Volodymyr Zelenskyj

Article

May 25, 2022

Volodymyr Oleksandrovych Zelenskyj (ucraino Володи́мир Олекса́ндрович Зеле́нський, russo Влади́мир Алекса́ндрович Зеле́нский, Vladimir Alexandrovič 20j 25 gennaio 25 gennaio Zelenski Prima di entrare in politica, ha lavorato come attore, batterista, sceneggiatore, presentatore televisivo e direttore dello studio di produzione Kvartal 95.

Vita personale e carriera artistica

Volodymyr Zelensky è nato nel 1978 da una famiglia ebrea nella città ucraina di Kryvyi Rih in quella che allora era l'Unione Sovietica. Suo padre è un professore di cibernetica, sua madre è un'ingegnere. Volodymyr Zelensky ha studiato giurisprudenza all'Università nazionale di economia di Kiev, ma non ha mai lavorato professionalmente in questo campo. All'età di diciassette anni, ha partecipato per la prima volta al concorso umoristico televisivo KVN, popolare nei paesi dell'ex Unione Sovietica. Nel 1997 ha vinto il concorso KVN. Nello stesso anno ha fondato il gruppo Kvartal 95, con il quale ha continuato nei massimi round della KVN dal 1998 al 2003. Durante questo periodo, il gruppo si è esibito in altri paesi post-sovietici, con una base a Mosca. Nel 2003, Kvartal 95 ha iniziato a produrre programmi televisivi per la televisione ucraina 1 + 1, poi per la televisione dell'Inter. Ha poi recitato nel film in lingua russa Love in the Big City (Любовь в большом городе, 2009) e nei suoi due sequel, così come nel film Service Novel - Our Time (Служебный роман - Наше время, 2011), in il film russo-ucraino R Ржевский против Наполеона, 2012) e nella trilogia di film 8 primi incontri (8 первых свиданий, 2012). Nell'agosto 2014 è entrato in conflitto con il Ministero della Cultura ucraino quando ha criticato il divieto agli artisti russi di esibirsi sul suolo ucraino. Nella serie, ha interpretato un giovane insegnante di storia del liceo che ha vinto le elezioni presidenziali dopo che un video virale che criticava la diffusione del governo corrotto ucraino. Il partito politico Servant of the People, per il quale si è candidato alle elezioni presidenziali del 2019, prende il nome da questa serie: la lingua madre di Zelenský è il russo, parla fluentemente anche l'ucraino e l'inglese.

Carriera politica

Candidatura presidenziale

Alla vigilia di Capodanno 2018, Zelensky ha annunciato la sua candidatura alle elezioni presidenziali ucraine nel marzo 2019 e all'inizio di febbraio i sondaggi elettorali lo consideravano uno dei favoriti. Al primo turno delle elezioni, ha ottenuto il maggior numero di voti su 39 candidati e, insieme al presidente in carica Petr Porošenko, è passato al secondo turno delle elezioni presidenziali. Come candidato per il Servo del popolo, Zelensky era considerato un candidato anti-sistema, che si è espresso contro la corruzione onnipresente. Ha chiesto sostegno per l'adesione dell'Ucraina all'UE e alla NATO, ma ha affermato che gli ucraini dovrebbero decidere su entrambi in un referendum. Se eletto, intendeva porre fine al conflitto in corso nel Donbas con la Russia e non ha escluso di tenere un referendum sulla questione. Secondo la sua dichiarazione all'epoca, c'erano due modi per il Donbas di tornare al controllo di Kiev: il primo prevedeva una guerra dell'informazione su larga scala che