Biblioteca Nazionale della Repubblica Ceca

Article

July 3, 2022

La Biblioteca Nazionale della Repubblica Ceca (abbreviata in Biblioteca Nazionale della Repubblica Ceca, NK ČR) è la più grande biblioteca della Repubblica Ceca e allo stesso tempo una delle più antiche biblioteche pubbliche ceche. È un'organizzazione contribuente del Ministero della Cultura e della biblioteca centrale del sistema bibliotecario della Repubblica ceca. È ospitato nell'edificio storico dell'ex Collegio dei Gesuiti Clementinum nel centro storico di Praga. Comprende la Biblioteca slava, che tuttavia gode di una posizione autonoma in materia di biblioteconomia professionale. La Biblioteca Nazionale della Repubblica Ceca è una biblioteca con un fondo bibliotecario universale focalizzato sulle esigenze delle università di tipo universitario e degli istituti di ricerca nel campo delle scienze sociali e naturali, della cultura e dell'arte. In particolare, raccoglie letteratura boema, che conserva stabilmente nel fondo di conservazione; ha diritto a una copia obbligatoria (2 copie) di tutte le pubblicazioni pubblicate nella Repubblica ceca. Il suo fondo storico è prezioso anche su scala europea.

Storia

Biblioteche Carolingie e Clementine (fino al 1777)

La biblioteca ha subito uno sviluppo complesso nella storia. Essendo collegato sia con l'edificio Klementinum che con l'Università di Praga (o università), le sue origini risalgono al 1777, quando fu fondata la biblioteca universitaria pubblica. I suoi predecessori erano: Vecchia Biblioteca Carolingia: subito dopo la fondazione dell'Università Carlo, probabilmente nel 1366, fu istituita una biblioteca presso il Collegio Carlo, la cui base fu un dono di Carlo IV. ; anche altri collegi avevano le proprie biblioteche, fino al 1622 Vecchia Biblioteca Clementina: la biblioteca fu fondata dai Gesuiti subito dopo il loro arrivo a Clementine nel 1556; servì la loro scuola latina situata qui, poi il Collegio Clementino, che ottenne lo status di università nel 1616; Durante la rivolta degli Stati del 1618-1620, quando i gesuiti furono espulsi, la biblioteca fu gestita dai maestri dell'Università Carlo La nuova Biblioteca Clementina: nel 1622 l'Università Carlo passò sotto l'amministrazione dei Gesuiti e le biblioteche del dormitorio furono trasferite alla Clementina; la biblioteca rimase qui come università anche dopo l'abolizione dell'ordine dei Gesuiti nel 1773 La nuova Biblioteca Karolinum: nel 1638 la Facoltà di Giurisprudenza e Medicina fu separata dal collegio dei Gesuiti e ad essi fu restituito il Karolinum; costruirono una propria biblioteca (pubblica dal 1726), che rimase indipendente anche dopo la riunificazione delle facoltà presso l'Università Charles-Ferdinand nel 1654; dopo l'abolizione dell'ordine dei Gesuiti, si decise di trasferirlo ai Clementini

Biblioteca Pubblica e Universitaria (1777–1918)

Dopo l'abolizione dell'ordine dei Gesuiti, la biblioteca universitaria, soprattutto grazie al conte František Josef Kinský, fu dichiarata biblioteca universitaria pubblica con decreto di Maria Teresa del 6 febbraio 1777. Allo stesso tempo, è stata fusa con le biblioteche dei dormitori gesuiti soppressi e con tre biblioteche dei Conti di Kinský. Nel 1782 chiese agli stampatori di Praga una copia obbligatoria per la biblioteca, che fu estesa a tutto il territorio della Boemia dal 1807 con un decreto del governatorato. Negli anni 1782-1787, la biblioteca acquisì una grande quantità di letteratura dai monasteri, che fu abolita nel 1781 da Giuseppe II. I fondi furono ulteriormente ampliati grazie a donazioni e acquisti di collezioni private, e significativi furono anche gli scambi di volumi duplicati con altre biblioteche. Ungar stabilì anche il concetto di base della divisione delle raccolte librarie e quindi del funzionamento dell'intera istituzione. Sotto la sua guida, iniziò la creazione di un catalogo di biglietti. Negli anni 1848-1861, Pavel Josef Šafařík era il direttore. Nel 1887 il nome della biblioteca fu cambiato in c. K. Public and University Library. Dopo la divisione dell'Università Charles-Ferdinand nel 1882 in