Consiglio europeo) è l'organo dei capi di Stato e di governo dell'Unione europea (UE). Il Consiglio si riunisce almeno due volte ogni sei mesi per quello che è noto anche come vertice dell'UE. Il Consiglio europeo svolge un ruolo speciale nel sistema politico dell'UE: non è coinvolto nella legislazione quotidiana dell'UE, ma funge piuttosto da istituzione di livello superiore, in particolare per trovare compromessi tra gli Stati membri su importanti questioni politiche e per fornire impulsi fondamentali per l'ulteriore sviluppo dell'Unione europea da mettere. I suoi compiti e il suo funzionamento sono disciplinati dall'articolo 15 del Trattato UE e dagli articoli 235 e ss. Il Consiglio europeo rappresenta i governi degli Stati membri dell'UE e costituisce quindi la seconda importante istituzione intergovernativa dell'Unione europea accanto al Consiglio dell'Unione europea (noto anche come Consiglio dei ministri), che può essere inteso come una camera degli Stati. Questo lo distingue da organismi sovranazionali come il Parlamento Europeo (Citizens' Chamber), la Commissione Europea (esecutivo) e la Corte di Giustizia Europea. Un presidente del Consiglio europeo, che altrimenti non potrebbe ricoprire alcuna carica politica nazionale, è eletto presidente delle riunioni del vertice per un periodo di due anni e mezzo. Il suo scopo è garantire la continuità dei lavori del Consiglio europeo, mediare nei conflitti ed elaborare proposte di compromesso, ma non ha diritto di voto proprio. Inoltre, rappresenta l'Unione all'esterno insieme al Presidente della Commissione. L'operatore storico è Charles Michel dal 1 dicembre 2019.

compiti

Secondo l'articolo 15 del Trattato UE, il Consiglio europeo dà all'UE “l'impulso necessario per il suo sviluppo e definisce gli obiettivi politici generali e le priorità per questo”. Il Consiglio europeo si occupa anche di questioni importanti per le quali non è stato possibile trovare un consenso a livello ministeriale (vale a dire nel Consiglio dell'Unione europea). Anche la politica estera e di sicurezza comune (PESC) è oggetto di frequenti discussioni. I risultati delle riunioni del Consiglio sono riportati nelle “Conclusioni della Presidenza”. Questi inizialmente non sono giuridicamente vincolanti all'interno del sistema politico dell'UE. Tuttavia, poiché i capi di Stato e di governo hanno solitamente l'autorità di emanare linee guida all'interno del governo del proprio Stato, i risultati dei negoziati del Consiglio europeo servono anche come linee guida per le riunioni del Consiglio dei ministri. Anche la Commissione europea agisce per lo più in conformità con i compromessi trovati nelle riunioni al vertice. Alcune decisioni istituzionali nella politica dell'UE sono prese anche dal Consiglio europeo. Questi includono, ad esempio, la nomina del Presidente della Commissione e dell'Alto Rappresentante dell'UE, attraverso i quali il Consiglio europeo può influenzare l'esecutivo dell'UE. Inoltre, elegge i membri del Comitato esecutivo della Banca centrale europea previo voto non vincolante nel Comitato economico e nella sessione plenaria del Parlamento europeo su raccomandazione del Consiglio dell'UE (art. 283, comma 2 , comma 2, trattato TFUE). L'elezione avviene in ogni caso a maggioranza qualificata. Il Consiglio europeo ha un'ulteriore funzione in relazione al regolamento passerella di cui all'articolo 48 del Trattato UE: attraverso questo, può ottenere la maggioranza qualificata o introdurre procedure legislative ordinarie. Tuttavia, i parlamenti nazionali hanno ciascuno il diritto di veto per tali decisioni passerella. Il Consiglio europeo svolge un ruolo speciale nelle riforme del trattato dell'UE (come il trattato di Nizza o il trattato di Lisbona). Secondo il diritto internazionale, questi sono trattati internazionali tra i singoli Stati membri e devono quindi essere emanati dai loro governi