Stati Uniti d'America

Article

June 27, 2022

Gli Stati Uniti d'America, abbreviati in Stati Uniti (abbreviati in Stati Uniti), sono una repubblica presidenziale federale democratica del Nord America, che si estende tra l'Oceano Atlantico a est e l'Oceano Pacifico a ovest. . Confina a nord con il Canada e a sud con il Messico. Grazie allo stato dell'Alaska, il territorio degli Stati Uniti d'America si estende fino alle rive dell'Oceano Artico (lo stretto di Bering le separa dal territorio asiatico della Russia), comprende anche alcune isole del Pacifico (soprattutto le Hawaii). Gli Stati Uniti sono costituiti da 50 stati, un territorio federale con capitale e sede del Presidente, del Congresso e della Corte Suprema (Distretto di Columbia), sei territori dipendenti (Porto Rico, Isole Marianne Settentrionali, Guam, Isole Vergini americane, Samoa americane e Palmyra Atoll) e dieci piccole isole o scogliere.Con una superficie di 9,8 milioni di chilometri quadrati, gli Stati Uniti sono il terzo paese più grande del mondo (dopo Russia e Canada). Con oltre 327 milioni di abitanti, sono il terzo Paese più popoloso del pianeta (dopo Cina e India). La popolazione è tradizionalmente concentrata su entrambe le coste, ad est si trova la città più grande degli Stati Uniti, New York, sulla costa occidentale è la seconda città più grande di Los Angeles. La capitale è Washington. La parte orientale del paese è più densamente popolata rispetto alla parte occidentale. Secondo il PIL nominale, gli Stati Uniti sono la più grande economia del mondo, e secondo il PIL a parità di potere d'acquisto, la seconda (dopo la Cina). La loro produzione economica rappresenta circa un quarto del PIL mondiale. Sono il più grande importatore al mondo e il secondo esportatore. Sono diventati un simbolo e un pioniere di un'economia di libero mercato, ispirando in molti modi l'Europa o la Cina. Rispetto all'Europa, però, mostrano un minor tasso di redistribuzione della ricchezza e maggiori disparità economiche tra le persone. In PIL nominale pro capite, sono all'ottavo posto nel mondo, in PIL a parità di potere d'acquisto pro capite al dodicesimo, in indice di sviluppo umano al tredicesimo. La valuta statunitense, il dollaro, è la principale valuta di riserva mondiale. L'industria e il commercio americani hanno ottenuto ottimi risultati e conquistato mercati in tutto il mondo (Ford, Coca-Cola, Boeing, JP Morgan, Exxon, Johnson & Johnson, Walmart, Amazon, Apple, Microsoft, Google, Facebook). i paesi militarmente più potenti del mondo. Il quaranta per cento della spesa militare mondiale è negli Stati Uniti. Sono una potenza nucleare e l'unico paese ad utilizzare un'arma nucleare in un'operazione militare. Sono uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Geopoliticamente, sono valutati come una superpotenza e questo status è stato acquisito principalmente dopo il 1945, dopo la loro vittoria nella seconda guerra mondiale. Dopo la fine della Guerra Fredda (1989), si diceva addirittura che fossero l'unica superpotenza, che oggi sta cercando di cambiare soprattutto Cina e Russia. I rapporti degli Stati Uniti con l'Europa, e soprattutto con il Regno Unito, sono specifici, in quanto furono le potenze europee che colonizzarono il Nord America per fronteggiare la rivolta dei coloni locali e il movimento indipendentista, con lo scontro decisivo degli inglesi (gli inglesi dichiararono l'indipendenza dal Gran Bretagna nel 1776). Tuttavia, con l'emergere dell'inglese come lingua principale e ufficiale degli Stati Uniti, rimane il legame specifico tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna (così come altri paesi del Commonwealth di lingua inglese come il Canada e l'Australia). Il legame con l'Europa continentale occidentale è stato dato dalle ondate migratorie nel XIX secolo (soprattutto da Germania e Italia), si è rafforzato dopo la liberazione americana di questa parte d'Europa dal nazismo nel 1945. Gli Stati Uniti poi, anche attraverso l'organizzazione militare della NATO , divenne un garante della sicurezza di questa parte d'Europa. Dopo la caduta del comunismo nell'Europa centrale e orientale