tacchino

Article

August 16, 2022

La Turchia, denominata per intero Repubblica di Turchia (turco Türkiye Cumhuriyeti), è un paese situato in Asia Minore e, in misura minore, nell'Europa sudorientale. La Turchia confina a nord-est con la Georgia, a est con l'Armenia, l'Azerbaigian (Exclave di Nachichevan) e l'Iran, a sud-est con l'Iraq e la Siria. Le coste della Turchia sono bagnate dal Mar Mediterraneo e dal Mar Egeo a ovest. Il confine con la Grecia e la Bulgaria corre sul confine occidentale della parte europea della Turchia. Le coste settentrionali della Turchia sono bagnate dal Mar Nero.

Storia

Il territorio turco è una delle aree abitate permanentemente più antiche del mondo. Le abitazioni più antiche sono ancora costruite nel Neolitico (Çatalhöyük). Il primo impero esistito nell'antichità nell'attuale Turchia fu l'impero ittita dal XVIII al XIII secolo a.C. circa. Dopo il crollo dell'impero ittita, la Frigia divenne lo stato più importante, fino al VII secolo a.C. non sovvertì le tribù kimmeriane. Tra i più importanti stati successori di Frýgia c'erano Lýdia, Kárie e Lýkie. I Lidi e i Licani parlavano una lingua indoeuropea, ma aveva anche elementi non indoeuropei caratteristici degli Ittiti. Dal XII secolo a.C. la costa occidentale dell'Anatolia fu colonizzata dai greci eoliani, dorici e ionici. Nell'VIII secolo a.C. I greci colonizzarono l'intera costa settentrionale (Pontos) e meridionale. In 6.-5. secolo aC L'Anatolia fu conquistata dai Persiani, con i quali combatterono i Greci. Infine, l'Anatolia fu conquistata da Alessandro Magno. Dopo la sua morte, si divise in diversi stati ellenistici (Bitinia, Cappadocia, Pergamo e Ponto). Molti abitanti greci si stabilirono in diverse parti dell'Anatolia, il che portò all'ellenizzazione dell'intera area. Questi stati non durarono a lungo e fino alla fine del I secolo. AVANTI CRISTO tutti erano governati dall'Impero Romano. Dopo la sua divisione nel 395, il territorio dell'odierna Turchia cadde nell'impero bizantino. Dall'XI secolo, i selgiuchidi turchi penetrarono nel territorio dell'odierna Turchia. Nel 1299, Ottoman I divenne il primo sultano dell'Impero Ottomano, che, come stato musulmano, iniziò gli attacchi contro l'Europa, l'Asia e l'Africa. Nel 1453 cadde l'ultimo baluardo dell'impero bizantino, la sua capitale Costantinopoli. Nel 1529 i Turchi assediarono per la prima volta Vienna. Il Sultano come capo dell'Impero Ottomano aveva potere assoluto (illimitato) fino al 19° secolo. Dalla fine del XVII secolo, tuttavia, l'Impero ottomano iniziò ad essere cacciato dall'Europa, il che fu in gran parte completato durante le guerre balcaniche all'inizio del XX secolo. L'Impero ottomano perse la maggior parte dei suoi vasti stati arabi a causa della prima guerra mondiale. L'Impero ottomano scomparve nel 1923, quando Mustafa Kemal Atatürk fondò la Repubblica di Turchia. Dopo la rivoluzione kemalista e la guerra greco-turca, il Trattato di Sèvres, che privò la Turchia di gran parte del suo territorio, fu sostituito nel 1923 da un nuovo trattato di pace a Losanna. Atatürk ha secolarizzato e modernizzato lo stato turco. Ha introdotto una serie di riforme. Trasferì anche la sede del presidente, del governo e del parlamento da Istanbul ad Ankara, che fino ad allora era una piccola città all'interno dell'Anatolia. Tuttavia, la Turchia ha continuato ad affrontare problemi economici e politici, soprattutto nella seconda metà del XX secolo. In Turchia vivono da undici a quattordici milioni di curdi e il rapporto del governo turco con questa minoranza nazionale non è stato ancora completamente risolto. Un altro problema della Turchia di oggi è l'incapacità di fare i conti con il proprio passato (ad esempio, il governo turco nega il genocidio armeno commesso dall'Impero ottomano durante la prima guerra mondiale, e lo stesso "riconoscimento" del genocidio armeno è un crimine in Turchia), l'intolleranza religiosa dei cristiani che vivono in Turchia - greci, assiri, armeni...) e il nazionalismo (di nuovo diretto contro le nazionalità non turche