Corte Costituzionale Federale

Article

February 8, 2023

Nella Repubblica federale di Germania, la Corte costituzionale federale (BVerfG), in quanto corte costituzionale federale, è sia il più alto organo costituzionale indipendente della magistratura, al pari degli altri più alti organi federali, sia la più alta corte a livello federale . Ha quindi una doppia funzione. Spetta alla Corte costituzionale federale vigilare sulla vita politica costituzionalmente determinata, che interpreta alla luce della Legge fondamentale, con particolare riguardo ai diritti fondamentali individuali del cittadino. A questo proposito, alla corte, nella sua qualità di custode della costituzione tedesca, è stata concessa l'autorità di base per regolamentare la costituzione di fronte al cambiamento sociale. D'altra parte, il tribunale è il più alto organo di giustizia. In questa funzione, ha una posizione speciale rispetto a tutti gli altri tribunali, perché è autorizzato a ribaltare le loro decisioni giudiziarie. Le decisioni della Corte Costituzionale Federale sono giuridicamente vincolanti e acquistano maggiore vigore per quanto riguarda la legislazione federale e statale. Sebbene la Corte costituzionale federale controlli le decisioni di altri tribunali, non fa parte del ricorso. Non esercita alcun controllo professionale, ma verifica se le decisioni prese dai tribunali specializzati sono conformi alla Legge fondamentale. Se giunge alla conclusione che vi è stata una violazione della costituzione, la abroga - anche, se del caso, le decisioni dei tribunali di grado inferiore - e rinvia la questione ai tribunali specializzati per un ulteriore controllo (Sezione 95 (2) BVerfGG ). La più alta corte tedesca è la Corte costituzionale federale, perché può revocare le azioni a tutti i livelli amministrativi o, in caso di omissioni, decidere di agire. Le decisioni del tribunale non possono essere impugnate né da organi statali né da altri. Secondo § 31 BVerfGG, le formule decisionali di alcune sentenze della Corte costituzionale federale sono promulgate nella Gazzetta federale. La corte ha sede a Karlsruhe. In quanto organo costituzionale, è circondato da un distretto pacificato. È protetto dalla polizia federale.

storia

Preistoria

La giurisdizione costituzionale in Germania non è un'istanza dal secondo dopoguerra. Istituzioni come la Camera di commercio del Reich dal 1495 e il Reichshofrat dal 1518 parlavano già di diritto tra gli organi statali. La giurisdizione costituzionale dello stile moderno ha la sua origine in una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 24 febbraio 1803, che si basava sul famoso contenzioso Marbury contro Madison. Per la prima volta una legge è stata dichiarata incostituzionale. Secondo questo modello, dovrebbe essere possibile procedere secondo il § 126 della costituzione Paulskirche del 1849, secondo il quale il Reichsgericht sarebbe stato dotato di ampi poteri giurisdizionali statali e costituzionali se la norma fosse entrata in vigore. Nel 1850, la Corte di giustizia statale bavarese è stata la prima corte speciale per questioni costituzionali in Germania. La costituzione dell'Impero tedesco del 1871, tuttavia, non prevedeva una corte costituzionale. Nel 1919, la Costituzione di Weimar introdusse la Corte di giustizia statale per il Reich tedesco, una corte costituzionale con poteri limitati, perché la sua giurisdizione era limitata ai processi tra il Reich e gli stati. Dal 1924 in poi, ci fu un'ampia e controversa discussione tra gli scienziati dopo che i giudici del Reichsgericht avevano valutato se le future leggi dovessero essere verificate per la loro compatibilità costituzionale, se necessario. La maggioranza votò contro, in particolare Carl Schmitt eccelleva nel 1929 con il suo saggio The Guardian of the Constitution. In esso sosteneva che i giudici non avevano competenza in tal senso, poiché erano responsabili dell'applicazione della legge, ma non della revisione della legge,