Article

August 11, 2022

L'Académie des sciences de l'Institut de France di Parigi, tradizionalmente chiamata semplicemente Académie des sciences (Accademia delle scienze), è una delle cinque accademie che si sono fuse per formare l'Institut de France. Riunisce studiosi francesi e stranieri, in entrambi i casi rappresentanti particolarmente eminenti della loro materia.

storia

L'Académie des sciences deve la sua esistenza al progetto di Jean-Baptiste Colbert di creare un'istituzione dedicata esclusivamente alla ricerca. Trovò i suoi membri in vari circoli scientifici che si raccolsero attorno a un mecenate oa un erudito nel XVII secolo. Colbert selezionò un piccolo gruppo che si riunì il 22 dicembre 1666 nella biblioteca del re, che era stata da poco istituita in rue Vivienne e che d'ora in poi si riuniva per sessioni di lavoro ogni due settimane. I primi 30 anni di esistenza dell'Accademia furono relativamente informali, poiché il nuovo istituto non si era ancora dato uno statuto. Il 20 gennaio 1699, il re Luigi XIV diede alla società il suo primo regolamento. L'Accademia ricevette il titolo di Académie royale e si trovava al Louvre. Composto da 70 membri, contribuì allo sviluppo della conoscenza con le sue pubblicazioni nel XVIII secolo e, con la sua vicinanza al potere, svolse anche un ruolo politico. Una delle opere più importanti fu, ad esempio, la misurazione della terra, per la quale l'Accademia organizzò due grandi spedizioni in Perù e Lapponia tra il 1735 e il 1740. Dal 1702 al 1797 fu pubblicata la rivista Histoire de l'Académie royale des sciences ... avec les mémoires de mathématique & de physique L'8 agosto 1793 tutte le accademie furono bandite dalla Convenzione Nazionale. Due anni dopo, il 22 agosto 1795, fu costituito un istituto scientifico nazionale, costituito dalle antiche accademie letterarie di scienze naturali e umane. La prima classe dell'istituto (fisica e matematica) era la più numerosa con 66 su 144 membri. Nel 1805 l'Accademia fu ospitata nell'ex Collège des quatre Nations. Nel 1816 l'Académie des Sciences riacquistò la sua autonomia quando entrò a far parte dell'Institut de France. Il patrono dell'Accademia è il capo dello stato. Nel 1835, sotto l'influenza di François Arago, furono creati i rapporti delle conferenze dell'Accademia (Comptes rendus de l'Académie des sciences), che divennero un mezzo primario di diffusione del lavoro scientifico in Francia e all'estero. Dall'inizio del XX secolo, l'accademia ha registrato un declino dell'attività e dell'influenza. Dato lo sviluppo accelerato della ricerca scientifica in Francia, l'Accademia ha dovuto riformare le sue strutture ei suoi compiti per mantenere la sua reputazione. Il primo passo in queste riforme è stato compiuto con il decreto del 2 maggio 2002 (Journal Officiel n°104 du 4 maggio 2002), che ha permesso l'elezione di 26 nuovi membri. Il secondo passo è stato il decreto del 31 gennaio 2003 (Journal officiel n° 28 du 2 février 2003). I membri femminili sono stati ammessi solo quasi tre secoli dopo la sua fondazione, nel 1962 (come membri a pieno titolo solo nel 1979). Marie Curie e Irène Joliot-Curie furono respinte dall'Accademia, nonostante i loro premi Nobel.

Gli archivi dell'Académie des sciences

Fu solo nel 1880 che l'Académie des Sciences aprì un proprio archivio. Le collezioni comprendono, tra l'altro: Verbale delle riunioni, il più antico del 1666 Numerosi scritti, relazioni, lettere, manoscritti di ogni genere, presentati durante gli incontri e raccolti in dossier (Pochettes des Seances), disposti cronologicamente dossier biografici su tutti gli scienziati che hanno mai fatto parte dell'Accademia e che contengono documenti manoscritti e iconografici Dossier sui prezzi; la necessità del prezzo v