Slovacchia

Article

June 28, 2022

La Slovacchia, nome completo Repubblica Slovacca, è un paese senza sbocco sul mare situato nell'Europa centrale. Confina a est con l'Ucraina, a sud con l'Ungheria, a sud-ovest con l'Austria, a ovest con la Repubblica Ceca e a nord con la Polonia. Nel 2017, 5.441.899 persone vivevano qui. La capitale è Bratislava, la lingua ufficiale è lo slovacco. La Slovacchia è membro dell'ONU, della NATO (dal 29 marzo 2004), dell'OSCE (dal 1 gennaio 1993), dell'OMC, del FMI, della Banca mondiale, del Consiglio d'Europa (dal 30 giugno 1993), dell'UE (dal 1 maggio 1993). 2004), SEE, L'Eurozona (dal 1 gennaio 2009), l'Unione doganale europea e l'area Schengen (dal 21 dicembre 2007), l'OCSE, il Gruppo di Visegrad e altre strutture internazionali. Prima dell'arrivo degli slavi nel V secolo, in Slovacchia vivevano principalmente celti e tedeschi. Nel VII secolo la popolazione entrò a far parte dell'Impero Sámi e poi le aree della Slovacchia occidentale svolsero un ruolo importante, soprattutto come uno dei centri di cristallizzazione della Grande Moravia. Dopo la scomparsa di questa unità statale, quasi tutta l'odierna Slovacchia faceva parte dello stato ungherese; tanto per cambiare, parti periferiche molto piccole facevano parte della Moravia (ad esempio l'insediamento di U Sabotů), o della Bassa Austria (il confine slovacco, la vicina Lanžhot, o l'odierna Austria). Dopo l'estinzione della dinastia ungherese degli Arpad, diverse famiglie di origine nazionale e straniera si avvicendarono in Ungheria, finché nel XVI secolo il trono ungherese fu assunto dagli Asburgo. Con l'avvento dell'Illuminismo e più tardi durante il XIX secolo, ebbe luogo il risveglio nazionale slovacco, durante il quale Ľudovít Štúr codificò lo slovacco come lingua nazionale degli slovacchi nel 1846. Fino al 1918, ci furono sforzi per promuovere l'autonomia linguistica slovacca e la promozione della cultura slovacca, che furono costantemente combattute dalla politica di unghereseizzazione dei governi ungheresi. Dopo il 1918, la Slovacchia divenne parte della Cecoslovacchia, all'interno della quale gli slovacchi ottennero lo status di nazione formatrice di stati. Tra il 1939 e il 1945 esisteva in Slovacchia la cosiddetta Repubblica Slovacca, che era un satellite della Germania nazista. Lo stato cecoslovacco fu restaurato nel 1945 e tre anni dopo il governo fu preso dal regime comunista, che fu rovesciato durante la rivoluzione di novembre del 1989. I disaccordi tra le élite politiche ceche e slovacche portarono alla spartizione della Cecoslovacchia nel 1993, con conseguente Repubblica slovacca come stato sovrano slovacco. La Slovacchia fa parte della NATO e dell'Unione Europea dal 2004 e nel 2009 è stata introdotta nel paese la moneta unica europea, l'euro. La Slovacchia è una repubblica parlamentare con istituzioni democratiche. L'azienda è caratterizzata principalmente da una produzione agricola autosufficiente, modernizzata l'industria e l'emergente settore dei servizi, che predomina sia in termini di prodotto interno lordo che di lavoro. Nel complesso, l'economia della Slovacchia ha molto successo ed è una delle più in rapida crescita della regione. A causa del profilo geografico del paese, l'infrastruttura di trasporto è meno distribuita, ma è attualmente in fase di ampliamento e modernizzazione. Nel campo della produzione di energia elettrica, predominano le centrali nucleari, seguite dalle centrali termiche e idroelettriche. Le Forze Armate della Repubblica Slovacca sono integrate nelle strutture della NATO, partecipano a missioni estere e sono attualmente completamente professionalizzate. Dai paesi circostanti, la Slovacchia ha forti legami, soprattutto con la Repubblica Ceca. Le relazioni precedentemente conflittuali con l'Ungheria sono migliorate negli ultimi anni. C'è una forte minoranza ungherese e rom che vive nel paese. La Slovacchia ha una ricca tradizione culturale e scientifica, nonché numerosi monumenti naturali e storici.

Etimologia

L'origine del nome Slovacchia e degli etnonimi slovacchi è strettamente legata all'esistenza dello stato ungherese. Perché gli antenati degli slovacchi vivevano in un'area definita separata dal confine di stato da loro linguisticamente bl�